KHL: finita la regular season, che i playoff abbiano inizio!

Si è conclusa oggi la regular season della Kontinental Hockey League 2012/13. Ad Ovest, l’Atlant ha superato al fotofinish la Dinamo Minsk che, una settimana fa, sembrava avere in tasca il biglietto per la postseason. Nella Conference Est, l’ultimo posto utile per i playoff se l’è invece aggiudicato il Neftekhimik.

La grande delusa del momento, come detto, è la squadra di Minsk. La Dinamo aveva messo una seria ipoteca sull’ottavo posto in classifica grazie sopratutto alle convincenti prestazioni fornite tra dicembre e gennaio. Proprio all’inizio della fase decisiva, però, i Bielorussi hanno perso tre gare fondamentali contro Traktor, CSKA e Bars Kazan: nove punti che, complici gli exploit delle dirette rivali Lev Praga e Atlant Oblast di Mosca, li hanno condannati a terminare anticipatamente la loro stagione.

I capitolini di Praga hanno invece guadagnato meritatamente i playoff (che, ad inizio stagione, prima della crisi di gennaio, sembravano un obbiettivo minimo) infilando un entusiasmante filotto di cinque vittorie consecutive, favoriti tuttavia da un calendario decisamente agevole. Se i leoni dovessero confermare in postseason quanto fatto vedere nelle ultime settimane, potrebbero dare del filo da torcere anche alla corazzata CSKA.

Se esistesse un premio “squadra del mese”, questo andrebbe sicuramente all’Atlant Oblast di Mosca, capace di guadagnarsi un posto ai playoff andando a punti nelle ultime nove partite, vincendone otto e perdendone solo una agli shootout.

Ad Est, Yugra e Neftekhimik non hanno dato vita ad un duello avvincente come i tifosi si aspettavano e gli uomini di Nizhnekamsk hanno confermato la posizione delle ultime settimane, approdando ai playoff con un turno di anticipo sulla fine della regular season. Allo Yugra non è bastato il doppio 4:0 rifilato a Dinamo Minsk e Avtomobilist, inguaiati dalla sconfitta di misura rimediata contro lo SKA.

Classifica finale Conference Ovest

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
SKA
52
36
1
1
2
1
11
182-116
115
2
CSKA
52
23
5
8
1
0
15
151-109
96
3
Dynamo Msk
52
27
3
6
1
1
14
150-115
101
4
Lokomotiv
52
24
2
8
0
0
18
131-121
92
5
Severstal
52
21
1
6
3
5
16
137-117
85
6
Slovan
52
17
3
8
5
0
19
124-127
78
7
Lev
52
23
0
1
2
3
23
132-133
76
8
Atlant
52
19
1
3
4
4
21
137-141
73
9
Donbass
52
17
2
5
6
1
21
134-142
72
10
Dinamo Mn
52
18
5
1
2
3
23
125-148
71
11
Torpedo
52
19
0
2
4
4
23
142-146
69
12
Vityaz
52
11
1
6
6
2
26
119-151
55
13
Spartak
52
11
4
2
5
2
28
106-151
52
14
Dinamo R
52
13
2
2
2
2
31
109-151
51

Classifica finale Conference Est

Team GP W OTW SOW SOL OTL L G PTS
1
Ak Bars
52
28
1
5
5
3
10
157-112
104
2
Avangard
52
26
6
3
4
2
11
149-121
102
3
Traktor
52
28
0
3
6
2
13
152-120
98
4
Metallurg Mg
52
27
0
0
7
5
13
167-121
93
5
Salavat Yulaev
52
24
2
3
6
0
17
148-140
88
6
Barys
52
23
3
2
2
4
18
175-161
85
7
Sibir
52
21
1
6
4
3
17
124-119
84
8
Neftekhimik
52
17
5
5
4
2
19
144-150
77
9
Yugra
52
19
4
3
3
0
23
153-163
74
10
Metallurg Nk
52
15
3
1
3
2
28
132-177
58
11
Amur
52
11
1
4
1
0
35
115-167
44
12
Avtomobilist
52
7
0
1
7
5
32
104-180
35

Accoppiamenti per i playoff – Conference Ovest

SKA San Pietroburgo (1) – Atlant Oblast di Mosca (8): Una sfida che sulla carta non prevederebbe nessun tipo di sorprese, se non fosse per la tragicomica attitudine della squadra di San Pietroburgo a smarrirsi clamorosamente durante i playoff, specialmente dopo aver dominato in lungo e in largo la regular season.
CSKA Mosca (2) – Lev Praga (7): Come scritto sopra, se il Lev Praga dovesse confermare quanto fatto vedere nelle ultime settimane, sarebbe un avversario ostico per chiunque. Anche per Radulov, Stana e soci, che sulla carta rimangono comunque su un altro livello.
 
Dynamo Mosca (3) – Slovan Bratislava (6): Paradossalmente, è andata meglio al Lev, classificatosi settimo, che ai cugini dello Slovan che, nonostante la sesta posizione, incroceranno le stecche contro i temibilissimi campioni in carica, una delle quattro squadre capaci di sfondare la barriera dei 100 punti in stagione.
Lokomotiv Yaroslavl (4) – Severstal Cherepovets (5): Nonostante i due team abbiano concluso la stagione distanziati di sole sette lunghezze, il divario che li separa è innegabilmente maggiore. I ferrovieri hanno però disputato una stagione a due velocità, rallentando notevolmente dopo i primi due mesi di fuoco. Dall’altra parte, il goalie Koshechkin è stato appena premiato come giocatore del mese per gennaio, dopo aver fatto registrare l’ottavo shutout stagionale.

Accoppiamenti per i playoff – Conference Est

Bars Kazan (1) – Neftekhimik Nizhnekamsk (8):  Dopo aver conquistato le prime due stagioni della KHL nel 2009 e nel 2010, le tigri bianche hanno dovuto ingoiare due brucianti eliminazioni ai quarti di finale, ottenute tuttavia schierando dei roster giovani e non competitivi come quello di quest’anno. E il Neftekhimik non sembra avere le carte in regola per fermare la corsa delle tigri verso il terzo titolo.

Avangard Omsk (2) – Sibir Novosibirsk (7): La sconfitta in finale dell’anno scorso brucia ancora e stavolta i falchi di Omsk sembrano determinati ad andare fino in fondo. Il Sibir ha disputato una seconda parte di stagione da incorniciare, la possibilità di sorprese c’è… ma per abbattere i falchi ci vuole ben altro.

Traktor Chelyabinsk (3) – Barys Astana (6): Passata la paura per il meteorite della scorsa settimana, che ha danneggiato parecchi dei vetri di copertura della Arena Traktor, gli orsi si preparano ad affrontare le tigri bianche kazake, che in quattro apparizioni ai playoff su altrettante edizioni della KHL non sono mai riuscite a passare il primo turno. E non sembra che questo possa essere l’anno buono.

Metallurg Magnitogorsk (4) – Salavat Yulaev Ufa (5): Trovare un accoppiamento del genere già ai quarti di Conference fa quasi dispiacere, ma bisogna ammettere che entrambe le squadre non hanno vissuto sinora la loro migliore stagione. Il Metallurg, orfano di Malkin e degli altri NHLers, ha faticato parecchio a mantenere un ritmo congruo al blasone della squadra, mentre il Salavat Yulaev ha rimesso in piedi una stagione che sembrava ormai da buttare grazie ad un gennaio da incorniciare. Se pensate che l’inerzia conta, vedremo delle bellissime sfide. Se, invece, siete per il “ai playoff tutto si azzera”, il Magnitogorsk ha ancora in Sergej Mozyakin un cannoniere sensazionale e l’uomo-chiave per la postseason, elemento che i verdeblù ora come ora non possono vantare.

I playoff inizieranno mercoledì 20 febbraio con gara-1 dei quarti di finale della Conference Ovest; il giorno successivo prenderanno il via quelli della Conference orientale. Le eventuali gare-7 si disputeranno tra il quattro e il cinque di marzo.

Tags: