Warm up EBEL: Foxes in cantiere, Villach pronto a ripartire

Entrambe eliminati nei quarti di finale, Bolzano e Villach ripartono con l’intenzione di non scendere al di sotto delle prestazioni della scorsa stagione, con l’imperativo di migliorare. I Foxes non hanno saputo ripetere l’impresa dell’anno prima ed hanno vissuto una stagione di metà classifica, condizionata dalla preparazione rallentata. Uno scenario che si è ripetuto anche quest’estate, quando ha più volte aleggiato sul Palaonda lo spettro della chiusura. Il Villach è stato protagonista di una grande stagione regolare, chiusa al terzo posto. Una flessione nella seconda parte del torneo ha poi pesato sull’eliminazione contro i Red Bull Salisburgo. Per una squadra che ha dimostrato margini di crescita negli ultimi tempi, l’obiettivo è raggiungere i playoff per il quarto anno di fila.

HC Bolzano Foxes
“Il secondo album è sempre il più difficile della carriera di un artista”. Parafrasate la frase del cantante Caparezza e avrete il riassunto del secondo anno in EBEL dei Foxes, vissuto da campioni. Il ritardo di garanzie economiche e accordi istituzionali ha rallentato l’organizzazione della stagione per la seconda estate consecutiva, e difendere il titolo si è rivelato impossibile. Mario Simioni ha faticato, e il subentrato Don MacAdam non ha avuto abbastanza tempo per invertire la rotta. I quarti di finale contro il Linz persi a gara7 sono stati una prova di cuore. Troppo forte l’eredità di Tom Pokel, tanto da richiamare il tecnico sul pancone biancorosso, vincendo la concorrenza di Pat Curcio. L’obiettivo (e il sogno) è quello di riprodurre il Bolzano dei miracoli, una macchina da gioco ormai complessivamente smantellata con le ultime partenze. Ziga Pance, eroe della finale 2013-2014, è passato al Villach assieme a Rick Schofield aprendo ad un nuovo ciclo di addii: DeSimone al Graz, Galvins a Riga nella sua Lettonia, Carnevale al Kassel Huskies, Sisca al Manchester Storm, in EIHL come Zanette (a Edimburgo), Nesbitt al Gwinett Gladiators e, infine, Crowley al Cortina. Trovate le garanzie necessarie per organizzare la stagione, Dieter Knoll ha messo mano al mercato in ritardo rispetto al resto della EBEL. Il roster è quasi ultimato ma la squadra è ancora in cantiere, infatti l’esordio sul ghiaccio è stato solo ieri nell’amichevole contro l’Asiago. La costruzione c’è, ora va resa operativa. Il primo acquisto è Taylor Vause, seguito dagli ex Valpe Nate di Casmirro e Matt Pope, meritevoli del salto di qualità. Poi i nomi pesanti: dalla Svezia il 34enne Steve Saviano e Jerry Pollastrone, pronti a fornire punti importanti, da oltreoceano i canadesi Joel Broda e il difensore Brett Fleming. Confermati i senatori Insam, Bernard, Gander, Egger, Oberdhofer, cui si aggiungono giovani talenti che vivranno il sogno EBEL: i promettenti Daniel Morandell, Danny Deanesi e Luca Franza. Try-out per Philipp Beber, Michele Marchetti e la promessa slovena Podlipnik. Rumor attorno a Almtorp e Kovacevic. A conferma della gabbia la saracinesca Hübl. Pokel cercherà di far rivivere il sogno al popolo biancorosso, pronto ad archiviare una stagione disputata con cuore e agonismo ma senza sorprendere.

Acquisti: Taylor Vause (a, CAN – Adirondack Flames, AHL), Nate DiCasmirro (a, ITA – Valpellice), Matt Pope (a, CAN – Valpellice), Steve Saviano (a, USA – Djurgåndens, SHL), Denny Deanesi (a, ITA – Caldaro), Daniel Morandell (p, ITA – Caldaro), Jerry Pollastrone (a, USA – Mora, Allsvenskan), Matic Podlipnik (try-out, d, SLO – Olimpjia Lubiana), Joel Broda (a, CAN – Hersey Bears, ECHL), Luca Franza (d, ITA – Caldaro), Brett Fleming (d, CAN – Lehigh Valley Phantoms, ECHL), Michele Marchetti (try-out, a, ITA – Fassa), Philipp Beber (try-out, d, ITA – Merano)
Cessioni: Ziga Pance (a, SLO – Villach), Rick Schofield (a, CAN – Villach), Philip DeSimone (a, USA – Graz 99ers), Guntis Galvins (d, LAT – Dinamo Riga, KHL), Taylor Carnevale (d, CAN – EC Kassel Huskies, DEL2), Matthew Sisca (a, CAN – Manchester Storm, EIHL), Derek Nesbitt (a, CAN – Gwinett Gladiators, ECHL), Paul Zanette (a, CAN – Edimbrugh Capitals, EIHL), Richie Crowley (d, USA – Cortina)

Villach SV
I quarti di finale contro i Red Bull determinati da mesi a vincere il titolo erano qualcosa di quasi proibitivo. Se a questo si aggiunge un pick round disputato in calando e chiuso all’ultimo posto (10 ko in 10 gare, di cui quattro all’overtime) avremo il finale di stagione del Villach. Il terzo posto di regular season faceva ben sperare, ma gli uomini di Järvenpää sono crollati nella seconda fase, soffrendo di vertigini. La squadra di metà classifica ha saputo proiettarsi in alto, ma restare ad alta quota non è facile, e il Villach ha ceduto il passo a sfidanti entrate in un ottimo stato di forma. L’eliminazione in sei gare contro i campioni è un punto da cui ripartire per cercare di ripetere l’ottima regular season con l’obiettivo di farsi valere ai playoff, obiettivo raggiungibile. Per abituarsi ai quartieri alti le Aquile hanno ceduto parecchio, acquistando con meticolosità. Lammers, Altmann, Jarrett sono cessioni illustri, Krog, Haydar e Waugh addii di spessore rimpiazzati da altri esperti poco più giovani, il giovane Siutz ritenta la strada svedese in terza lega. Gli innesti però possono rivelarsi pungenti e decisivi: Ziga Pance si è messo in mostra in due anni a Bolzano, e Schofield l’ha seguito. Andy Canzanello rappresenta esperienza in difesa dopo 8 stagioni in DEL, l’ex Brunico Matt Kelly e Miha Verlic arrivano da Graz, il 32enne Dustin Johner è chiamato a fare punti forte del suo ottimo scoring in Allsvenskan (216 in cinque stagioni). Le conferme di Santorelli, Hunter, McBride valgono come degli acquisti. Florian Mülsthein arriva a Villach da campione d’Austria, linfa per una difesa rinforzata. Jean-Philippe Lamoreux difenderà la gabbia per la quarta stagione. I carinziani possono fare bene, ma la concorrenza per i posti più importanti è agguerrita. Tuttavia, il coach Hannu Järvenpää conosce bene campionato e ambizioni del team. Le potenzialità per ripetersi e migliorare ci sono, il progetto di crescita è solido, ma sul ghiaccio ci sarà da lottare.
Acquisti: Florian Mülsthein (d, AUT – Red Bull Salzburg), Andy Canzanello (d, USA – Straubing Tigers, DEL), Ziga Pance (a, SLO – Bolzano), Matt Kelly (d, CAN – Graz 99ers), Rick Schofield (a, CAN – Bolzano), Miha Verlic (a, SLO – Graz 99ers), Dustin Johner (a, CAN – Vasterås), Markus Schlacher (d, AUT – Vienna Capitals)
Cessioni: Klemen Pretnar (d, SLO – Vienna Capitals), Mario Altmann (d, CAN – Linz), John Lammers (a, CAN – Innsbruck), Marius Gorhringer (a, AUT – Linz), Geoff Waugh (d, CAN – Nottingham Panthers, EIHL), Thomas Honeckl (p, AUT – Graz 99ers), Jason Krog (a, CAN – Rouen), Philip Siutz (d, AUT – Vannas HC, Divison1 SVE), Cole Jarrett (d, CAN – Tohoku Free Blades, Asia League), Darren Haydar (a, CAN -)