La Germania di Pat Cortina domina l’EIHC francese

EIHC Briançon 2014-02Tra le Nazionali assenti a Sochi, probabilmente, la selezione tedesca è quella più delusa di tutte per la mancata qualificazione al torneo olimpico. Ma versare lacrime sul latte versato non è mai utile e così la federazione teutonica ha proiettato il suo sguardo ai prossimi mondiali programmando una preparazione iniziata in novembre con la classica Deutschland Cup, proseguita con una serie di amichevoli con la Lettonia in dicembre e la partecipazione, nel terzo break internazionale, all’Euro Ice Hockey Challenge; di questo torneo, delle due tappe in programma a febbraio, quello andato in scena a Briançon, è stato decisamente più interessante per il calibro delle partecipanti, tutte rappresentative di Top Division.

Il torneo è stato aperto da Germania-Danimarca: i danesi, portatisi in vantaggio con Patrick Bjorkstrand, ha subìto il ritorno della tedeschi andati in rete con Marcel Muller e Thomas Oppenheimer. La Francia non ha saputo approfittare del fattore campo, cedendo all’agguerrito Kazakistan che si è imposto 4-2 (2-1; 0-0; 2-1); Jonathan Janil, Yevgeniy Gasnikov, Roman Starchenko, Yorick Treille, Alexey Litvinenko e Roman Savchenko i marcatori.

Danimarca e Francia rimangono a bocca asciutta anche nella seconda giornata: i danesi, contro il Kazakistan, nel primo tempo, stramazzano sotto i colpi degli asiatici a segno, nei primi 12’, con Starchenko, Fedor Polichshuk e Mikhail Panshin per poi tentare una rimonta con le reti di Anders Poulsen e Thomas Spelling in 38” a fine periodo. Nella frazione centrale le distanze non mutano, gli ex sovietici provano l’allungo con Nikolay Antropov, ma gli scandinavi rimangono in partita con Frederik Storm, sebbene il punteggio non cambi fino alla conclusione del match. “Les Blues” vengono letteralmente bombardati dal reparto offensivo della Germania, ciò nonostante la montagna partorisce un topolino: dei cinquantatre tiri, la formazione di Pat Cortina buca la gabbia di Ronan Quemener solo in due occasioni con Sinan Akdag e Frank Mauer.

L’ultima giornata è quella della resa dei conti: i Galletti, fin qui deludenti, si riscattano parzialmente contro la Danimarca con un netto 4-1 (doppietta di Yorick Treille, Julien Albert e Janil e Poulsen per i danesi). Con lo stesso punteggio la Germania strapazza il Kazakistan dominando il primo tempo con le marcature di Alexander Barta, Yasin Ehliz e Constantin Braun. Il tentativo di riaprire la partita di Polichshuk è annullato dal Akdag.

La Germania conquista, così,  il suo primo EIHC classificandosi prima a punteggio pieno.

Risultati:
Germania – Danimarca 2-1 (1-1; 1-0; 0-0)
Francia – Kazakistan 2-4 (1-2; 0-0; 1-2)
Danimarca – Kazakistan 3-4 (2-3; 1-1; 0-0)
Francia – Germania 0-2 (0-0; 0-1; 0-1)
Francia – Danimarca 4-1 (3-0; 1-1; 0-0)
Germania – Kazakistan 4-1 (1-1; 2-0; 1-0)

Classifica finale: Germania p.ti 9; Kazakistan p.ti 6; Francia p.ti 3; Danimarca p.ti 0.