Playoff FG2: Zaba è monumentale e il Bolzano allunga

Il Bolzano ha dimostrato di saper vincere anche soffrendo: trascinati da uno Zaba immenso i Foxes si portano sul 2 a 0 nella serie di finale, battendo 2 a 1 il Val Pusteria davanti ai 5200 spettatori del Palaonda. Giunti in massa anche i tifosi da Brunico, che non hanno mancato di far sentire il loro sostegno ai gialloneri: molto caldo il tifo ospite, peccato solo per il lancio di qualche oggetto sull’anello inferiore nel corso del terzo tempo. Tornando al ghiaccio, partita di un’intensità mostruosa quella vista ieri sera, con il Val Pusteria che ha fatto di tutto nel terzo tempo per ristabilire la parità, ma Zaba ha inanellato l’ennesima grande serata. Nel prepartita saluto sul ghiaccio per un grandissimo ex della squadra del capoluogo, Igor Maslennikov, a lungo applaudito soprattutto dal pubblico di vecchia data.

HC Bolzano Foxes – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 2 – 1 (1-1; 1-0; 0-0)

Teppo Kivela decide di lasciare in tribuna per turnover Magnan e Desfosses e di fronteggiare la temibile prima linea biancorossa con la sua seconda, che ha ritrovato Jensen, mentre il Bolzano deve fare a meno sempre di Meyers e ancora di Edwardson, non pienamente ristabilito dalla frattura della spalla. Nei primi minuti le squadre si annullano a vicenda e le occasioni latitano e i padroni di casa non sfruttano il primo powerplay della serata. I gialloneri invece passano alla prima occasione con l’uomo in più: con Insam in panca puniti, al 07:29 la difesa biancorossa sbaglia la liberazione, regalando il disco a Max Oberrauch, che ringrazia e insacca con un tiro potente e preciso su cui Zaba non può arrivare. Il Bolzano accusa il colpo e subisce le incursioni pusteresi, che però non hanno effetto e si possono riassumere in un tiro dalla blu di Helfer, pinzato da Zaba. Ma a uno dei primi squilli i Foxes pareggiano: al 13:18 Walcher libera Sharp al tiro, che prima viene parato da Stromberg, poi però viene ribadito in porta dallo stesso attaccante canadese che fa esplodere il Palaonda. Il Val Pusteria reagisce immediatamente con Bona, che chiama Zaba al grande intervento nell’1vs1, ma il Bolzano non resta a guardare e anche Stromberg si esalta sul ribaltamento di fronte portato da McCutcheon. La prima frazione si chiude con un’occasione per Sharp, che con il backhander non trova la porta, lasciata quasi sguarnita da Stromberg.

La seconda frazione è nettamente superiore alla prima, con le occasioni che fioccano da ambo le parti: con l’uomo in più gli ospiti sfiorano il gol due volte, prima con Scandella e poi con Oberrauch, ma Zaba dice ancora di no. Subito dopo clamorosa occasione per il Bolzano: Egger finta il tiro, manda per le terre Stromberg e serve Knackstedt, ma il suo tiro a porta vuota viene deviato sulla linea da un difensore giallonero, con l’azione che continua con Rogers che sfiora l’incrocio dei pali. Il Val Pusteria non sta a guardare e Zaba è ancora monumentale su un breakaway di Scandella. Al 26:23 Erlacher finisce in panca puniti per bastone alto e il Bolzano in superiorità numerica passa in vantaggio: al minuto 27:50 infatti Insam libera Christian Borgatello, che con uno slap dalla blu trova il 2 a 1. I gialloneri subiscono il colpo e non riescono a concretizzare un powerplay guadagnato poco dopo e rischiano di subire il terzo gol sempre in inferiorità numerica, con Insam che per pochi centimetri manca la deviazione vincente davanti alla porta di Stromberg.

Il terzo tempo è giocato a ritmi impressionanti, con i padroni di casa chiusi in difesa e gli ospiti riversati in attacco. Inizia bene il Bolzano, con Giliati che fa il filo al palo su azione personale, ma poi sono i lupi pusteresi a prendere il controllo del gioco: è tempo di salire in cattedra per Matt Zaba. Il goalie canadese fa impazzire l’attacco giallonero, con due miracoli su Oberrauch e Jensen, mentre subito dopo Bona sfiora il palo con un missile dalla media distanza: coach Insam capisce che così non va e chiama il time out al minuto 46:20 per far rifiatare i suoi. Continua però la pressione pusterese, con Oberrauch che sciupa una clamorosa occasione su un rebound offerto da Zaba, mentre sul ribaltamento di fronte è Sharp che non riesce a battere Stromberg. La partita si innervosisce e fioccano le penalità: in 4vs4 Harjula ha una buona opportunità da solo contro Stromberg, ma viene recuperato e il suo tiro risulta debole. Con l’uomo in più poi il Val Pusteria sfiora ripetutamente il pareggio: Zaba però si oppone più volte ai tentativi gialloneri, con Kelly che due volte prova a battere il goalie canadese. I biancorossi soffrono, ma possono sempre contare su Zaba e sulle ripartenze in contropiede: incredibile come in 3vs1 gli attaccanti bolzanini non riescano a concretizzare un’azione che poteva chiudere i giochi a pochi minuti dalla fine. Bolzano molto stanco, ma anche il Brunico accusa la fatica di un terzo tempo passato tutto nel terzo offensivo: i ragazzi di Kivela mollano un po’ nel finale, regalando anche una grandissima occasione a Walcher, che chiama Stromberg al miracolo. La partita volge così al termine e i Foxes possono festeggiare il doppio vantaggio nella serie: martedì a Brunico i lupi non possono più sbagliare.

Le tre stelle della serata:


1. Matt Zaba (Bolzano) –  26/27


2. Christian Borgatello (Bolzano) – 1 pts (1+0)


3. Max Oberrauch (Val Pusteria) – 1 pts (1+0)

 

HC Bolzano – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 2:1 (1:1, 1:0, 0:0)

HC Bolzano: Matt Zaba (Günther Hell); Brandon Rogers, Alexander Egger, Christian Borgatello, Andrea Ambrosi, Daniel Fabris; Stefano Giliati, Jordan Knackstedt, Mac Gregor Sharp, Marco Insam, Mark McCutcheon, Anton Bernard, Christian Walcher, Stefan Zisser, Tuomo Harjula, Enrico Dorigatti, Federico Demetz
Coach: Adolf Insam
Lupi Fiat Professional Val Pusteria: Mikko Stromberg (Hannes Hopfgartner); Matt Kelly, Christian Willeit, Armin Helfer, Armin Hofer, Fredrik Persson, Christian Mair, Danny Elliscasis; Giulio Scandella, David Ling, Ryan Watson, Max Oberrauch, Joseph Cullen, Joe Jensen, Patrick Bona, Nate Di Casmirro, Thomas Erlacher, Lukas Crepaz, Lukas Tauber, Viktor Schweizer
Coach: Teppo Kivela

Arbitri: Luca Cassol e Karl Pichler (Luca Zatta e Claus Unterweger)
Reti: 0:1 Max Oberrauch (7.29), 1:1 MacGregor Sharp (13.18), 2:1 Christian Borgatello (27.50)
Minuti penalità: Bolzano 14 – Val Pusteria 14
Tri in porta: Bolzano 26 – Val Pusteria 27
Spettatori: 5200

 

httpvh://www.youtube.com/watch?v=6xupki1TeuE