Al Lugano il big match della 20 giornata

Lugano-Berna 4-1 (1-0;2-1;1-0)

Davanti a 5257 spettatori, il Lugano domina un deludente Berna, mai in partita. Bianconeri subito intraprendenti e pericolosi con azioni veloci e con i primi due terzetti offensivi in evidenza. All’11.12 Gardner porta in vantaggio i bianconeri in superiorità numerica su assist di Nummelin. Il Lugano continua a mettere in difficoltà il Berna che non riesce ad imppensierire i bianconeri nemmeno con l’uomo in più visto il grande pressing del penalty killing bianconero che impedisce agli orsi di avvicinarsi alla porta difesa da Rueger. Il secondo periodo inizia con i bianconeri in doppia inferiorità numerica che subiscono la rete di Heatley al 21.28 che con un tiro dalla media distanza batte l’incolpevole portiere del Lugano. Il Lugano non si disunisce e anzi torna in vantaggio al 25.40 con la linea dei giovani che confezionano una stupenda azione che porta Bianchi a realizzare la rete del 2-1. Il Berna perde la testa, soprattutto con Sarault che si rende protagonista di falli inutili oltre a 8 minuti minori gli costano anche 10 minuti. Il Lugano non si fa pregare ed approfitta del nervosismo dei campioni per portarsi sul 3-1 con Ville Peltonen al 30.01. Il periodo conclusivo inizia con l’immediata rete, dopo 42 secondi, di Jeannin che chiude definitivamente la contesa. Da li la partita propone un Lugano che continua a giocare bene, con azioni spettacolari e un Berna che appare rassegnato alla seconda sconfitta stagionale contro la squadra vice-campione in carica. Un bel Lugano che si è dimostrato superiore ad un Berna apparso troppo nervoso e incapace di un gioco di squadra efficace. Praticamente inesistente Heatley, ben imbrigliato dalla checkerline bianconera. Ora la panchina delgi orsi comincia veramente a scottare. Una partita che non ha mantenuto le premesse della vigilia, con un Lugano troppo forte per il Berna di questi tempi. Una curiosità, il power play del Berna, 5 attaccanti in pista contemporaneamente, con Heatley e Brière sulla blu.

Kloten Flyers-Langnau Tigers 2-2 dts (2-1;0-1;0-0;0-0)

La partita della paura a cavallo della linea di qualificazione ai play offs, ha visto il Kloten passare in doppio vantaggio con Reichert al 2.36 e Bärtschi al 8.24 ma incapace di gestire il vantaggio. Langnau che si fa sotto al 12.01 con Lakhmatov e che pareggia a metà partita grazie alla rete di Steiner al 31.57. Poi la partita diventa nervosa e spezzettata con nessuna delle due squadre in grado di sopraffare l’altra. L’occasione più ghiotta si presenta ai padroni di casa incapaci di segnare negli ultimi due minuti di gioco nonostante giocassero in 5c3.

Zugo-Ambri Piotta 6-3 (1-0;1-2;4-1)

Continua la serie positiva casalinga dello Zugo che dopo aver battuto il Lugano si ripetono con l’altra ticinese. L’Ambri disputa una buona partita, ma crolla nel finale dove subisce due reti quando si stava organizzando per tentare l’assalto finale. Inizia bene per lo Zugo la serata che al 10.41 si porta in vantaggio con l’ex di turno Paolo Duca. Il raddoppio dei padroni di casa arriva al 20.44 con Richter che batte nuovamente il portiere ospite. L’Ambri però continua a crederci e raggiunge il pareggio ancora nel secondo tempo grazie alla doppietta di Domenichelli. I Biancoblù trovano anche il vantaggio all’inizio del terzo periodo con Demuth. Poi lo Zugo prende in mano le redini del confronto pareggiando cinquata secondi dopo la rete del vantaggio degli ospiti con Petrov. Al 49.25 lo Zugo passa in vantaggio con Voisard in powerplay e a quisto punto la partita cambia fisionomia. I leventinesi attaccano e quando cominciano a premere con maggiore insistenza subiscono le due reti che chiudono in anticipo la partita ad opera di Petrov al 57.41 e di Kapanen a porta vuota al 58.38. Salgono così a 9 gli incontri senza sconfitte tra le mura amiche dello Zugo.

Davos-Friborgo Gottéron 4-0 (0-0;1-0;3-0)

Il Davos non incontra eccessivi problemi ad avere la meglio di un Friborgo sempre più alla deriva. Una trippletta di Riesen e una rete di Ambühl consegnano la vitoria ai padroni di casa.

Zurigo Lions-Rapperswil/Jona 5-1 (2-1;1-0;2-0)

Lo Zurigo non si fa sfuggire l’occasione di raccogliera altri due punti in classifica battendo un Rapperswil incapace di sviluppare lo stesso gioco che lo rende invincibile in casa quando si trova lontano dal Lido. Incontro che inizia bene per gli ospiti che passano in vantaggio al 3.05 con Tanabe. Poi solo Zurigo. Il pareggio arriva al 6.12 con Zeiter, il vantaggio con Paterlini al 10.53. Nel secondo tempo lo Zurigo si limita a controllare ma trova la rete del doppio vantaggio con Camenzind al 26.41. Nel Terzo tempo non succede più nulla se non le due reti di Petrovicky che portano il punteggio sul 5-1 finale.

Ginevra/Servette-Losanna 4-1 (1-1;3-0;0-0)

Il derby del Lemano viene vinto dal Servette che piega un Losanna che non riesce più a vincere dopo la partenza a razzo. Ospiti in vantaggi al 13.21 con Zenhäusern, ma immediatamente raggiunti al 13.53 dfa Armstrong. Nel secondo tempo il Servette prende il largo e decide in suo favore la partita grazie alle reti di Grosek al 25.32, del rientrante Bezina al 28.55 e di Johansson al 30.20. Qiuidi a metà partita era chiaro che la stessa era praticamente chiusa, quindi le due squadre hanno dato l’impressione di risparmiare energie per il turno della serata successiva.

Tags: ,