Bolzano – Fassa: la cronaca

di Mary Alberghina:

Si è disputata ieri presso il Palaonda di Bolzano la dodicesima giornata del campionato italiano di serie A1 di hockey su ghiaccio.
Il calendario prevedeva l’incontro tra i padroni di casa del Bolzano contro il Fassa, che nella quinta giornata di campionato aveva visto gli altoatesini imporsi dui trentini.

L’allenatore bolzanino Stromwal ha dovuto rinunciare a Timpone infortunato, mentre per il Fassa mancavano il difensore finlandese Viinikainen infortunato e l´attaccante Cadotte (2 giornate di squalifica rimediate contro l’Asiago).

L’incontro si apre subito a favore dei biancorossi che dopo 8 minuti e 50 secondi sfruttano al meglio una superiorità numerica (Zandegiacomo – trattenuta); Dorigatti impegna Carpano con un primo tiro che l’estremo fassano non trattiene e Walcher, davanti alla porta, approfitta del disco lasciato libero e tira sul palo sinistro, andando a segno.
Un paio di minuti più tardi in situazione di 4:4 (Avancini e Ciresa) il Fassa va vicino al pareggio con Vikstrom che da metà del terzo biancorosso tira verso la porta di Hell, colpendo però il palo.

Bolzano che tenta in più occasioni di raddoppiare, ma Carpano non si lascia sorprendere una seconda volta, concludendo così la prima frazione con una sola rete in passivo.

La frazione centrale vede andare subito a segno i padroni di casa con Zamuner, al minuto 1’34, ottimamente servito da Rikmo.
È sempre Zamuner ad andare a segno al 3’38 questa volta assistito da Ramoser che gli serve un ottimo disco che l’attaccante d’oltre oceano infila poco sotto al sette del palo sinistro.
Il Fassa tenta la rimonta, ma il Bolzano galvanizzato dal vantaggio difende bene il proprio terzo ed all’11’50 va nuovamente a segno in superiorità numerica (Marchetti – carica alla balaustra) con Walcher che devia un tiro di Insam dalla blu.
Si chiude quindi con un pesante vantaggio la seconda frazione che vede estremamente lontana per i fassani la possibilità di portarsi a casa due punti importanti che gli avrebbero permesso di raggiungere nuovamente il Bolzano in classifica.

La terza frazione vede comunque il Fassa accorciare le distanze al 6’36 ad opera di Felicetti L. che sfrutta un rimbalzo di Ciresa segnando almeno il gol della bandiera.
Il Bolzano cerca di aumentare il vantaggio, assediando la gabbia di Carpano, ma a nulla valgono gli sforzi dei padroni di casa che si devono accontentare della vittoria finale di 4:1, risultato che ugualmente influisce positivamente sul morale dei biancorossi reduci da una vittoria sul Cortina e prossimi ad uno scontro importante con il Milano (sabato 5 novembre h. 18.30 – Milano).

TIRI:
BOLZANO 15 – 17 – 15
FASSA 8 – 6 – 8

PENALITà:
BOLZANO 2 – 2 – 2
FASSA 4 – 4 – 0