Varese serve il cappotto al Chiavenna

Nella prima giornata di ritorno della regular season, al Varese basta un tempo, il primo, per accaparrarsi i due punti in palio nel match con il Chiavenna; sotto di quattro reti i padroni di casa hanno messo sul ghiaccio tanta volontà nella ricerca del goal della bandiera, nonostante ciò, la mira imprecisa e la giornata di vena di Mai hanno precluso ogni tentativo.

Fin dai minuti iniziali la gara è caratterizzata dagli alti ritmi, le due formazioni non sembrano risentire del cenone natalizio: il primo pericolo è del Chiavenna con lo scambio Sciaini-Succetti che consente a quest’ultimo, al 2.56, di scaldare la pinza a Mai, nel ribaltamento di fronte Varese risponde con Di Vincenzo; un minuto più tardi è il turno di Vener, il cui diagonale non ha fortuna; la dea bendata porta benefici ai gialloneri al 5.35, quando Andreoni recupera il puck in zona neutra, portatosi nel terzo d’attacco il passaggio orizzontale per l’accorrente Di Vincenzo è finalizzato a dovere. Il goal raffredda l’ardore del Chiavenna e i gialloneri prendono possesso delle operazioni di gioco, tuttavia il raddoppio matura in power play al 9.16 grazie ad una deviazione che inganna Clap sul tiro di Sorrenti. Neanche il tempo di riorganizzare le idee e al Chiavenna tocca capitolare nuovamente al 10.17 con Milo che realizza il terzo goal della serata insaccando il puck davanti allo slot; i padroni di casa tornano a farsi vedere dalle parti di Mai al 16.29 con il tiro dalla blu di Vener, ma l’occasione migliore capita al 17.15 a Rigamonti, il quale, solo davanti all’estremo difensore varesino tira a lato. La premiata ditta Andreoni-Milo-Di Vincenzo colpisce a 16” dal primo riposo, tocca al capitano calare il poker.

Sebbene il punteggio sia ampiamente acquisito da parte del Varese, la frazione centrale è tutt’altro che priva di nervosismo: al 22.01 Tenca e Barbieri danno vita ad una rissa che costa loro la penalità partita; i Mastini controllano la gara portando, di tanto in tanto, scompiglio nella difesa verdeblu. I padroni di casa cercano la via del goal al 24.23, in quattro contro quattro, con Orio; al 33’ i chiavennaschi usufruiscono di una doppia superiorità mal sfruttata grazie anche alle superbe parate di Mai, inoltre il 2+2  comminato a Rigamonti e Gaggini spezza il momento magico e la squadra di Polasek non è più in grado di impensierire il goalie giallonero.

Il terzo tempo si apre con la traversa colpita da Latin in power play, l’appuntamento con il goal è rimandato al 42.57: ancora in superiorità, Cortenova dalla linea di fondo serve Fiori che batte Clap. Varese non si fa mancare nulla e dopo il palo, colpisce anche la traversa con Andreoni, è il preludio del sesto goal che matura al 54.45 con il contropiede orchestrato da Privitera e Sorrenti e concretizzato da Mazzacane. A 1’53” dalla fine i padroni di casa hanno l’ultima occasione per trovare il goal della bandiera grazie alla penalità comminata a Cortenova, tuttavia Mai, in serata di grazia, chiude la saracinesca portando a casa un meritato shutout.

Chiavenna – Varese 0-6 (0-4, 0-0, 0-2)
Chiavenna: Giacomo Clap (Nicola Morelli); Athos Biavaschi – Francesco Bonazzola – Moreno Orio – Manuel Tenca – Luca Trussoni; Leonardo Balgera – Edoardo Gallegioni – Davide Maraffio – Roberto Mainetti – Davide Molinetti – Stefano Pedretti – Pierangelo Rigamonti – Cristian Sciaini – Fabio Succetti – Stefano Vener. Coach: Bohumir Polasek
Varese: Mattia Mai (Lorenzo Broggi); Luca Barbieri – Alessandro Gaggini – Dario Cortenova – Nicolò Latin – Rudi Rossi; Marco Andreoni – Daniele Di Vincenzo – Marco Fiori – Erik Steve Mazzacane – Mirko Migliavacca – Filippo Milo – Riccardo Privitera – Sabino Sansonna – Salvatore Sorrenti. Coach: Nenad Ilic.
Arbitro: Walter Zuccatti                Linesmen: Luca Grisenti e Albano Lisignoli
Penalità: Chiavenna 43 (2/39/2) – Varese 39 (0/35/4)
Marcatori: (0-1) 05.35 Daniele Di Vincenzo (Marco Andreoni); (0-2) 09.16 Salvatore Sorrenti (Riccardo Privitera) PP; (0-3) 10.17 Filippo Milo (Daniele Di Vincenzo – Marco Andreoni); (0-4) 19.44 Marco Andreoni (Filippo Milo – Daniele Di Vincenzo); (0-5) 42.57 Marco Fiori (Dario Cortenova) PP; (0-6) 54.45 Erik Steve Mazzacane (Salvatore Sorrenti – Riccardo Privitera)
Spettatori: 200

Tags: