Coppa Italia: un buon Real onora la pista contro il Bolzano

(com. stampa Real Torino) – Nonostante un passivo di 3 reti, i torinesi tengono bene il ghiaccio contro Sua Maestà il Bolzano, giocano per lunghi tratti un buon hockey tenendo testa ad una formazione quotatissimareal-bolzano come le Volpi ed escono dalla Coppa Italia a testa alta e con l’onore delle armi.
I Campioni d’Italia si presentano a Torino con un roster altisonante nonostante i “soli” 7 transfert a disposizione (contro i 4 del Real… n.d.r.): Haekkinen, Wilde, Mather, Clair, Corupe, Jardine e Pittis sono i transfert di aiuto a Romoser, Zisser, Borgatello, Dorigatti, Egger e compagni. In porta una vecchia conoscenza dei tifosi torinesi: quel Mark Demetz per tanti anni portiere dei Bulldogs della vicina Valpellice.

In casa Real, coach Zurek deve rinunciare a Daniel Peruzzo per un affaticamento muscolare, e deve subito partire svantaggiato mescolando le linee con Stricker in 2° e Salonen avanzato in prima. In porta torna Marcello Platé autore di una buona prova nonostante i 5 goal subiti.
Ma entriamo in cronaca: al 2’ Pittis dalla sinistra chiama Platé al primo intervento della serata , e due minuti dopo è Borgatello che dalla blu di polso prova a sorprendere Marcello che pinza sicuro.
Al 6’ il risultato di sblocca: lunga pressione bolzanina nel terzo torinese, disco perso sulla blu con Silva che s’invola verso Demetz e, dopo una serie di finte, batte a rete il momentaneo 1-0 torinese!
Il Bolzano accusa il colpo e i giovani torinesi, sull’onda dell’entusiasmo provano il raddoppio: Traversa semina il panico nel terzo atesino e costringe Demetz ad un incerto intervento sul primo palo.
Al 10’ la prima disattenzione difensiva del Real viene subito punita severamente: un puck lasciato a Romoser permette al capitano bolzanino di accentrarsi dalla destra indisturbato e, con tutta calma, sedere Platé e battere a rete sotto la traversa: 1-1.
Dorigatti all’11’ e ancora Ramoser al 16’ chiamano Platé a parate decisive in chiusura di tempo.
Il secondo drittel mostra sostanzialmente le stesse trame del primo: iniziativa bolzanina con possesso di disco e del terzo offensivo e Real aggressivo su ogni disco e pronto alle ripartenze. In avvio è Borgatello che dalla blu chiama ancora Platé all’intervento, ma sulla ripartenza l’uscita di zona del Real è rapidissima e Traversa viene innescato in un bel 1 contro 0: Uto arriva fin davanti a Demetz, ma pasticcia al momento del tiro e fiaccamente conclude sui gambali.
Al 27’ Corupe entra in uno contro uno centralmente e il suo polso si stampa sul palo pieno.
29’: Bolzano in vantaggio: tiro ravvicinato dalla sinistra di Pittis, gambale di Platé sul cui rebound si fionda Mather che insacca: 1-2.
Pronta la risposta torinese: Traversa – Stricker scambiano in velocità e il back dell’italo-elvetico impegna Demetz.
33’: ancora Corupe che in powerplay riceve sulla blu e scarica in porta di polso: palo pieno per la seconda volta e brivido in tribuna. Il goal è nell’aria e difatti poco dopo è un tiro centrale di Clair a chiamare Platé all’intervento di stecca, ma sul rebound è implacabile Jardine che insacca: 3-1.

36’: Real in ripartenza pronto a colpire: dalla sinistra un passaggio di Silva accende la mischia davanti allo slot di Demetz ed è Fornaciari che trova la stoccata vincente che insacca il 3-2.
In chiusura di tempo è Jardine a portare l’allungo: uno contro uno con la terza linea in pista e il canadese salta Gorza e, messo sul ghiaccio Platé, realizza il 2-4 di fine frazione.
Il terzo periodo scema d’intensità malgrado un Real volitivo e tutt’altro che demotivato che onora pubblico e pista fino alla sirena: in avvio è Traversa a recuperare nell’angolo di destra un bel disco e, accentrandosi, tira di polso alto di pochissimo con un Demetz apparso non piazzatissimo.
44’: Zisser in percussione centrale chiama Platé alla respinta di gambali, la mischia che ne consegue è risolta da Tremolaterra con sicurezza.
Al 46’ il Bolzano in powerplay (non brillante per tutto il match n.d.r.) prova con Egger dalla blu: gran botta in slap ma Platé è attento e alza di scudo.
La fase centrale scivola con azioni interlocutorie, molta zona neutra e tante 3° linee in pista. Poi, al 53’, è Ceretto che in combinazione con Stricker apre da destra a sinistra all’altezza della blu: David affonda fino allo slot e poi, in back hand, tira sulla rete esterna dando l’illusione della rete.
55’: Egger da sinistra slappa in one-time su invito di Clair: il gambale di Platé, prontissimo, dice di no.
Sulla ripartenza l’ultimo sussulto torinese è di Traversa: ingresso da sinistra, finta con scarto a destra e polso che chiama la respinta, molto ampia, di Demetz con i gambali.
Al 56’ l’ultima marcatura della partita è di Mather: Pittis da sinistra slappa in porta, para Platé di gambale ma, l’ennesimo rimbalzo su cui la difesa non riesce mettere le mani è preda di Matherche insacca per il definitivo 2-5.
Partita piacevole, mai scontata, Real Torino – Bolzano è una bella parentesi di hockey di alto livello per un’esperienza positiva dei giovani torinesi contro una grande formazione. Ne scaturisce un match piacevole, dove i torinesi mostrano il lato migliore di loro, pattinano e impostano spesso un buon gioco senza mai tirarsi indietro.
Evidenti i limiti tecnico-fisici che limitano le sortite offensive dei padroni di casa e, evidente nei powerplay, la difficoltà ad impossessarsi del terzo; tuttavia tatticamente ben disposti, con rapide ripartenze, i torinesi danno complessivamente una buona prova di sé.

HC Real Torino – HC Interspar Bolzano 2:5 (1:1, 1:3, 0:1)
HC Real Torino: Marcello Platè (Martino Valle Da Rin); Lubos Sekula, Martin Klucar, Marco Bianco, Manuel Moro, Andrea Gorza, Francesco Borghi, Marco Tremolaterra, Federico Tortone; Sasha Meneghetti, Nicolò Cerretto, Daniel Peruzzo, Manuel Lo Presti, Luca Covolo, David Stricker, Aleksi Fornaciari, Davide di Fabio, Tommaso Traversa, Joel Salonen, Alex Silva. Allenatore: Drahoslav Zurek
HC Interspar Bolzano: Mark Demetz (Pasi Häkkinen); Martin Wilde, Alexander Egger, Christian Borgatello, Florian Ramoser, David Ceresa; Fraser Clair, Kenny Corupe, Ryan Jardine, Jonathan Pittis, Shawn Mather, Roland Ramoser, Enrico Dorigatti, Stefan Zisser, Christian Walcher.  Allenatore: Jamie Bartman
Arbitri: Mauro Scanacapra (Marco Montesi, Antonio Malara)
Reti: 1:0 Alex Silva (6.30), 1:1 Roland Ramoser (10.40), 1:2 Shawn Mather (29.59), 1:3 Ryan Jardine (33.35), 2:3 Aleksi Fornaciari (36.51), 2:4 Ryan Jardine (38.52), 2:5 Shawn Mather (56.34)
Minuti di penalità: 10’ – 6’