Milano fa suo il derby lombardo: 7-4, al Chiavenna non basta Blanc

Davanti ad un palaghiaccio colorato da entrambe le tifoserie che creano un’ottima cornice di pubblico per la serie, il Milano conquista i tre punti in uno dei due derby lombardi di giornata (nell’altro Como supera Varese). Gli uomini di Da Rin sostanzialmente vincono il match in avvio di secondo periodo, quando segnano tre gol in meno di due minuti, frastornando il Chiavenna che sarà però capace di reagire, trascinato da Blanc, autore di un hat-trick. Milano senza capitan Re, Migliore, Alario e Folini, rientra Fadani in difesa.

I padroni di casa impiegano 14 secondi a segnare con Blanc, gli ospiti 39 per pareggiare con Lancsar. Il primo tempo scorre equilibrato, il Milano mostra qualche incertezza in difesa e in attacco trova un attento Antinori, in due occasioni su Perna, mentre dall’altra parte ci prova Tenca. Il match è vivace ma senza invenzioni, prima del finale di tempo l’occasione migliore è un tiro di Piccinelli fuori di un soffio.

2015_10_30 milano chiavenna065Chi decide di ravvivare la gara è il Milano, che trova la chiave di svolta dell’incontro in avvio: al 21:59 Piroso riceve il disco da Piccinelli e trova l’angolino: 2-1. Al 23:03 è la volta di Borghi, che al termine di un’azione continuata realizza dallo slot. 25 secondi dopo il compagno di linea Perna sigla il 3-1 indisturbato, e sfiora il quinto gol. Il Chiavenna accusa il colpo e diventa vistosamente più fragile in difesa, patendo l’asse Perna-Lancsar-Borghi. Al 10:13 Antinori salva un gol distendendosi, poi negli ultimi dieci minuti fioccano diverse penalità. In parità numerica, al 34:43 Lanziner trova la deviazione vincente sul servizio di Perna per il 5-1 che sembra chiudere i giochi. Al 38:17, mentre Marini terminava la penalità riducendo il doppio penalty-killing, Blanc scaglia un tiro dalla distanza che vale il 5-2.

Il Chiavenna fatica ancora in avvio di frazione. Sprecata una superiorità, la squadra fatica sulle ripartenze pericolose dei rossoblu, come quella concretizzata da Borghi in fuga: 6-2 al 44:24. I padroni di casa riescono però a risvegliarsi sfruttando un calo del Milano. Con l’uomo in più per troppi giocatori in campo, al 48:00 Blanc segna la sua terza rete trovando il pertugio su assist di Corio. Passano cinque minuti e stavolta è Stricker, servito da Bortolussi e Rigoni, a segnare il 6-4 che di fatto riapre la gara a sette minuti dal termine. Il Milano però non si scompone e difende il risultato senza correre troppi rischi. Al 59:49 è hat-trick anche per Borghi con l’empty-net gol.

Il Milano si mantiene al settimo posto e va a -5 dall’Appiano, sfruttando la supremazia nella seconda frazione che l’aveva invece vista in affanno nel match interno contro il Merano. Per il Chiavenna una sconfitta resa meno amara dalla reazione nel terzo drittel. A fine match la società di casa ha reso omaggio ai giocatori del Milano che la scorsa stagione avevano indossato la maglia del Chiavenna nell’ottica del farm-team tra le due squadre. Spalti gremiti e tifo incandescente dall’inizio alla fine.

HC Chiavenna – Hockey Milano Rossoblu 4-7 (1-1; 1-4; 2-2)
Reti: 00:14 Blanc (Stricker), 00:55 Lancsar (Latin, Radin), 21:59 Piroso (Piccinelli, Lanziner), 23:03 Borghi (Perna, Lancsar), 23:38 Perna (Borghi, Lancsar), 34:43 Lanziner (Perna, Radin), 38:17 Blanc (power-play) (Stricker, Rigoni), 44:24 Borghi (Radin, Latin), 48:00 Blanc (power-play) (Corio, Rosso), 53:16 Stricker (Bortolussi, Rigoni), 59:49 Borghi (empty-net) (Lanziner)

HC Chiavenna: Antinori (Morelli); Blanc, Tenca, Rigoni, Orio, Rosso, Bianco, Pedranzini; Stricker, Bortolussi, Corio, Gallegioni, Rota, Maraffio, Salati, De Alberti, Succetti. Coach: Alessandro Cintori
Hockey Milano Rossoblu: Pignatti (Tesini); Radin, Latin, Lo Russo, Lanziner, Marini, Fadani; Perna, Borghi, Lancsar, Piccinelli, Piroso, Vanetti, Tilaro, Malerba, Gherardi, Ivashynka. Coach: Massimo Da Rin

Penalità: Chiavenna 4 (08:00)/ Milano 7 (14:00)
Arbitri: Lega (Lisignoli)