Da sabato la prima (seconda?) Coppa Italia rosa

E’ il momento della Coppa Italia, anche femminile. Si inizierà sabato ad Egna alle ore 16,45 con la semifinale tra Real Torino ed Appiano, per decidere la squadra che domenica affronterà le “marziane” delle Eagles Bolzano. Le due volte campionesse d’Italia, favorite quest’anno più che mai, come non bastasse avranno dalla loro un vantaggio in più: quello di giocare al Palaonda presumibilmente davanti a un buon pubblico giunto per vedere sùbito dopo la finale di Coppa Italia maschile. Il biglietto di 14 euro (9 il ridotto, gratis gli abbonati HCB) varrà per entrambe le partite. Certo le ragazze altoatesine spereranno che Giliati&C centrino la finale contro l’Alleghe per evitare che altrimenti il pubblico ospite ci possa bonariamente tifare contro. Sarà in ogni caso un’ottima occasione per l’hockey femminile di farsi conoscere anche dai media.

Ufficialmente è la prima edizione della versione rosa ma scartabellando nei nostri appunti abbiamo trovato un precedente che risale alla stagione 1999/2000, prima volta che il movimento rosa si ritrovò per un paio d’anni con una serie B, cosa mai avvenuta fino all’invenzione del Campionato Promozionale di quest’anno. La formula dell’allora Coppa Italia (che alcuni oggi considerarono come una sorta di torneo per una virtuale promozione) premiava la squadra esclusa dai play-off di Serie A, il Fassa/Gardena quinto classificato, e le prime 3 della serie cadetta. La squadra che unì le valli ladine si impose con l’apporto di giocatrici lombarde rimaste da poco senza squadra (Avesani e le sorelle Angeloni) e con la scozzese Stephanie May. Fu un torneo con andata e ritorno che si giocò in poco più di un mese con vita facile delle Girls ladine vittoriose in cinque sfide su sei contro il Valpellice/Pinerolo, le Eagles Bolzano II (farmteam delle aquilotte di A) e le Crocodiles di Merano. L’unica sconfitta fassano-gardenese, ininfluente, arrivò dopo i 60 minuti all’ultima partita in Piemonte. Con questa vittoria le future All Stars si guadagnarono la seconda posizione avendo i migliori scontri diretti delle bolzanine. Ultime classificate le meranesi con due punti maturati all’overtime contro il Valpellice. Il campionato vero e proprio lo vinse il Bolzano davanti ad Agordo, Belluno, Como Halloween e Fassa/Gardena. Anche in Serie B vinsero le giovani “aquilotte” bolzanine, precedendo Valpellice, Merano, il farmteam delle Halloween, il Vipiteno e l’Egna.

Sempre sabato (alle ore 14) e sempre alla Würtharena di Egna si esibiranno le pluricampionesse dell’Agordo contro una selezione del Campionato Promozionale guidato in primis dalle ragazze di Sesto San Giovanni, cittadina alle porte di Milano, che hanno dimostrato di meritare la massima serie.
A seguire l’elenco delle ragazze convocate contro l’Agordo a rappresentare il movimento cadetto.

  • Portieri
    Arianna Noto (Black Widows)
    Francesca Bonato (Asiago)
  • Difensori
    Jessica Brambilla (Black Widows)
    Noemi Giannuzzi (Black Widows)
    Alessandra Martoscia (Black Widows)
    Chiara Pesenti (Black Widows)
    Erika Rodeghiero (Asiago)
  • Attaccanti
    Veronica Aprile (Black Widows)
    Rossella Baccolo (Black Widows)
    Alice Beretta (Black Widows)
    Antonella Bressan (Black Widows)
    Ivana Gimigliano (Black Widows)
    Nicole Lunardi (Asiago)
    Erica Nicola (Black Widows)
    Marika Pertile (Asiago)
    Cinzia Presti (Asiago)
    Floria Vellar (Asiago)
    Ana Santiago Villar (Asiago)

sabato 14 gennaio 2012
Egna/Ora
ore 14,00 Agordo Hockey – selez. Black Widows Milano & promozionale
(quarta classificata regular season contro una selezione del Campionato Promozionale)
Ore 16,45 Real Torino – Appiano Lakers
(seconda classificata r.s. contro terza classificata r.s.)

domenica 15 gennaio 2012
Palaonda di Bolzano
ore 17,00 EV Bozen 84 Eagles – squadra vincitrice della semifinale
a seguire, Finale della Coppa Italia maschile