QFG7: l’Asiago in semifinale. L’Appiano esce a testa alta

(Comun. stampa Asiago Hockey 1935) – L’Asiago Hockey 1935 è in semifinale. Gli stellati hanno avuto la meglio (4-2), nell’epilogo finale di gara 7, del coriaceo e sorprendente Appiano che ha terminato la sua stagione a testa alta e con tutti gli onori del caso. La “bella” è stata un vero e proprio stillicidio di emozioni e i sessanta minuti hanno riproposto in formato ridotto quel che è stata la serie fra due squadre che hanno provato in tutti i modi ad ottenere il passaggio del turno. Alla fine l’equilibrio lo ha rotto un episodio: la penalità per ritardo di gioco a Stimpfl che ha permesso all’Asiago il powerplay che ha fatto pendere l’ago della bilancia dalla parte dei padroni di casa. Formazioni annunciate nei due schieramenti con l’unica novità di Nicola Tessari a disposizione di coach John Parco costretto, considerato l’infortunio a Magnabosco, di riassettare le linee offensive con Matteo Tessari in prima, Iori in seconda e Stevan in terza. Assetto rivisto per l’ultimo tempo giocato con Nigro al posto di Tessari. Primo affondo e l’Asiago passa a condurre con Iori che di rovescio mette il disco raso ghiaccio sul palo distante dove Vallini non riesce ad intervenire. Al 10’, occasione in doppia superiorità numerica che i giallorossi non sfruttano. Due uomini di movimento in più per l’Asiago anche al 16’ e, stavolta, i padroni di casa non si lasciano sfuggire l’opportunità per raddoppiare con Bentivoglio che, dallo slot mette dentro in sicurezza l’assist di Nigro. Nel finale di prima frazione, doppia superiorità anche per i Pirati che, a tre secondi dalla prima sirena, dimezzano lo svantaggio con Ceresa.

La partita rimane piacevolissime e veloce anche nel secondo tempo, l’Asiago prova l’allungo ma Vallini fa sempre il suo. Al 25’, fiammata offensiva degli altoatesini che pareggiano con Waldner che, con un diagonale dalla destra, fa secco Marozzi. Dopo 6 partite e 25 minuti Asiago ed Appiano sono ancora in perfetta parità. Il tempo centrale non registra altre marcature per merito dei due estremi difensori, sempre sicuri ed efficaci nei loro interventi.

Nel terzo tempo l’Appiano perde per infortunio Alex Jaitner, sostituito da Peruzzo. Al 54’ l’episodio che decide la serie: Stimpfl, dal proprio terzo di difesa tocca male il disco e lo manda in tribuna: l’Asiago, nel powerplay successivo, trova il gol che rompe gli equilibri con Nigro che davanti a Vallini devia la conclusione dalla distanza di Miglioranzi. Poco dopo, l’Appiano spreca una superiorità numerica con l’Asiago efficacissimo nel tenere lontani da Marozzi i giocatori avversari. Si arriva nel caldo finale: l’Appiano prova a impattare nuovamente il risultato ma la penalità a De Hart rende ancor più complicata la faccenda. Vallini lascia posto a un giocatore di movimento, Bentivoglio va alla conclusione a porta vuota ma centra il palo. Il gol (tecnico) è comunque assegnato per il lancio del bastone di Waldner. Game over, l’Asiago vince e va in semifinale con il Milano (martedì sera gara 1 all’Odegar); l’Appiano perde e termina una stagione comunque da considerare molto positiva.

Asiago Hockey 1935 – HC Appiano Roi Team 4-2 (2-1; 0-1; 2-0) Serie 4-3. Asiago in semifinale

Asiago: Marozzi (Tura); Sullivan, Strazzabosco A., Miglioranzi, Casetti, Marchetti, Hotham, Munari, Strazzabosco M.; Tessari N., Borrelli, Presti, Nigro, Tessari M., Stevan, Ulmer, Bentivoglio, Benetti, Iori, Pace. All.: John Parco.

Appiano: Vallini (Tomasi); Stimpfl, De Hart, Beber, Ebner F., Ceresa, Messner, Eisenstecken, Lacroix; Hazen, Unterkofler, Platter, Waldner, Raffeiner, Jaitner P., Von Payr, Peruzzo, Ebner T., Jaitner A., Vallerand. All.: Patrice Lefebvre.

Arbitri: Daniel Gamper e Claudio Ferrini. Giudici di linea: Patrick Gruber e Claus Unterweger.

Marcatori: 1’15” Iori (As), 16’48” Bentivoglio (As-2PP), 19’57” Ceresa (Ap-2PP), 25’22” Waldner (Ap), 54’39” Nigro (As-PP), 19’29” Bentivoglio (As)

Tags: