Con Cecere e Franchini il Milano Bears fà sul serio

L’asse Milano-Varese è da sempre una pista calda per i giocatori di hockey: se la scorsa estate molti giocatori rossoblu avevano preso la strada verso la Città Giardino, in questa sessione di mercato Michael Cecere e Marco Franchini hanno preso la direzione opposta; gli arrivi dei due italocanadesi danno impulso al nuovo progetto verso Milano/Cortina 2026 del Milano Bears.

Cecere, 23 anni, è arrivato in Italia la scorsa estate attratto dall’offerta economica del Varese, intenzionato ad investire e a plasmare un giocatore proveniente da una realtà differente. Impiegato da coach Massimo Da Rin in 32 incontri di Italian Hockey League, il terzino ha messo a referto 6 assist. 2 le gare di Coppa Italia disputate. Non avendo maturato i 18 mesi in un campionato italiano previsti dalle norme federali, presumibilmente sarà ceduto in prestito al Como fino a dicembre.

Michael Cecere


Franchini, 30 anni, è un centro con tecnica e velocità; nel Bel Paese è sbarcato nel 2016 chiamato dal Varese Killer Bees per disputare la Regio League svizzera. Dopo un anno di inattività è tornato a calcare le piste del PalAlbani coi Mastini (mascherati anche da Bandits). Nell’ultimo torneo di IHL ha timbrato il cartellino in 26 occasioni, tutte durante la stagione regolare, in cui ha totalizzato 49 punti (25 goal e 24 assist). Un infortunio subìto contro l’Appiano a febbraio l’ha costretto a guardare i playoff dagli spalti. In Coppa Italia ha totalizzato 2 presenze e 1 assist.

Marco Franchini