AHL SFG2: pronto riscatto di Renon e Jesenice

Renon e Jesenice riequilibrano prontamente la rispettive serie di semifinale. I campioni d’Italia ristabiliscono il fattore campo espugnando l’Olimpico di Cortina. Gli sloveni s’impongono al termine di una gara in cui la noia non ha avuto residenza alla Sportna dvorana Podmezakla.

Cortina – Rittner Buam 2-5 (1-1; 1-3; 0-1)
Serie: 1-1
Come in gara 1, il Cortina si presenta davanti al proprio pubblico senza lo squalificato Fontanive e l’infortunato Ronny De Zanna. Gli ospiti colpiscono a freddo con Oscar Ahlström, pronto a ribadire in rete la respinta di Marco De Filippo Roia. Nonostante il forechecking altoatesino, il Cortina pareggia finalizzando un power play con Zach Torquato. Il Renon costruisce il successo nel secondo tempo tornando in vantaggio con Alex Frei e allungando, di lì a poco, con Tommaso Traversa in quattro contro quattro. Gli ospiti continuano a tenere sotto scacco gli Scoiattoli: con un uomo in meno gli ampezzani incassano la quarta rete della serata con Frei. Coach Drew Omicioli chiede timeout e riorganizza la squadra, la quale, tornata sul ghiaccio va a segno con Edoardo Caletti in power play. Nel terzo tempo Roland Hofer cala la cinquina, gli arbitri visionano l’instant replay e non convalidano. Nel finale Oscar Ahlström, in superiorità, arrotonda il punteggio sul definitivo 5-2.
Marcatori: (0-1) 00.40 Oscar Ahlström (Victor Ahlström – Andreas Alber); (1-1) 13.28 Zach Torquato (Riley Brace – Edoardo Caletti) PP; (1-2) 22.40 Alex Frei (Markus Spinell); (1-3) 24.24 Tommaso Traversa (Thomas Spinell – Dan Tudin); (1-4) 28.34 Alex Frei (Simon Kostner – Victor Ahlström) PP; (2-4) Edoardo Caletti (Riley Brace – Francesco De Biasio) PP; (2-5) 56.58 Oscar Ahlström (Victor Ahlström – Christian Borgatello) PP

Jesenice – Asiago 6-4 (1-0; 2-2; 3-2)
Serie: 1-1
Partono bene gli Stellati che dominano i primi minuti di gioco favoriti anche da un power play, Long spreca l’occasione di sbloccare il punteggio e lo Jesenice li punisce con Jure Sotlar, il quale, dimenticato dalla difesa giallorossa, infila il disco nel sette della gabbia. Nel secondo tempo, la formazione guidata da Barrasso impiega 2’ a sovvertire il punteggio con la deviazione di Krys Kolanos e il goal di Giulio Scandella maturato dopo aver vinto un ingaggio, nel mezzo Jaka Ankerst colpisce la traversa. Gli sloveni cambiano passo e pareggiano con Marian Manfreda al termine di un’azione insistita; con la partita saldamente in mano Sotlar recupera il puck scagliato da Zan Jezovsek e, aggirata la gabbia asiaghese, batte Frédéric Cloutier. Il nuovo vantaggio dura fino al 43’, quando Anthony Nigro mette a frutto il gran lavoro all’angolo di Kolanos. Gli ultimi botti vengono fatti deflagare nei 6’ finali: Scandella, al termine di una discesa stende Rok Stojanovic. La formazione di casa incassa senza scomporsi e risponde assestando un uno-due con Sotlar e Ankerst. Coach Tom Barrasso toglie il portiere per l’uomo di movimento in più, la mossa produce il sesto goal sloveno realizzato da Luka Kalan.
Marcatori: (0-1) 08.39 Jure Sotlar (Martin Oraze – Eric Pance); (1-1) 20.25 Krys Kolanos (Colin Long – Stefano Marchetti); (1-2) 22.26 Giulio Scandella (Matteo Tessari – Andreas Lutz); (2-2) 27.45 Marjan Manfreda (Aleksandar Magovac – Saso Rajsar); (3-2) 31.04 Jure Sotlar (Zan Jezovsek – Martin Oraze) PP; (3-3) 42.31 Anthony Nigro (Krys Kolanos – Colin Long); (3-4) 54.14 Giulio Scandella (Stefano Marchetti – Dan Sullivan); (4-4) 56.35 Jure Sotlar (Eric Pance – Nathan DiCasmirro); (5-4) 56.52 Jaka Ankerst (Nejc Berlisk); (6-4) 59.42 Luka Kalan (Nathan DiCasmirro – Saso Rajsar)

youtu.be/7siWmrelKOc

Tags: ,