IHL: conclusa la seconda fase. Al Caldaro il Qualification Round

La seconda fase della IHL si chiude con tre partite, tutte del Master Round, terminate al supplementare che premia Merano, Varese ed Appiano. Il Caldaro si aggiudica il primo posto del Qualification Round. Como a forza sette in riva al lago di Alleghe. Da giovedì 27 al via i playoff con i quarti di finale giocati al meglio delle sette gare (le altre date 29 febbraio, 3 marzo, 5 marzo. Eventuali: 7 marzo; 10 marzo; 12 marzo) 

Il Merano deve ricorrere al supplementare per avere ragione di un Pergine mai domo: i trentini obbligano le Aquile bianconere a dare fondo alle loro energie nei primi due periodi per impattare con Manuel Lo Presti e Michal Juscak i vantaggi realizzati da Christian Lombardi e Nick Buonassisi in power play. Il sorpasso altoatesino nasce dalla stecca di Mitch Nardi; pur subendo il costante forechecking altoatesino, 8’ più tardi Buonassisi riesce a bucare per la seconda volta la gabbia avversaria e rimandare la resa dei conti al supplementare, chiuso da Nardi al 61.47.

Con le posizioni in classifica cristallizzate, Varese-ValpEagle aveva valore solo ai fini statistici; le due avversarie sono scese sul ghiaccio del PalAlbani a ranghi ridotti, nonostante ciò i protagonisti sul ghiaccio non si sono risparmiati, soprattutto i Mastini, costretti per due volte a rincorrere: prima per rimediare alla rete in backhand di Iiro Vehmanen in situazione di cinque contro quattro, impattata da Vanetti al termine di un contropiede mortifero che l’ha messo in condizione di segnare in uno contro zero, successivamente alla rete di Alex Silva, anch’egli in rete in superiorità, neutralizzata da Riccardo Privitera in diagonale. La partita rimane inchiodata sul 2-2 fino al 60’, nel supplementare Piroso toglie le castagne dal fuoco mettendo fine ad una partita complicata.

Il Bressanone fallisce l’assalto al terzo posto venendo sconfitto in casa dall’Appiano, trascinato da Rok Pajic, il quale mette lo zampino nei tre goal dei Pirati. Nei minuti iniziali il match è contraddistinto dalle penalità assegnate, nell’arco di 45”, a Christian Sottsas e a Simone Critelli. Se il power play dei gialloblù non si concretizza, in penalty killing consente a Markus Mair di annichilire i Falcons, i quali, chiuso il primo tempo senza reti, ribaltano il punteggio nella frazione centrale mandando a segno René Castagnaro e Patrick Bona. Gli uomini di Giovanni Marchetti non si perdono d’animo e al 52’ il duo Pajic-Mair colpisce nuovamente spedendo le due rivali all’overtime, risolto dopo appena 18” da Emanuel Scelfo.

Nel Qualification Round il Caldaro blinda il primo posto superando l’Unterland con un netto 3-0 frutto delle reti, una per periodo, di Michele Volcan, Luca de Donà e Raphael Felderer.  Primo shutout stagionale per Daniel Morandell.

Il Como chiude la stagione concentrando la seconda vittoria consecutiva: dopo il Valdifiemme in casa, gli uomini di Petr Malkov conquistano Alleghe trascinati dal duo formato da Gianluca Tilaro, autore di un hattrick, e Hector Majul, a referto con una doppietta. La flebile resistenza agordina è riposta nel power play finalizzato nel mezzo da Edgar De Toni. Sul 5-1 Davide Xamin firma l’allungo, ridotto tra il 37’ e il 45’ da Mirko Giolai e Loris De Val, un minuto più tardi Matteo Formentini mette fine alle ostilità con la rete del definitivo 7-3.

 
Risultati 10a giornata
sabato 22 febbraio
Master Round
Bressanone – Appiano 2-3 ot
Merano – Pergine     4-3 ot
Varese – ValpEagle   3-2 ot

Qualification Round
Alleghe – Como       3-7
Caldaro – Unterland  3-0
Riposa: Valdifiemme

Classifica Master Round
1.Merano      39 punti (10 partite)
2.Varese      36 (10)
3.Pergine     26 (10)
4.Bressanone  23 (10)
5.ValpEagle   21 (10)
6.Appiano     19 (10)

Classifica Qualification Round
1.Caldaro     26 punti (8 partite)
2.Alleghe     23 (8
)
3.Unterland   16 (8)
4.Valdifiemme 15 (8)
5.Como        12 (8)

Prossimo turno
Quarti di finale
Gara 1
giovedì 27 febbraio
Merano – Alleghe
Varese – Caldaro
Pergine – Appiano
Bressanone – ValpEagle

Tags: