Carpano ferma il Bolzano, Aquino lo stende

di Cristian Pascottini

PONTEBBA – BOLZANO 2-1 (1:0; 0:0; 1:1)

Il campionato riprende dopo la pausa per gli impegni della Nazionale con la quattordicesima giornata di Serie A1 RBK Hockey Cup e sul ghiaccio del Pala-Vuerich, il Pontebba ospita il blasonato Bolzano. Per i friulani sconta un turno di squalifica il difensore David Cooper, ancora ai box Jas mentre Hecl figura fra i presenti ma in precarie condizioni fisiche. Gli altoatesini, con indisponibile il solo difensore Florian Ramoser, si presentano come uno degli avversari peggiori per le Aquile di coach Vassilyev uscite sempre sconfitte negli ultimi due anni tranne un pareggio casalingo: un motivo in più per cercare la vittoria dopo i soli 2 punti delle ultime 5 partite.
Arbitra l’incontro il signor Soraperra coadiuvato da Moschen e Gastaldelli; come sugli altri ghiacci, un minuto di raccoglimento prima del drop d’inizio per i gravi fatti accaduti domenica scorsa.

Parte bene il Bolzano con le pericolose conclusioni di Max Ansoldi e Luca Ansoldi nel minuto iniziale ma al primo tentativo è il Pontebba che passa in vantaggio con veloce ingresso in zona di Aquino che batte Groeneveld per l’1 a 0 dopo una finta.

Ghiotta occasione al quarto minuto per i padroni di casa in contropiede ma Ciresa tira debolmente, così come Aquino non sfrutta un tiro frontale un minuto dopo in power play. Terminata l’inferiorità numerica il Bolzano rialza la testa col primo tiro dello sniper rumeno Mihaly. Il gioco prosegue con un buon ritmo e senza significative interruzioni: il nazionale Ansoldi entra bene sull’ala e serve l’accorrente Mihaly che devia sul palo il possibile pareggio. Ci credono le volpi bolzanine con un tentativo di Insam dalla blu sul quale Carpano si oppone in presa alta. Prima della sirena di fine drittel c’è tempo il gialloblu Armani di sprecare un tiro nello slot in solitudine.

La ripartenza veemente del Bolzano viene smorzata da un’inferiorità numerica che permette ai padroni di casa di stazionare per due minuti costantemente dalle parti di Groeneveld ma la scarsa precisione di Lefebvre nei passaggi impedisce di arrivare a conclusioni pericolose. La squadra di McKay riprendere il forcing rendendosi davvero pericolosa ma la situazione cambia quando in 4 contro 4 la bontà del cambio di Romano e Demetz riporta i biancorossi sulla difensiva. Le chiamate arbitrali creano spazi ed il gioco mantiene un ritmo gradevole per lo scarso pubblico presente sulle tribune del Claudio Vuerich. La frazione centrale si chiude con Armani che viene colto in azione fallosa ma con un nulla di fatto per quanto riguarda il tabellino marcatori.

Il periodo conclusivo parte con il Bolzano che al secondo minuto riesce ad infilare il disco alle spalle di Carpano ma la deviazione dell’attaccante avviene col pattino ed il linesman indica al capo arbitro che il gol non è valido.
Le Aquile capiscono che stano rischiando troppo e migliorano la precisione nei passaggi mettendo in crisi la retroguardia bolzanina costretta a ricorrere a delle irregolarità: così alla quinta superiorità numerica è ancora Anthony Aquino che si accentra ed infila Groeneveld sul secondo palo per il 2 a 0 nonchè doppietta personale.
La reazione delle Volpi biancorosse mette in difficoltà il Pontebba che viene colto in due infrazioni: prodigio di Carpano sul tap in ravvicinato di Borgatello e pronta opposizione sulla conclusione potente di Insam dalla blu. Vassilyev capisce il momento di difficoltà dei suoi ragazzi e chiama un time out per organizzare la squadra in vista degli ultimi due minuti di gioco. Alla ripresa del gioco il Bolzano vince l’ingaggio alla destra di Carpano, il dico arriva a Mihaly dalla parte opposta che, libero, insacca di prepotenza il 2 a 1.
McKay inserisce l’uomo di movimento in più (Groeneveld viene chiamato in panchina), Burgess non trova la porta sguarnita per questione di centimetri e sul ribaltamento Lutz commette uno sgambetto ingenuo che costringe le Aquile a difendersi con due uomini in meno sul ghiaccio negli ultimi 30 secondi di gioco. L’impresa riesce ai padroni di casa che ritornano alla vittoria contro quegli avversari che fino ad ora erano considerati la loro bestia nera; d’altro canto il Bolzano si è dimostrato poco convinto dei propri mezzi.

Generali Aquile-FVG Pontebba 2
HC Interspar Bolzano 1

Parziali: 1-0,0-0,1-1.

Formazioni:
Generali Aquile FVG: Carpano (Dell’Olio); Lutz-Eronen, Betti-Hecl, Ambrosi-Armani; Margoni-Burgess-Aquino, Rigoni-Cavanaugh-Lefebvre, Demetz-Ciresa-Romano, Stampfer, Vernaccini.
Coach: M. Vassilyev

HC Interspar Bolzano: Groeneveld (Russo); Borgatello-Hajt, Petruic-DeMarchi, Insam; Mihaly-Abel-Ansoldi L., Walcher-Pittis-Ramoser R., Zisser-Faggioni-Stocker, Ansoldi M.
Coach: D. McKay

Tabellino marcatori:
1-0 01:11 Aquino (Margoni, Armani)
2-0 50:11 Aquino (Margoni) PP
2-1 57:55 Mihaly (Ansoldi L.) PP

Tiri in porta: Pontebba 32, Bolzano 40.
Penalità: Pontebba 10 minuti, Bolzano 8 minuti.
Power play: Pontebba 1/5, Bolzano 1/4.