Coppa Svizzera: ubi maior, minor cessat

Ritorna la Coppa Svizzera e i sedicesimi di finale corrono senza particolari sorprese. Sono ben quattro le ticinesi coinvolte nel torneo nazionale.

Franches-Montagnes    – Bienne      1:12 (0:5|1:5|0:2)
Thun                  – Berna       1:7  (0:2|1:3|0:2)
Brandis               – Langenthal  2:5  (1:2|0:0|1:3)
La Chaux-de-Fonds     – Losanna     1:6  (0:2|0:2|1:2)
Dübendorf             – Kloten      1:6  (0:2|0:0|1:4)
Visp                  – Red Ice     6:4  (1:2|1:2|4:0)
Sion-Nendaz 4 Vallées – Lugano      2:5  (1:2|1:1|0:2)
Ajoie                 – Ginevra     1:4  (0:2|0:1|1:1)
Université Neuchâtel  – Friborgo    1:10 (0:4|0:2|1:4)
Burgdorf              – Olten       1:9  (0:2|1:2|0:5)
Biasca                – Rapperswil  0:2  (0:0|0:0|0:2)
Lions                 – Zurigo      0:3  (0:2|0:0|0:1)
Thurgau               – Davos       0:4  (0:1|0:1|0:2)
Winterthur            – Zugo        1:7  (1:1|0:1|0:5)
Bellinzona            – Ambri       2:3  (0:2|0:0|2:1)
Wiki-Münsingen        – Langnau     1:7  (0:3|1:2|0:2)

Il Lugano fa visita al Centre Sportif Anci di Sion dove, anche se soffrendo, supera il turno, battendo i locali per 5 reti a 2. L’Ambrì è invece impegnato nel derby con il Bellinzona che sebbene sia una formazione di due leghe inferiori da del filo da torcere ai leventinesi, che conquistano gli ottavi di finale con il minimo scarto (3 a 2). Nulla può invece il Biasca che ospita i Lakers e ne regge l’impatto per 50 minuti, poi i sangallesi accelerano e stendono i padroni di casa con un secco 2 a 0 realizzato in 7 minuti.
Anche le altre formazioni della LNA conquistano la vittoria, chi con più agilità e chi soffrendo maggiormente. Il Bienne supera l’HC Franches-Montagnes con un fragoroso 12 a 1. I bernesi sono trainati in questa impresa dall’ottima prestazione di Ahren Spylo (4+1). Da parte sua il Berna fa visita al Thun, sconfiggendolo per 7 reti a 1; il Losanna si occupa invece de La Chaux-de-Fonds sulerandolo per 6 reti a 1; stesso risultato per il Kloten che fa visita al Dübendorf.
Il Servette si scontra invece con l’Ajoie, battendolo per 4 reti a 1. Fa rumore invece la vittoria del Friborgo che “sfonda” il Neuchâtel con 10 reti. Ci sono da segnalare le doppiette burgunde di Lillian Mottet e Tristan Vauclair.
Così come i Lakers, altre due formazioni concludono la prima fase della coppa senza subire reti: gli ZSC Lions sconfiggono i fratelli minori del GCK 0 a 3, imitati dal Davos che stende il Thurgau 0 a 4. Infine lo Zugo passa a Winterthur (città che vorrebbe ospitare una squadra di KHL) schiacciando gli avversari nel terzo finale.
A completare il quadro delle sedici formazioni che passano agli ottavi di finale ci sono quattro formazioni di LNB. Il Langenthal fa visita al Brandis e, in scantaggio dopo 15 minuti, riesce a capovolgete la dituazione, concludendo il match 2 a 5. Il Burgdorf ospita invece l’Olten e ne rimedia una sonora sconfitta per 9 reti a 1. Vittoria schiacciate anche per il Tigers che conquistano gli ottavi sconfiggendo il Wiki-Münsingen per 7 reti a 1.
Ma il match match-clou della serata è il confronto tra Visp e Red Ice, unico incontro tra squadre della stessa categoria. Le due formazioni non tradiscono le aspettative: alla Litternahalle gli ospiti sembrano avere la meglio sino alla seconda sirena (2 a 4), ma il Visp non demorde e nell’ultimo drittel va a segno quattro volte, staccando il biglietto per il secondo turno di Coppa.

Quindi nulla di imprevisto nei primi match del torneo che hanno però permesso di vedere squadre blasonate sui ghiacci “secondari” della confederazione svizzera.
Sono infine stati estratti gli accoppiamenti per gli ottavi di finale che si disputeranno il 29 ottobre:
Visp (LNB)       – Davos (LNA)
Ginevra (LNA)    – Losanna (LNA)
Langnau (LNB)    – Olten (LNB)
Langenthal (LNB) – Rapperswil-Jona (LNA)
Friborgo (LNA)   – Ambri-Piotta (LNA)
Bienne (LNA)     – Kloten (LNA)
Zurigo (LNA)     – Zugo (LNA)
Lugano (LNA)     – Berna (LNA)