Continental Cup: avvio positivo dell’Asiago

Ad Amiens l’Asiago apre l’avventura in Continental Cup mettendo in cassaforte i primi tre punti ottenuti contro lo Jesenice, piegato con il risultato di misura di 4-3; numerose le penalità, dalle quali scaturiscono cinque delle sette reti.  

Le due formazioni di Alps Hockey League, che si conosco a memoria, danno vita ad un primo tempo giocato a ritmi blandi, nei primi minuti ri ritmi di gioco sono scanditi dall’Asiago, senza tuttavia riuscire ad impensierire Froberg. La penalità inflitta a Giliati al 3.04 innesca una serie di penalità che costringono gli Stellati ad arretrare il baricentro ed esaltare il loro penalty killing e la prestazione di Vallini, mentre dalla parte opposta il gioco sloveno risulta scialbo. A parti invertite la superiorità giallorossa si dimostra più vivace: Salinitri  chiama in causa Froberg, seguito dal diagonale di Casetti. Nonostante i tentativi di riprendere il filo del gioco, gli uomini di Mattila sono costretti nel finale di periodo a gestire una nuova inferiorità.

Scontata la quale, lo Jesenice continua a sostare nel terzo d’attacco fino al fallo di Crnovic che favorisce l’1-0 di Salinitri dalla breve distanza. Neanche il tempo di gioire che, durante una ripartenza asiaghese, Patrik Rajsar intercetta il disco in zona neutra e, dopo uno scambio con Ulamec, si porta davanti a Vallini battendolo.  La gara del sodalizio italiano si mette in salita dal 28.55, quando Matteo Tessari è sanzionato per una carica alla balaustra e Brus mette la freccia del sorpasso dalla blu. Nella stessa situazione di gioco Giliati pareggia 2’ più tardi con un’iniziativa personale sulla sinistra; porzione di ghiaccio dalla quale nasce il controsorpasso, con una discesa identica alla precedente, di Mantenuto.

Nel terzo periodo le due rivali si annullano vicendevolmente a discapito dello spettacolo e delle conclusioni che  4’54” ne registra solo una. A spezzare l’equilibrio ci prova al 47’ Mantenuto con un’iniziativa personale neutralizzata da Froberg.  Qualche secondo più tardi Salinitri si deve accomodare in panca puniti, nei 2’ si superiorità la manovra degli ex jugoslavi si dimostra farraginosa e prevedibile, tuttavia Svetina trova per vie centrali il varco per ottenere il nuovo pareggio. Lo special team degli Steelers risulta ancora decisivo al 12.35 con Brus che firma il 4-3, annullato dagli arbitri dopo un lungo conciliabolo. Ripreso il gioco Vallini è chiamato a rispondere alla doppia conclusione di Stojan. Il difensore è protagonista in negativo al 55.17 con uno sgambetto dal quale matura il goal vittoria di Michele Marchetti (nella foto), lesto a riprendere il rebound concesso da Froberg sulla conclusione di Giliati. A 60” dalla conclusione coach Zupancic chiama il timeout per organizzare la sua squadra, il forechecking giallorosso gli nega la possibilità di togliere il portiere per l’uomo di movimento in più e i vicentini possono portare a casa tre importanti punti in ottica passaggio del turno.

In serata i padroni di casa dell’Amiens hanno battuto il Corona Brasov 6-0 (2-0; 1-0; 3-0); hattrick di Tomas Simonsen e reti di Aziz Baazzi, Taavi Tiala e Rudy Matima. Shutout per Henri Corentin Buysse.

Asiago – Jesenice 4-3 (0-0; 3-2; 1-1)
Asiago:
Gianluca Vallini (Luca Stevan); Lorenzo Casetti – Cameron Ginnetti – Francesco Forte – Gregorio Gios – Stefano Marchetti – Gabriele Parini – Filippo Rigoni; Daniel Mantenuto – Stefano Giliati – Michele Marchetti – Steven Iacobellis – Anthony Salinitri – Marco Magnabosco – Matteo Tessari – Michele Stevan – Marek Vankus – Alessandro Tessari – Filippo Rigoni – Samuele Zampieri – Edoardo Lievore. Coach: Petri Mattila
Jesenice: Oscar Froberg (Urban Avsenik); Aljosa Crnovic – Nejc Stojan – Ziga Urukalo – David Planko – Andraz Zibelnik – Luka Scap – Nik Sirovnik; Eric Pance – Eetu Elo – Jesperi Viikila – Nejc Brus – Erik Svetina – Saso Rajsar – Patrik Rajsar – Gasper Glavic – Luka Ulamec – Jasa Jenko – Gasper Sersen – Miha Krmelj – Ahmet Jakupovic. Coach: Nik Zupancic
Arbitri: Geoffrey Barcelo (Francia) e Zsombor Palkovi (Ungheria) Linesmen: Cyril Debuche (Francia) e Jeremie Douchy (Francia)
Penalità: Asiago 14 (8/2/4) – Jesenice 8 (2/4/2)
Tiri: Asiago 28 (6/12/10) – Jesenice 30 (5/16/9)
Marcatori: (1-0) 25.07 Anthony Salinitri (Cameron Ginnetti – Steven Iacobellis) PP; (1-1) 27.59 Patrik Rajsar (Luka Ulamec); (1-2) 30.42 Nejc Brus (David Planko – Erik Svetina) PP; (2-2) 32.30 Stefano Giliati (Stefano marchetti – Marek Vankus) PP; (3-2) 36.02 Daniel Mantenuto (Gregorio Gios – Gabriele Parini); (3-3) 48.22 Erik Svetina (Saso Rajsar – Aljosa Crnovic) PP; (4-3) 56.46 Michele Marchetti (Stefano Giliati – Stefano Marchetti) PP
Spettatori: 204

Classifica: Amiens (FRA) p.ti 3 (1 gara); Asiago (ITA) p.ti 3 (1); Jesenice (SLO) p.ti 0 (1); Corona Brasov (ROM) p,ti 0 (1) 

Tags: