Avveratosi l’incubo, ecco Lino a Cortina

Lino  De Toni E’ come quando sai che tua moglie ti tradisce ma finché non la becchi sul fatto speri che non sia vero. Per i tifosi alleghesi sapere che il capitano di mille battaglie, il ragazzo di casa cresciuto condividendo gioie (vittoria dell’Alpenliga) e dolori (ultimo posto in campionato), se ne vada è stato un dispiacere. Vederlo agli acerrimi rivali del Cortina appare come un incubo, specie sapendo che non è ancora un giocatore alla frutta. Lino a 37 anni ha voluto rimettersi in gioco e ha provato a chiedere a McKay per un posto sotto le Tofane, dove l’ex civetta lavora nella vita di tutti i giorni. Dopo una settimana in prova alla fine ha convinto e ieri contro il Ritten Sport c’era anche lui. I sudtirolesi hanno vinto ma il Cortina ha retto soprattutto in difesa. Grazie anche all’ex capitano dell’Alleghe

foto: CSF, hockeytime.net

____________________________________

Sg Cortina – Ritten Sport 0-1 (0:1, 0-0, 0-0)

(com. stampa SG Cortina, Luca Dall’Osta) – Il Cortina si presenta sul ghiaccio dell’Olimpico per sfidare il Ritten. Grande novità in casa ampezzana: l’attaccante Lino De Toni, una vita spesa ad Alleghe, passa a Cortina dove esordisce in maglia biancoazzura ed in campionato questa sera. Un arrivo roboante visto che Lino De Toni ha sempre giocato per i rivali agordini fin dalla stagione 90/91, arrivando a conquistare una storica Alpenliga nel 1992 con l’Alleghe e disputato una finale scudetto nel 2001/02 persa contro Milano. Lino de Toni, da antagonista a protagonista da questa sera all’Olimpico, annovera uno scudetto con il Bolzano nella stagione 1996/97 ma arrivò nel capoluogo altoatesino come rinforzo dopo aver giocato la stagione ad Alleghe. Insomma un acquisto di quelli pesanti per il Cortina che così può rinforzare il suo roster.

Questa sera l’arrivo di De Toni va a sopperire alle pesanti assenze di Wennerberg e Roche in attacco per un Cortina che deve risalire in classifica. Il Ritten si presenta all’Olimpico senza Nyrhinen e Rasom, già assenti nelle precedenti gare. Inizio subito ad appannaggio dei padroni di casa che complice una penalità a Zandonella nei primi minuti di gioco, si portano spesso dalle parti di Russo che deve esibire le sue migliori abilità per fermare gli avanti altoatesini. Al 7’ tocca accomodarsi in panca puniti a Lino De Toni ma anche in questa superiorità Adam Russo resiste, anzi lo stesso ex agordino uscendo dalla panca puniti per poco non sfiora il gol. Il Cortina torna a respirare pochissimo dopo usufruendo di due superiorità in rapida successione ma lo scudo di Cloutier ferma gli attacchi dei padroni di casa che iniziano ad essere più incisivi. Ma non basta perché al 14’37’’ arriva la rete di Watson che manda in vantaggio il Ritten per una marcatura che sarà fondamentale nell’economia del match. La gara prosegue con le difese comunque protagoniste che disputano una buona gara. Il Cortina potrebbe impattare il risultato ma un altro powerplay non sortisce effetto per i padroni di casa con il primo tempo che si conclude con il minimo vantaggio degli altoatesini. Il secondo tempo si apre sempre con il Ritten in avanti che per poco non raddoppia, poi un altro doppio powerplay fa sperare i bellunesi. Ma nulla da fare perché il tiro di Johansson si stampa sul palo a Cloutier battuto. Il resto del secondo tempo prosegue con il Ritten che tenta la via del raddoppio mentre il Cortina cerca con più fatica il pareggio. Il secondo drittel si chiude senza altre marcature con il Ritten sempre in vantaggio per 1-0. Nell’ultima frazione il Cortina esce allo scoperto cercando con più insistenza la via del gol ma il Ritten e Cloutier non mollano la presa. Al 55’ la spinta del Cortina si ferma per una penalità a De Bettin e la squadra avversaria non fa fatica a far scorrere il tempo. Esce Russo nelle battute finali per l’uomo in più ma non cambia nulla.

Vittoria del Ritten per 1-0 e primo shutout di Cloutier in campionato. Ritten sale in quarta posizione superando il Pontebba sconfitto in casa da un sempre più sorprendente Valpellice. Il Cortina, pur dimostrando una buona gara difensiva, non riesce a sbloccarsi in attacco. Questa sconfitta fa scivolare il Cortina in ultima posizione vista la vittoria da tre punti dell’Alleghe che scavalca ampezzani e fassani.