Milano – Cortina: la cronaca.

di Francesco.

HCJ MILANO VIPERS – SG CORTINA 2-1 (0-0,1-0,1-1)

Milano – Sfida d’alto interesse che ha richiamato il pubblico della grandi occasioni. Partono bene i padroni di casa andando al tiro svariate volte nei primi minuti ma senza mai impensierire Gravel, la prima vera occasione è per Chiatarroni cerca la deviazione vincente dopo che il golie ampezzano non si accorge che il disco gli era sfuggito sul tiro di Rickmo, ma lesto para. Il primo tiro del Cortina è ad opera di Boman una bomba dalla linea blu che sfiora il palo alla sinistra di Eriksson. La risposta del Milano non si fa attendere, Sundstrom gira dietro la gabbia avversaria e serve Di Maio che solo davanti a Gravel tira fuori. La gara si fa nervosa e Moschen assegna le prime penalità da ambo le parti ma il risultato rimane sullo 0-0. In conclusione del periodo l’occasione più nitida per le Vipere, tiro di Adams respinto da Gravel, Savard a botta sicura tira con il portiere ampezzano sdraiato che compie un miracolo parando con un gambale.
L’inizio del secondo drittel vede il Cortina salire di tono, complice le penalità ai danni di Savard, Da Corte ha l’occasione buona per il vantaggio ampezzano con un doppio
tiro ma Eriksson si fa trovare pronto. Il Milano reagisce trovando il vantaggio, Tkaczuk dopo aver ricevuto da Di Maio supera un paio di avversari e serve Sundstrom che spiazza Gravel. Il Cortina ne risente lasciando spazio alle Vipere che sfiorano il gol in varie occasioni, prima con Matteo Molteni che sbaglia solo davanti a Gravel poi un batti e ribatti dopo un tiro di Helfer, per gli ospiti sono Da Corte e Pettersson ad impensierire il golie rosso-blu con un paio di occasioni e sul successivo contropiede Busillo si vede respingere il proprio tiro dall’estremo ampezzano.
In avvio del terzo periodo Kallarsson impegna Gravel con un tiro potente dalla blu, sulla ribattuta Matteo Molteni non trova la deviazione vincente. Il Milano si porta ripetute volte in attacco costringendo gli avversari al fallo, nell’occasione il golie ampezzano dopo aver ripetutamente spostato la gabbia, le Vipere sfruttano la superiorità siglando il doppio vantaggio con Laszkiewicz veloce nel deviare in porta il disco dopo varie ribattute scaturite da un tiro di Smith. Il Cortina tenta la via del gol, grazie all’uomo in più sul ghiaccio per la penalità inflitta a Tkaczuk, andando al tiro prima con Boman e successivamente con Mosnar ma Eriksson para, è solo il preludio al gol ampezzano al 12.02 Pettersson recupera un disco prezioso e serve Boman che in contropiede supera il golie rosso-blu per il 2-1. I minuti finali sono un continuo riversamento in attacco del Cortina alla ricerca del pareggio, al 13.37 è la traversa a fermare il tiro di Boman successivamente Cullen ci prova con un tiro potente dalla blu ma finisce a lato poi è la volta di Strom che si vede respingere il tiro, alla fine gli ampezzani si giocano la carta dell’uomo in più di movimento togliendo il portiere ma il risultato non cambia dando ai padroni di casa il primato in classifica. Sfida che ha mostrato bel gioco in un’atmosfera da play-off, Cortina squadra solida e ben organizzata, stasera l’uomo in più è stato Gravel, il Milano ha dalla sua un organico più completo con due linee d’attacco che possono fare la differenza.

Tags: