BASTA IL PRIMO TEMPO PER METTERE KO L’ALLEGHE

di Camilla

ALLEGHE – RENON: 1-3 (0-2)(0-0)(1-1)

Niente da fare per le civette: anche ieri sera si sono dovute inchinare ai piedi del Renon dopo soli 12 minuti. La solita nota negativa per l’Alleghe viene dai power-play che la squadra biancorossa non è riuscita a sfruttare a pieno neanche ieri sera.

Gli ospiti non tardano a realizzare la prima rete che avviene al settimo minuto con Tudin: bravo il giocatore a sfondare la difesa alleghese per portarsi faccia a faccia con l’estremo Groeneveld senza sbagliare. Tutto ciò dopo che i padroni di casa non sono riusciti a concretizzare con Gruber in panca puniti. Le civette tentano in qualche modo di reagire, ma il Renon non aspetta di farsi mettere i piedi in testa e allunga al 12.30 con Mather. Il coach Kelly chiede il time-out per scrollare i suoi uomini e per riorganizzare gli schemi d’attacco, mischiando nuovamente le linee. La prepotenza sul piano fisico inizia a farsi determinante per il resto del periodo, ma il capo arbitro Stella decide di non essere troppo puntuale nel punire i giocatori.

Si riprende il secondo tempo con un Alleghe davvero motivato ad accorciare le distanze, mentre gli avversari preferiscono concentrarsi sulla difensiva per non lasciare spazio ai tiri dei padroni di casa. Stella inizia a rendere l’incontro più accattivante e mette a sedere Da Tos 10 minuti per proteste e subito dopo manda in panca dei cattivi anche Ploner e Gruber. Occasione davvero preziosa per le civette che si trovano sul ghiaccio in doppia superiorità numerica per un po’ di secondi; ma i biancorossi non riescono a superare per tutto il tempo Cloutier che si dimostra veramente determinato a bloccare ogni tiro. Ci pensa Fabrizio Fontanive con prepotenza a sorprendere l’estremo altoatesino con una silurata dalla blu, ma il puck colpisce a pieno il palo. In questi venti minuti si è visto un atteggiamento positivo dei padroni di casa che hanno cercato in tutte le maniere di cambiare le sorti dell’incontro ma nulla è servito.

Si passa all’ultimo periodo dove si assiste a una tattica di gioco identica alla frazione precedente,. Gli animi incominciano a surriscaldarsi: Alberto Fontanive e Rasom vengono penalizzati con un 2+2 da Stella. L’Alleghe insiste nel terzo altoatesino ma il dischetto non ne vuole sapere di entrare. Kelly toglie dai pali Groeneveld per gli ultimi due minuti, e le civette in sei contro cinque, finalmente sbloccano quel risultato che sembrava letteralmente stregato; a segno va Wiklander al 58.10. Il sogno svanisce immediatamente: Jamieson si fa superare sulla blu da Corbeil che non sbaglia siglando la terza e conclusiva marcatura.