Spengler Cup 2006: vittorie nette per Mora e Team Canada

di Alessandro R.

La seconda giornata della Coppa Spengler a Davos si apriva con un match di quelli, sulla carta, da non perdere: Mora IK contro Khimik Mytischi, i decimi del campionato svedese contro i terzi di quello russo. Invece è stato un monologo svedese ed il Khimik ha giocato con il piglio della vacanziera: il risultato di 0-5 per il Mora parla chiaro e non lascia spazio a recriminazioni. Con Pitkamaki (in difesa della gabbia al posto dell’acciaccato Ramo) che ottiene il primo shut-out del torneo, vanno a segno due volte Bergqvuist, Kurvinen, Brendl e Jansson.
Decisamente più combattuto e scoppiettante il match serale tra i padroni di casa del Davos ed il Team Canada, le due capoliste dopo la prima giornata. Dopo le prime partite non esaltanti, finalmente un po’ di spettacolo fa capolino ad un Eissstadion, che fa registrare il sold out con ben 7080 paganti. La partita comincia a suon di gol ed al minuto secondo i padroni di casa si trovano già sul 2-0 grazie alle marcature di Leblanc e del piottino Naumenko; ma la reazione dei canadesi porta il gol dell’1 a 2 già al minuto 3.04, con Wright pronto ad insaccare un rebound concesso da un Hiller non ancora entrato in partita. Una sfortunata deviazione di pattino di Crameri al nono minuto porta il risultato in parità. Nel secondo periodo due situazioni di doppia superiorità fanno prendere il largo ad un Team Canada sempre più deciso, che va a segno con Kolanos e Law, mettendo al sicuro la vittoria. Il quinto goal arriva, per i giocatori della foglia d’acero, addirittura in situazione di inferiorità: è un grossolano errore dell’idolo di casa Reto VonArx a lanciare il contropiede, con Herperger che realizza dopo un tentativo disperato di Hiller. Il gol della speranza per il Davos arriva con Mahra, che devia sotto porta un tiro di Khavanov, ma il gol di Wright (il secondo della serata) di poco successivo chiude il risultato e la partita. Nel finale spazio per il giovanissimo back-up svizzero Genoni ed applausi per tutti, nella festa generale della coppa Spengler.