A Ora, Milano e Como i derby di giornata. Rigori ok per Caldaro e Appiano. Balzo del Fiemme

Non conosce soste il campionato di serie B e l’impegno settimanale chiama anche alla ventiduesima giornata,divisa stranamente tra ieri e oggi. E’ l’ultimo impegno che “spezza” la settimana, perchè da domenica prossima si ritornerà alla classica cadenza settimanale.

Emozionanti le partite del giovedì, grazie alle vittorie di misura ottenute ai rigori da Caldaro e Appiano, ma procediamo con ordine.

La prima sfida a disputarsi ha visto protagoniste le due compagini venete, Alleghe e Feltre. Le civette agordine hanno prevalso 4 a 2, dopo che a lungo la partita è rimasta in parità. Il primo periodo è vivace ed è chiuso in vantaggio dai padroni di casa, che però subiscono il pareggio nel secondo tempo, poco prima della metà. La situazione di stallo si mantiene fino agli ultimi dieci minuti, quando l’Alleghe infila la porta avversaria in inferiorità numerica. Il Feltre infatti non ha saputo sfruttare adeguatamente il power play, nemmeno nei minuti finali di gara, dove anzi, subisce la quarta rete che chiude l’incontro.

Partita di spicco alla Meranarena, grazie alla squadra di casa che ha affrontato la capolista Caldaro. Le reti dei padroni di casa hanno viaggiato sull’asse Moren – Lo Presti, autore quest’ultimo di una tripletta assistita proprio da Moren. Ma non è bastato al Merano per uscire con la piena posta in palio. Infatti i meranesi, avanti 2 a 0, si fanno rimontare e alla fine superare, per poi trovare la rete del tre pari a soli 3′ dalla sirena dei sessanta minuti. Nulla di fatto ai supplementari e alla fine la spunta il Caldaro ai rigori, ottenendo punti pesanti in difesa del primo posto. Il punto comunque ottenuto dal Merano “lenisce” il rammarico della sconfitta.

Appiano – Pergine è stata un altro match interessante e vivo, fin dalle primissime battute. Rete a sorpresa del Pergine dopo pochissimo nonostante l’uomo in meno e immediato pareggio degli ospiti, i quali però hanno premuto sull’acceleratore nella prima metà del secondo drittel, trovando una triplice marcatura. Immediata è la risposta del Pergine, il quale gioca anche un buona ultima frazione di terzo tempo, pervenendo al pareggio. Servono i rigori per assegnare la vittoria che vale due punti all’Appiano, mentre il Pergine prende un punto comunque importante su una pista difficile.

Il sentito derby lombardo tra due città eternamente rivali, va ancora una volta al Como, che ha la meglio su un Varese che ha il demerito di spegnersi troppo presto. Inizio a razzo dei gialloneri che si portano sul doppio vantaggio, subito dimezzato dal Como. Varese spreca almeno tre power play, con anche alcune situazioni di doppia superiorità. Così fino al terzo periodo, quando i gialloneri sono costretti a subire tre reti nel giro di pochissimi istanti. Serve a poco la rete della speranza che accorcia le distanze perchè in ultimo è il Como a porta vuota a chiudere l’incontro sul 5 a 3.

Rittner Buam – Val Pusteria termina 2 a 0 e si risolve grazie a due power play, di cui l’ultimo, doppio, sul finale e decisivo per l’esito della gara. Una rete poco prima della mezz’ora e la replica ad una manciata di secondi dalla fine, porta punti preziosi el Rittner che continua l’insguimento dell’ultima posizione play off.

Colpaccio dell’Ora che espugna il palaghiaccio di Egna. Dopo il vantaggio ospite al 22′, pareggia l’Egna al 41′, ma a una decina di minuti dal termine l’Ora trova la rete vincente. Derby di giornata molto sentito tra due paesi confinanti e piuttosto piccoli, ma che valeva una piazza importante in classifica dato che si giocava per la seconda posizione.

E’ strano vedere un risultato finale con ben quindici reti complessive, ma dopo un drittel leggere il tabellone anora immacolato. Dopo un primo parziale di equilibrio, col risultato bloccato ancora sullo zero a zero, il secondo drittel di Fiemme-Valvenosta vale quanto una partita intera visto il parziale di 5 a 4. Con il risultato ancora in bilico, lo strappo finale lo fornisce proprio il Fiemme che vince 9 a 6, proseguendo così il suo cammino in classifica.

Gli spettatori presenti a Chiavenna non si erano forse nemmeno sistemati ai propri posti che già il risultato era stato sbloccato. Nel primo minuto di gioco infatti una rete per parte. Poi nella seconda frazione il Milano ha scavato quella distanza che è poi rimasta intatta per i resto della sfida. 7 a 4 per i rossoblu, ma per il Chiavenna tanti rimpianti, soprattutto il power play che non ha funzionato a dovere nonostante le diverse situazioni numericamente favorevoli.

RISULTATI

Alleghe – Feltre 4-2 (2:1 0:1 2:0)

Merano – Caldaro 3-4 (2:0 0:1 1:2 OT 0:0 SO 0:1)

Appiano – Pergine 5-4 (1:1 3:1 0:2 OT 0:0 SO 1:0)

Como – Varese 5-3 (1:2 0:0 4:1)

Rittner Buam – Val Pusteria 2-0 (0:0 1:0 1:0)

Egna – Ora 1-2 (0:0 0:1 1:1)

Fiemme – Valvenosta 9-6 (0:0 5:4 4:2)

Chiavenna – Milano 4-7 (1:1 1:4 2:2)

 

CLASSIFICA

Caldaro 57, Ora 53, Merano 51, Fiemme, Egna 50, Appiano 48, Milano 43, Pergine 40, Rittner Buam 39, Alleghe 23, Val Pusteria 17, Chiavenna 16, Como 13, Valvenosta 12, Varese 10, Feltre 3

 

PROSSIMO TURNO (23a giornata: sabato 16 e domenica 17 gennaio)

Caldaro – Appiano, Merano – Alleghe, Val Venosta – Chiavenna, Como – Pergine, Milano – Rittner Buam, Varese – Ora, Val Pusteria – Egna, Feltre – Fiemme

Tags: