Milano – Varese: la cronaca.

di Francesco.

Milano – Varese 6-6 (1-2,3-2,2-2).

Milano – Ennesimo derby tra le due formazioni lombarde, sicuramente il più bello ed emozionante. Non sono della partita Chitarroni e Peca tra i rosso-blu, Matulik tra i Mastini. Parte bene il Varese in gol al 2.31 con il folletto Pittis che appoggia in rete dopo una respinta di Eriksson su tiro di Murphy. I gialloneri continuano a spingere e la loro determinazione viene premiata con il secondo gol, al 6.30 contropiede di Salonen che fredda il portiere maneghino. Il Milano pare rimasto negli spogliatoi, anche la prima linea degli Nhler non punge come in altre occasioni, il primo vero pericolo lo crea Rickmo, ben pescato sulla blu si invola verso Della Bella ma al momento del tiro viene buttato a terra da Willers che si accomoda in panca puniti per due minuti. Nel successivo power play sono prima Savard e poi Adams ad impegnare il portiere avversario, molto bravo a preservare il doppio vantaggio in entrambi i casi. Ma Della Bella nulla può al 13.53 su Helfer che dopo aver recuperato il disco sulla blu del Milano, pattina fino alla gabbia avversaria e con un tiro preciso dimezza lo svantaggio. L’ultima occasione da gol dei primi 20 minuti è ancora per la formazione di casa prima con rickmo e successivamente con Savoia, ma il portiere giallo-nero ribatte in entrambe le occasioni.

Il secondo periodo si apre con il terzo gol dei Mastini, al 0.40 Murphy ben smarcato nel terzo avversario, riceve da Lahteela e lascia paritre un potente tiro all’incrocio sinistro. Passa meno di un minuto e il Milano accorcia nuovamente le distanze ancora con Helfer bravo nel toccare in rete da sotto porta un passaggio di Tuominen. La partita
si fa nervosa quando verso il quinto minuto Lehtonen e Merzario si danno al pugilato guadagnandosi entrambi la penalità partita. Successivante alle penalità di Iannone e di Sundstrom arriva al 10.12 il quarto gol degli ospiti ancora con Salonen bravo ad infilare Eriksson in contropiede con un tiro preciso all’incrocio. Dopo pochi secondi da segnale l’uscita di Zinevych per infortunio. Gli ultimi sei minuti sono a favore del Milano che sembra aver ritrovato la solita velocità e determinazione, dopo l’occasione capitata a Touminen con un tiro dalla blu bloccato da Della Bella è Laszkiewicz a segnare con un tocco sotto porta dopo una bella azione corale di squadra. Il Varese potrebbe ancora allungare al 15.54 ancora con Salonen ma questa volta è Helfer a togliergli il disco, lo stesso numero sei rosso-blu è l’autore del pareggio su assist di Sundstrom. Il periodo si conclude con il salvataggio del golie meneghino su Sisca che dopo aver recuperato il disco su errore in attacco di Adams, parte in contropiede ma spreca.
Come i due precedenti anche il terzo drittel si apre con il gol dei Mastini ancora con Salonen, bravo a ribattere in rete il disco respinto da Eriksson su tiro di Sisca. Il Milano ancora una volta si ritrova a rincorrere, il pareggio arriva dalla stecca di Smith con un potente tiro che Della Bella non riesce a trattenere, ma passano due minuti e il Varese fa il sesto gol, con Sisca che ruba il disco a Helfer scivolato sul ghiaccio e batte il portiere rosso-blu. Il difensore meneghino si rifà al 15.18 andando ancora a segno per il definitivo e giusto 6-6.

Tags: