Qualif. Olimpiadi Donne: Inizio shock dell’Italia, 0-7 con l’Austria; male la Lettonia

L’Italia apre il girone di qualificazione per le Olimpiadi di Sochi che prende il via quest’oggi a Valmiera (Lettonia) contro una delle sue storiche rivali l’Austria, l’avvio di partita è equilibrato ma le austriache prendono  ben presto il comando del gioco, complice anche una penalità contro le azzurre l’Austria cerca di farsi pericolosa ma Giulia Mazzocchi goalie dell’Italia e la sua difesa superano indenni il momento delicato. Anche l’Italia cerca di rendersi pericolosa in avanti ma senza esito, sul finire del primo periodo la seconda penalità contro l’Italia è fatale, le austriache riescono ad andare in vantaggio con Janine Weber  al 19.24 e chiudono cosi avanti il primo periodo per 1-0.

Nel secondo periodo è l’Italia a prendere l’iniziativa con maggior convinzione, una penalità fischiata contro l’Austria stimola ancor di più l’attacco italiano che effettua numerosi tiri verso la gabbia austriaca difesa da Paula Marchhart ma senza riuscire a trovare il pertugio giusto per andare in rete. A cavallo di metà partita superiorità numerica per l’Austria, che qualche minuto più tardi si trova a disposizione un altro power play, e stavolta  Janine Weber impiega solamente 33 secondi per siglare la rete del 2-0 in favore delle austriache. L’Austria è galvanizzata dalla seconda rete e prima della seconda sirena aumenta il vantaggio con Anna Meixner che al 38.27 realizza la rete del 3-0 con cui si chiude il secondo periodo, con l’Italia che a pochi secondi dal termine riceve una penalità per troppi giocatori in pista.

Passano solo 13 secondi da inizio terzo periodo e arriva ancora in power play e arriva la quarta rete austriaca con Denise Altnmann, non si ferma l’Austria al 45.39 Julia Willenshofer, L’Italia sostituisce  il portiere dentro Rita Flor, fuori Giulia Mazzocchi, dopo altri quattro minuti e anche Eva Maria Schwarzler  mette il suo sigillo per il 6-0 Austria al 49.18. Anche la panchina austriaca intuisce che la contesa è finita e effettua a sua volta il cambio del portiere; l’Italia gode di un paio di superiorità numeriche ma gli attacchi verso la porta austriaca non portano a nessun esito, prima della fine Denise Altmann sigla la doppietta personale al 56.03 per il 7-0 con cui si conclude l’incontro che pregiudica sin da subito il sogno olimpico dell’Italia

Austria-Italia 7-0 (1-0; 2-0; 4-0)
Marcatrici: 19.24 (1-0 PP1) Janine Weber (Denise Altmann, Marlene Brunner).33.40 (2-0 PP1) Janine Weber (Charlotte Wittich, Tamara Grascher); 38.27 (3-0) Anna Meixner (Janine Weber, Victoria Hummel); 40.13 (4-0 PP1) Denise Altmann; 45.39 (5-0) Julia Willenshofer (Eva Maria Schwarzler); 49.18 (6-0) Eva Maria Schwarzler (Victoria Hummel, Julia Willenshofer); 56.03 (7-0) Denise Altmann (Eva Maria Verworner).
Austria: Paula Marchhart (dal 49.18 Theresa Hornich); Tamara Grascher, Charlotte Wittich; Eva-Maria Verworner, Esther Kantor “A”;Sharon Hausberger, Katharina Hybler; Julia Willenshofer, Eva Maria Schwärzler “A”, Denise Altmann “C”; Anna Meixner, Victoria Hummel, Janine Weber; Sonja Ban,Ildiko Hofbauer,Marlene Brunner; Lisa Zohrer, Monika Vlcek, Sophia Volgger. Allenatore: Per Christian Yngve
Italia: Giulia Mazzocchi (dal 45.39 Rita Flor); Elena Ballardini, Linda De Rocco “C”; Valentina Bettarini “A”, Anneke Orlandini; Valentina Ricca, Michelle Masperi; Michela Angeloni; Anna De la Forest “A”, Beatrix Larger, Federica Zandegiacomo; Carola Saletta, Diana Da Rugna, Agnese Tartaglione; Mia Campo Bagatin, Eleonora Dalprà, Hanna Elliscasis; Eleonora Bonafini, Elisa Ballardini. Allenatore: Marco Liberatore
Penalità: 8-10 (0-4, 2-6, 6-0)
Tiri: 36-27 (14-6, 12-10, 10-11)

———————————————————————————————————–

LETTONIA – DANIMARCA  1-4 (0-1; 0-2; 1-1)

Nella seconda partita della giornata, la Danimarca batte la Lettonia padrona di casa in maniera abbastanza agevole, dopo essere passata in vantaggio dopo nemmeno tre minuti dall’avvio di gara la Danimarca dimostra di tenere il controllo del gioco per tutta la prima frazione. L’impronta sulla partita viene data nel corso del 25mo minuto di gioco quando le danesi piazzano un terrificante uno-due  alle lettoni realizzando due reti nel breve volgere di trentadue secondi con Anne Sofie Clausen al 24.27 e Julie Gregersen al 24.59 con la Lettonia che riesce ad effettuare solo tre tiri nel corso dell’intero periodo. Nella terza frazione la Lettonia prova a rialzare la testa accorciando le distanze al 45.07 con Ieva Petersone, ma sei minuti più tardi ci pensa la danese Nicoline Jensen a ricacciare a distanza di sicurezza le padrone di casa, nel resto dell’incontro non si registrano altre reti e la Danimarca si aggiudica così l’incontro per 4-1.

Lettonia: Evija Tetina (Ilze Krontale); Zanete Vasilevska, Aija Aspite “A”; Sarma Pone, Laura Aldina;Olita  Liepina, Ilze Kronberga; Laila Dekmeijere-Trigubova “A”, Iveta Koka “C”, Ilze Bicevska; Inese Geca-Miljone, Sindija Agare, Mara Trezina; Baiba Kurme, Ivita Krumina, Ieva Petersone; Baiba Dzene, Lelde Hartmane, Anna Katrina Lagzdina. Coach: Andrejs Zakis

Danimarca: Kamilla Lund Nielsen (Amalie  Joa); Malene Frandsen, Maria Olausson; Charlotte Densing, Simone Jacquet; Julie Davidsen, Line Ernst “A”; Jeanette Langsager; Julie Gregersen, Emma Russell, Josefine Persson; Josefine Jakobsen, Nicoline Jensen, Henriette Ostergaard “A”; Christina Andersen “C”, Josephine Asperup, Anne Sofie Clausen; Katarina Lund Nielsen. Coach: Denis Larsen

 

Marcatori: 02.52 (0-1) Simone Jacquet (Josefine Jacobsen); 24.27 (0-2) Anne Sofie Clausen; 24.59 (0-3) Julie Gregersen (Malene Frandsen); 45.07 (1-3) Ieva Petersone (Lelde Hartmane); 53.04 (1-4) Nicoline Jensen (Josefine Jacobsen)

Tiri:  Lettonia 21 (9,3,9)   Danimarca 46 (16,20,10)

Penalità: Lettonia 4 (0,0,4)   Danimarca 6 (2,0,4)

RISULTATI (ora locale)

  • 08 novembre 2012
    ore 15.30  Austria – ITALIA  7-0 (1-0; 2-0; 4-0)
    ore 19.30  Lettonia- Danimarca 1-4 (0-1; 0-2; 1-1)
  • 09 novembre 2012
    ore 15.30  Austria – Danimarca
    ore 19.30  Lettonia- ITALIA
  • 11 novembre 2012
    ore 13.00  Danimarca – ITALIA
    ore 17.00 Lettonia – Austria