Cambia la testa: Big match all’Appiano. Ora e Feltre positive sorprese.

Il ventiduesimo turno di campionato inizia nel tardo pomeriggio di sabato con un colpo di scena: a Milano non si gioca in quanto con l’accendersi delle luci del Palagorà si sono materializzati due problemi. Il primo riguarda il ghiaccio che è stato caratterizzato da un buco venutosi a creare a causa di una rottura di una serpentina del sistema di raffreddamento, mentre il secondo ha riguardato la macchina del ghiaccio che si è improvvisamente guastata. Quindi, con buona pace dell’Alleghe e dei tifosi rossoblù, tutto rimandato.

La prima partita giocatasi è stata Merano – Varese che ha visto la vittoria 4 a 2 della squadra di casa, nonostante un Varese piuttosto combattivo che ha dato filo da torcere alle Aquile soprattutto nella seconda frazione. Penalizzante per i gialloneri è stato il primo drittel, dominato dai padroni di casa senza che i Mastini abbiano mostrato grandi cose. Diverso è stato il secondo periodo durante il quale i lombardi hanno osato qualcosa di più mostrando buone cose e due occasioni colossali sono state sprecate dai Mastini quando erano sotto di una rete. Nel terzo il Merano ha trovato la rete che ha definitivamente chiuso il match, dominato comunque sul piano del gioco e delle occasioni.

Lo scontro al vertice tra Appiano e Fiemme si è concluso con il successo dei Pirati di casa, i quali hanno sconfitto la formazione trentina col punteggio di 4 a 3.  Al doppio vantaggio altoatesino, il Fiemme ha ridato speranza alla sua serata intorno a metà gara, ma nella prima parte del terzo drittel altre due reti gialloblu non sono bastate per smorzare la voglia degli ospiti i quali si sono riportati sotto, riducendo lo svantaggio, senza però trovare, negli ultimi 3′, la rete del pareggio. Vittoria importantissima per l’Appiano il quale, grazie proprio a questi 3 punti, scavalca il Fiemme e si riporta al comando della graduatoria.

Partita, come si suol dire, maschia ma corretta quella domenicale tra Ora e Pergine. Il vantaggio degli ospiti allo scadere del primo tempo arriva per merito di Presti che marca in inferiorità numerica. La ripresa invece, nonostante una prevalenza ospite, segnala due reti ravvicinate delle Rane. Tutto avviene a cavallo di metà gara quando nell’arco di due minuti prima un powerplay favorisce il pareggio e poi con le squadre al completo, giunge a sorpresa il vantaggio altoatesino.

Il match di Chiavenna indica una formazione di casa agguerrita e più che mai vogliosa di chiudere la stagione in risalita, scrollandosi dal penultimo posto il classifica. Nonostante l’impegno vedeva il pronostico avverso, favorevole quindi al più quotato Caldaro, la formazione verdeblu non si è certo tirata indietro. I lucci sono passati due volte in vantaggio, ma entro un paio di minuti hanno subito il pareggio della compagine di casa, apparsa senza alcun timore riverenziale nonostante il divario di classifica. Questo però dura metà gara perchè nella seconda mezz’ora gli ospiti appaiono più concreti, prendono il vantaggio e nel terzo tempo arrotondano il bottino fino a stabilire il 7 a 2 finale che spinge gli altoatesini sempre nelle zone alte a ridosso del Fiemme. Chiavenna punito oltremodo per quanto mostrato.

Sul ghiaccio di Feltre gli ospiti sono i ragazzi del Rittner Buam, sconfitti 3 a 2. Trova la vittoria il Feltre che non lo schioda dall’ultima posizione ma almeno raccoglie positività davanti al proprio pubblico. Il Rittner ha costruito sicuramente maggior volume di gioco ma non ha trovato la giusta concretezza. Fondamentale l’apporto di Dall’Agnol, autore di una rete e di due assist decisivi.

 

RISULTATI 22a giornata

MILANO – ALLEGHE: non disputata

MERANO – VARESE 4-2 (2:0 1:2 1:0)

APPIANO – FIEMME 4-3 (1:0 1:1 2:2)

ORA – PERGINE 2-1 (0:1 2:0 0:0)

CHIAVENNA – CALDARO 2-7 (1:1 1:3 0:3)

FELTRE – RITTNER BUAM 3-2 (1:1 2:1 0:0)

Riposa: Como

 

CLASSIFICA

Appiano 49, Fiemme 48, Caldaro 47, Merano 45, Milano 41, Alleghe, Pergine 34, Ora 27, Varese, Como 17, Rittner Buam 14, Chiavenna 9, Feltre 4

Feltre, Como, Chiavenna, Milano, Alleghe 2 partite in meno. Appiano, Merano, Caldaro, Pergine, Rittner 1 partita in meno

Tags: