I Mastini sull’ottovolante del Como

2013_10_06 varese comoLa stagione dei Mastini si apre con uno schiacciante successo ottenuto contro il Como. Un derby che ha ravvivato antiche rivalità richiamando al Palalbani quasi 700 spettatori, tra i quali gli Onorevoli Giancarlo Giorgietti e Stefano Candiani.

Il Como apre le ostilità all’1.40 con la discesa di Marcati, il cui passaggio orizzontale mette Roccaforte in condizione di segnare, il provvidenziale intervento di Broggi sventa il pericolo.  Gli ospiti insistono, Marcati dimostra essere una spina nel fianco dei Mastini impegnando nuovamente l’estremo difensore giallonero al 4.25. Il Varese non resta a guardare e alla prima vera occasione passa in vantaggio con Privitera lesto a ribattere in rete il rebound concesso da Menguzzato. I padroni di casa usufruiscono di 4’ minuti di superiorità, di cui 2’ in cinque contro tre, durante i quali è concesso un rigore fallito da Sorrenti. Francesco Borghi cerca l’allungo, tuttavia una disattenzione del suo reparto è punita con il pareggio di Odoni, il quale finalizza l’assist di Costa. Il Como si ringalluzzisce e torna a premere nel terzo d’attacco, le incursioni di Michael Mazzacane  e Andreoni spengono le loro iniziative. Il capitano varesino, alla seconda doppia superiorità della partita a favore,  porta in vantaggio i gialloneri ad un minuto dalla fine della frazione di gioco.

2013_10_06 varese como (2)Nel periodo centrale i Mastini partono decisi, Piccinelli è il giocatore più attivo nella fase di gioco iniziale; il Como rompe l’assedio con Ballarate, mentre Pipitone e Senigagliesi proseguono il monologo interrotto dall’acuto di Muscionico. Tornati in apnea Menguzzato è chiamato agli straordinari intervenendo sullo slapshot di Latin da posizione centrale. L’assedio giallonero frutta il goal del momentaneo 3-1 con la rasoiata di Erik Mazzaccane, in situazione di quattro contro quattro,  che termina la sua corsa sotto la traversa. Ai padroni di casa gira tutto per il verso giusto e meno di due minuti più tardi, in cinque contro tre, Piccinelli devìa la conclusione dalla blu di Francesco Borghi. Il timeout chiamato da coach Blasek sveglia i lariani che si presentano in avanti con maggior piglio colpendo il palo con l’ex varesino Vaccani. A 13” dal  secondo intervallo, con un repentino contropiede Michael Mazzacane e Marcello Borghi mettono a sedere Menguzzato servendo a Rossi il disco del 5-1.

2013_10_06 varese como (1)Sebbene la situazione sia ampiamente compromessa, nel terzo tempo, il Como abbozza ad una flebile reazione con l’incursione di Meneghini, un minuto più tardi Privitera, recuperato il puck in zona neutra, mette a segno la personale doppietta, imitato, al 58.37 da Piccinelli. A 29” dalla conclusione Marco Fiori congela il punteggio sul definitivo 8-1.

Nel dopo partita Ilic, coach dei Mastini, esprime tutta la sua soddisfazione:

“Sono contento della vittoria, tuttavia ci attende molto lavoro, perché la squadra non è ancora pronta. Questa è la quarta settimana che siamo sul ghiaccio e stasera abbiamo disputato la prima ufficiale; purtroppo quest’anno non abbiamo disputato amichevoli di preparazione, per questo motivo sono contento per come si sono comportati i ragazzi e per come hanno giocato, soprattutto il portiere (Broggi, n.d.r.), il quale nei momenti topici della partita si è presentato sempre pronto, concentrato e ha fatto la differenza. Complimenti alla squadra. Adesso ci prepareremo per la trasferta di Alleghe”

Di animo contrario il Presidente Ambrosoli:

“Sapevano che per noi era una partita difficilissima, la squadra ha ancora poca preparazione, inoltre siamo un po’ a corto di giocatori. Il Varese ha giocato meglio e ha vinto meritatamente. Noi abbiamo commesso troppe penalità e subito tanti goal in inferiorità numerica, per questo motivo abbiamo subito un 8-1 che è abbastanza pesante. La prossima partita sarà molto difficile, perché giocheremo contro i campioni in carica dell’Ora”.

Varese – Como 8-1 (2-1; 3-0; 3-0)
Varese: Lorenzo Broggi (Simone De Lorenzo); Francesco Borghi – Dario Cortenova – Matteo De Lorenzo – Nicolò Latin – Mirko Pipitone – Rudi Rossi; Marco Andreoni – Marcello Borghi – Daniele De Vincenzo – Marco Fiori – Erik Mazzacane – Michael Mazzacane – Nicolò Megioranza – Filippo Milo – Lorenzo Piccinelli – Riccardo Privitera – Fabio Senigagliesi – Salvatore Sorrenti. Coach: Nenad Ilic
Como: Marco Menguzzato (Dario Colombi); Roberto Torboli – Andrea Ballarate – Daniele Fusini – Riccardo Valli – Federico Tortone – Marco Muscia – Filippo Ambrosoli – Simone Costa – Riccardo Ambrosoli – Lorenzo Marcati – Mattia Meneghini – Michael Muscionico – Matteo Roccaforte – Matteo Riva – Marco Vaccani – Daniele Odoni. Coach: Karel Blasek
Arbitro: Fabio Lottaroli Linesmen: Stefano Marchetti e Stefano Terragni
Penalità: Varese 18 (4/10/4) – Como 26 (10/12/4)
Tiri: Varese 48 (21/13/14) – Como 37 (9/10/18)
Marcatori: (1-0) 04.46 Riccardo Privitera (Erik Mazzacane); (1-1) 09.34 Daniele Odoni (Simone Costa – Federico Tortone); (2-1) 19.00 Marco Andreoni (Lorenzo di Vincenzo – Marcello Borghi) PP2; (3-1) 31.38 Erik Mazzacane (Riccardo Privitera); (4-1) 33.14 Lorenzo Piccinelli (Francesco Borghi – Marcello Borghi) PP2; (5-1) 39.47 Rudi Rossi (Michael Mazzacane – Marcello Borghi); (6-1) 41.59 Riccardo Privitera; (7-1) 58.37 Lorenzo Piccinelli; (8-1) 59.31 Marco Fiori (Nicolò Megioranza – Michael Mazzacane)
Spettatori: 685

Tags: