La Valpe batte anche il Milano

La prima partita del 3° girone di andata e ritorno vede la vittoria della Valpe al Cotta Morandini per 4 a 1 con il Milano Rossoblu.
Il match è stato segnato dalla disastrosa prestazione dell’arbitro Massimo De Col, già protagonista negativo dell’ultima sconfitta biancorossa nel derby casalingo alla terza giornata; la giacchetta bianconera ha infierito per due tempi contro i Bulldogs per poi compensare nel terzo periodo contro i meneghini per un totale record di 71 minuti di penalità (57 – 14 per la Valpe!) compresa una penalità partita a fine secondo tempo a Damian Surma per un gesto di reazione.
Detto del protagonista assoluto che ha creato un’assurda tensione tra i 2.000 del Cotta (compresi una trentina di tifosi del Milano) veniamo a quel poco di hockey giocato che si è visto tra un fischio e l’altro.
Platè tra i pali (e ONE Rivoira per la prima volta in panchina in A2), linee confermate salvo Mondon Marin come ala in terza; Milano senza l’italo Lombardi.

A 01.29, con già un punito per parte, è Turo Virta a cogliere di sorpresa Dalla Bella ed a insaccare su assist di Lefebvre e Petrov. Il gioco spezzettato consente all’attenta difesa di Insam di controllare e quando capitola per la rete di Grossi dopo una mischia davanti allo slot rossoblu ci pensa l’ineffabile ad annullare.
Poi sono solo penalty killing biancorossi con addirittura un 5 – 3 (x proteste alla panchina!!) che a 15.08 regala il pari del Milano con Migliore.
Il secondo tempo è uno strazio con la Valpe che non riesce a costruire gioco anzi si esibisce in un ottima partita di contenimento dove si esalta un attento Platè ed uno specialista come Dino Grossi, vera anima a tutta pista. A metà tempo la difesa biancorossa passa indenne 2 minuti di 5 contro 3 e lo stesso a fine tempo dove, per un fallo inesistente di Siren, la reazione di Surma gli costa il 5 +20 e la penalità partita.
Nel frattempo comunque, nelle rare ripartenze, è Della Bella a rischiare di più ed a essere salvato da due pali, uno di De Frena e l’altro di Stricker.
Il terzo tempo si apre con 4 minuti residui di inferiorità per la penalità di Surma e con una doppia prodezza di Platè sugli avanti milanesi poi è la Valpe a sfruttare per tre volte di fila la superiorità numerica, per veniali compensazioni che penalizzano il Milano, ed a chiudere il match in soli 3 minuti.
Inizia Siren a 49.59 da posizione angolata ma ben imbeccato da Virta e dal tipico assist di Lefebvre da dietro porta; poi è Stricker a 52.17 a centrare l’angolo alto su meraviglioso assist di Grossi lanciato sempre da Virta ed infine è De Frenza a 52.50 a chiudere i conti sempre su assist del solito Lefebvre questa volta innescato da Siren.
Sul 4 a 1 il match si placa e si chiude tra gli applausi dei tifosi che per 50 minuti hanno temuto l’incredibile beffa.
Riposando il Vipiteno e con la vittoria solo ai rigori del Caldaro ora la classifica dice Valpe 41 punti, Vipiteno 34 a Caldaro 31; un vantaggio di tutto rispetto al momento della lunga sosta del Campionato per i Mondiali della Nazionale Under 20 a cui dovrebbe partecipare il biancorosso Florian Runer.
Nella pausa la Valpe giocherà il 16 a Gap contro la locale squadra militante nella Prima Divisione francese e si ripresenterà alla ripresa delle ostilità il 23 ad Appiano e davanti al suo pubblico per il derby del 26 dicembre.

La Valpe, dopo la partita di domenica con il Milano, andrà qualche giorno in vacanza, in concomitanza con i Mondiali Under 20 in Danimarca, e riprenderà gli impegni di Campionato il 23/12 ad Appiano.
Tra un allenamento e l’altro, però, i Bulldogs festeggeranno il Natale con i propri tifosi con il seguente calendario di impegni:
. l’11/12 festa tifosi Facebook Valpe presso le Cantine Stevenson di Pinerolo
· Il 13/12 presso l’Euroball di Pinerolo per la festa aziendale;
· Il 17/12 al Macumba di Pinerolo per la cena di Natale con tifosi e famiglie;
· Il 20/12 alla Caffarel di Luserna San Giovanni per la festa aziendale;
· Il 21/12 per la Festa di Natale della Scuola domenicale Valdese di Torre Pellice.