Slovan: crisi o semplice coincidenza?

di Davide:

il doppio turno del weekend ha confermato che l’Extraliga non è chiusa come poteva sembrare fino a qualche settimana fa: lo Slovan non è più quello schiaccia sassi e i piccoli segni di cedimento delle settimane scorse sono diventati un campanello d’allarme sia venerdì sera, quando solo uno scriteriato Zlina si è fatto raggiungere a 4’ dal termine e poi superare all’overtime, ma soprattutto domenica, quando la capolista è caduta fragorosamente a Kosice, nella prima sconfitta netta di questa stagione, un 6-2 che ha mandato in visibilio gli 8.400 della Steel Arena, in una delle sfide più sentire del campionato. E proprio il Kosice è adesso a "solo" 6 punti dalla vetta, in compagnia di uno Zvolen che veberdì sera ha fornito una grande prova di carattere rimontanto due volte un doppio svantaggio contro il Nitra, per poi vincere ai rigori, mentre domenica siè imposto con autorità a Martin. Per il resto l’Extraliga non offre molto, con la pazzesca mutazione dell’ex cenerentola Skalica, che vince ancora due volte, venerdì a Trencin, rimontando dal 3-1 e domenica 7-3 con il Liptovsky. Altre due sconfitte invece per lo Zilina, che ormai può concentrarsi solo sul Super Six.

Tags: