L’Alleghe vìola la tana dei Mastini

Le intense piogge di questi giorni hanno influito anche sull’attacco dei Mastini che, contro l’Alleghe, si sono presentati sul ghiaccio con le polveri bagnate. Con diverse defezioni in organico da ambo le parti (Di Vincenzo, Piccinelli, Michael Mazzacane per Varese, Lorenzi e Manuel De Toni per l’Alleghe su tutti), il Varese si è dimostrato apatico e, a tratti, timoroso nei confronti degli avversari.

SONY DSCLa fase iniziale di studio dura poco, le Civette impiegano 3’37” a rompere il ghiaccio: al primo affondo De Val recupera il disco dietro la gabbia, l’aggira depositando il disco alle spalle di Broggi. L’avvio del Varese è più lento, ai gialloneri è necessario qualche minuto in più per carburare, la prima conclusione è di Privitera, ma per impensierire Fontanive è necessario ben altro. Gli agordini, alla ricerca dell’allungo, sbattono contro il palo colpito da Testori a porta vuota, l’attaccante non rende onore al recupero del disco di Monferone che ha originato l’azione. La legge del “goal sprecato, goal subito” è implacabile e 20” più tardi Erik Mazzacane sfodera un diagonale letale sul quale l’estremo difensore biancorosso non è in grado di opporsi. Tornati in parità Monferone indica la strada da seguire ai suoi: al 15.43, Testori trova il modo di farsi perdonare l’errore precedente servendo a Monferone, posizionato alla destra di Broggi, il disco che vale il nuovo vantaggio. I Mastini hanno l’occasione di pareggiare al 17.44 con il contropiede di Privitera, il cui passaggio orizzontale, davanti allo slot avversario, non è finalizzato da Erik Mazzacane giunto a rimorchio.

SONY DSCNel secondo tempo, col passare dei minuti, la gara perde la sua vivacità. L’Alleghe arretra il proprio baricentro lasciando l’iniziativa ai padroni di casa che, tuttavia, non mostrano mai la necessaria cattiveria per impattare il punteggio. Privitera prova a stimolare i Mastini con una serie di discese mai finalizzate dai suoi compagni di squadra. Al 27.42 Sorrenti tenta una sortita solitaria, la conclusione dalla media distanza è neutralizzata da Fontanive.  Le due formazioni si contraddistinguono per la correttezza sul ghiaccio, la seconda penalità della partita, fischiata a Da Tos (in precedenza era toccato a Ilic occupare il penalty box) risulta fatale ai Mastini che subiscono l’iniziativa del duo Monferone-Testori: il primo d’esperienza confeziona un passaggio per il suo compagno di linea che, messo a sedere, Broggi segna l’allungo.

SONY DSCNell’ultima frazione di gioco il leit motiv della gara non cambia: Mastini dagli artigli spuntati e Civette sempre pronte a far male, come al 43.56, quando Cadorin impegna Broggi dalla blu. La scarsa serata di vena dei Mastini agevola l’Alleghe che sapientemente controlla il gioco, i minuti trascorrono inesorabili per gli uomini di Ilic, i quali hanno una fiammata al 52.14 con Erik Mazzacane al termine di un’azione insistita. Gli ospiti hanno l’occasione di chiudere la pratica al 55.06 con Testori che, rubato un disco a Francesco Borghi in fase d’impostazione, non ha la necessaria freddezza per battere Broggi. I biancorossi rischiano la beffa nel finale: in situazione di superiorità, Fontanive è superato dal tiro di Andreoni, il disco destinato a superare la linea di porta è spazzato via dal provvidenziale intervento di Soppera che strozza l’urlo di gioia dei supporters gialloneri. Gli assalti dei padroni di casa, nei secondi finali, producono un goal, realizzato ad 1” dal suono della sirena da Andreoni, giudicato irregolare dalla terna arbitrale, nonostante le proteste dei varesini. L’unica recriminazione che i Mastini possono vantare è quella di aver ritrovato la grinta che li contraddistingue troppo tardi.
L’Alleghe, con una gara accorta, conquista l’intero bottino che li catapulta in testa alla classifica.

SONY DSC

Le impressioni dei due allenatori a fine partita.

Nenad ilic (Varese):

“E’ stata una bella partita. Tutti hanno dato il massimo; i pochi errori, stupidi, errori commessi li abbiamo pagati a caro prezzo. Di sicuro avremmo meritato un punto. Purtroppo i ragazzi hanno il vizio di prendere due minuti di penalità, quando non è necessario. Gli arbitri hanno diretto bene la gara. Ad ogni modo, giocando così, spero di concludere la Regular Season al quarto posto. Spero di non dover più fare i conti con gli infortuni”.

Primo Fontanive:

“Sapevamo che contro i Mastini sarebbe stata dura, inoltre siamo venuti a Varese senza una linea e senza tre terzini bravi, quelli presenti hanno fatto il loro dovere. L’importante era vincere per rimanere primi.”

Come sta rispondendo il pubblico di Alleghe?

“Il nostro pubblico ha risposto fin dall’inizio. Abbiamo sempre 500-600 persone, più di qualche squadra di Serie A. Noi siamo contentissimi, anzi, non ci aspettavamo che fosse così presente. Siamo rimasti sorpresi.
La passione non muore mai e non retrocede. E’ bello che sia così, perché questi ragazzi giocano per passione, nessuno di loro percepisce compensi”.

Varese – Alleghe 2-3 (1-2; 0-1; 1-0)
Varese: Lorenzo Broggi (Simone De Lorenzo); Francesco Borghi – Dario Cortenova – Matteo De Lorenzo – Stefan Ilic – Mirko Pipitone – Rudi Rossi; Marco Andreoni – Marco Fiori – Erik Mazzacane – Filippo  Milo – Riccardo Privitera – Fabio Senigagliesi – Salvatore Sorrenti. Coach: Nenad Ilic
Alleghe:  Davide Fontanive (Gabriele Manfroi); Moreno Cadorin – Milos Ganz – Igor Moretti – Diego Soppera – Giovanni Benvegnù; Manuel Da Tos – Alan Davare – Loris De Val – Enrico Fontanive – Tiziano Franceschini – Marco Lorenzini – Jari Monferone – Davide Testori. Coach: Primo Fontanive
Arbitro: Fabio Lottaroli  Linesmen: Willy Volcan e Pier Luigi Chiodo
Penalità: Varese 6 (0/2/4) – Alleghe 2 (0/2/0)
Tiri: Varese 39 (12/18/9) – Alleghe 41 (21/8/12)
Marcatori: (0-1) 03.37 Loris De Val (Enrico Fontanive – Giovanni Benvegnù); (1-1) 09.50 Erik Mazzacane (Francesco Borghi); (1-2) 15.43 Jari Monferone (Davide Testori); (1-3) 35.03 Davide Testori (Jari Monferone) SH; (2-3) 52.14 Erik Mazzacane (Fabio Senigagliesi – Riccardo Privitera)
Spettatori: 405