Il Bolzano in Europa si prende la rivincita sul Salisburgo

(com. stampa EV Bozen 84) – Prima di Natale il Salisburgo aveva espugnato il Palaonda per 5:4 dopo i penalty. In quell’occasione le campionesse d’Italia erano numericamente ridotte all’osso, e per di più il Salisburgo aveva indovinato la partita. Onta da lavare quindi per le ragazze di Max Fedrizzi.

“Volevano suonare Mozart, ma noi gli abbiamo fatto sentire le Quattro Stagioni di Vivaldi”, questa citazione presa in prestito dal fedele tifoso Andrea Ballardini, calza senza dubbio per quanto riguarda il numero di gol rifilate alle Eagles di Salisburgo. Certamente non può ritenersi una sintesi di un capolavoro presentato al pubblico dalle aquile di Bolzano. Infatti nonostante l’organico fosse notevolmente più corposo rispetto alla prima uscita e il Salisburgo agisse con soli 7 attaccanti, il risultato finale è, onestamente, bugiardo perché è soprattutto grazie alla grandissima prestazione del portiere delle bolzanine che la squadra è riuscita a concretizzarlo.

Dopo 40 secondi la squadra di casa passa in vantaggio grazie a Anna De La Forest. Sembra tutto troppo facile. Infatti il Salisburgo si sveglia subito dal torpore e inizia a controllare il gioco e soprattutto la zona neutra del campo. Le aquile bolzanine invece si siedono e non riescono a imprimere il loro gioco, perdendo un sacco di dischi. Le pronipoti di Mozart con l’organico ridotto, inizialmente pensano soprattutto a cercare frequenti interruzioni e ci riescono. Il primo tempo finisce con il minimo vantaggio per la squadra di casa con le ospiti più spesso al tiro però.
Il copione non cambia nella frazione centrale. Il Salisburgo è più lesto sui dischi, più concreto e più veloce. A segnare sono tutta via le Eagles grazie a un preciso tiro di Elena Ballardini sul quale il portiere delle ospiti non è esente da colpe. Il Salisburgo non è mai domo comunque e crea spesso scompiglio nel terzo di difesa delle bolzanine che non riescono a liberarsi dalla morsa. Più volte è solo Daniela Klotz in serata di grazia a dire di no all’esultanza delle ospiti.
Nel terzo tempo coach Fedrizzi rimescola le linee per dare più ordine al gioco. Ci vuole comunque un po’ di tempo perché la cura funzioni. E’ una situazione di superiorità numerica a poco meni di 8 minuti dalla fine a dare il terzo gol alle Eagles. Michela Angeloni passa il disco a Chelsea Furlani appostata sulla linea blu, finta il tiro ma libera Nadine Zaccherini defilata alla sinistra della gabbia, tiro al volo di quest’ultima e 3:0. L’appagamento gioca però un brutto scherzo alle aquile. Passano 14 secondi e il Salisburgo si porta sotto con l’americana Jocelyn Kratchmer. A poco meno di un minuto alla fine le ospiti tolgono il portiere tentando la carta del giocatore di movimento in più, ma Anna De La Forest riesce a intercettare il disco e da lontanissimo fa centro a porta vuota. Solo ora le Eagles possono tirare un sospiro di sollievo e ringraziano soprattutto il proprio portiere che ha fermato 34 tiri su 35.

EVB Eagles – Eagles Salisburgo 4-1 (1-0, 1-0, 2-1)
Reti: 0:40 (1-0) Anna De La Forest (Michela Angeloni), 26:50 (2-0) Elena Ballardini, 52:18 (3-0) Nadine Zaccherini (Chelsea Furlani, Michela Angeloni), 52:32 (3-1) Jocelyn Kratchmer (Sonja Ban, Becky Conroy), 59:07 (4-1, VUO) Anna De La Forest
Bolzano: Klotz D. (Höller M.); Da Rugna D., Furlani C., Peer H., Bonafini E., Elliscasis H., De La Forest A., Avanzi V., Campo Bagatin M., Battisti G., Ballardini E., Stocker F., Zaccherini N., Orlandini A., Angeloni M., Masperi M.
Salisburgo: Schwendinger S.; Conroy B., Rothböck M., Kratchmer J., Lopez A., Brunner M., Hager M., Ban S., Kainberger J., Lackner D., Zöhrer L., Hausberger S., Wirl C.
Penalità: Eagles 10 – Salisburgo 8
Tiri: Eagles 30 – Salisburgo 35
Spettatori: 80
Arbitri: Benvegnu A.; Sartori, Deanesi

Classifica
Sabres Vienna 39, Pantera 32, Salzburg 21, Bolzano Eagles 19, Budapest 6, WE-V Flyers 6

freccia Presentazione
freccia Calendario
freccia Formazione EV Eagles Bolzano