NL: Ginevra saldamente al comando, la pausa rigenera il Lugano

Archiviati gli impegni della Nazionale e gli ottavi di finale di Champions Hockey League, la NL si è rimessa in cammino riproponendo al vertice il solido Ginevra. Le Aquile dopo aver sconfitto (6-2) il Bienne a Le Vernets, si sono ripetuti, sempre sulla pista amica, liquidando agevolmente anche l’Ajoie (5-2). Le reti di Törmänen, Filppula e Praplan, tutte realizzate nel periodo iniziale, rendono subito facili le cose per il Servette, che completa l’opera con i gol di Richard e Antonietti. I seeländer, invece, nonostante le quattro sconfitte in fila, mantengono il secondo posto. Dopo la sconfitta patita a Lugano prima della pausa, infatti, la formazione allenata da Törmänen è caduta anche alla Tissot Arena, battuta (2-1) ai rigori dallo Zugo grazie alla trasformazione decisiva di Senteler, per poi crollare al cospetto del Kloten (5-2), messa al tappeto da ben quattro reti del finlandese Ruotsalainen. Al terzo posto si conferma il Rapperswil che, nell’unica uscita, si impone (4-3) ai rigori a Porrentruy, in una sfida dove succede tutto nel terzo periodo. I giurassiani scattano avanti con Frossard ma, dopo il pareggio realizzato da Zangger e il nuovo vantaggio firmato da Hazen, gli ospiti ribaltano il risultato grazie ai gol di Wetter e Bruschweiler. Dopo il pareggio di Kevin Bozon, il rigore decisivo viene realizzato da Wetter. Zurigo e Zugo, seguono appaiate, anche se i primi hanno disputato tre partite in meno. I Lions, reduci dalla sconfitta in Coppa con lo Skelleftea, si riscattano parzialmente superando (4-3) ai rigori il Davos. Alla squadra di Grönborg, infatti, non bastano tre reti di vantaggio realizzate da Bodenmann, Riedi e Lehtonen. Nel periodo conclusivo, i grigionesi rientrano con grande veemenza riequilibrando il risultato nel giro di 10’ con Marc Wieser, Knak e Rasmussen. Decide il rigore di Azevedo. Fase altalenante per lo Zugo che sembra pagare le fatiche di coppa. La formazione di Tangnes, cade al supplementare (3-2) con il Losanna condannata da un gol del canadese Audette, dopo aver rimontato due volte con Allenspach e Zehnder, i provvisori vantaggi vodesi siglati da Frick e Emmerton.

In grande ascesa il Friborgo che realizza l’ein-plein superando nell’ordine Davos e Berna. La sfida della BCF Arena con i grigionesi terminata (4-1), viene decisa dalle reti di Gunderson, Diaz, Sorensen (rigore) e Marchon. Alla Post Finance Arena, invece, lo scalpo degli Orsi (3-1), invece, avviene per opera di un gol in power-play di Sprünger e delle reti nel finale di Walser e Sorensen (a porta vuota). Dopo otto sconfitte di fila, rivede finalmente la luce l’Ambrì che si regala un fine settimana da cinque punti. Dopo aver sconfitto nettamente in casa il Kloten (6-2), grazie all’ottimo avvio di partita, caratterizzato dalle reti di Heed, Kneubuehler e Chlapik, i leventinesi tornano con due punti da Langnau, merito della tripletta del ceco Chlapik, che decide la sfida (4-3) all’overtime. I Tigrotti, in vantaggio (2-0) grazie ai gol di Sturny e Salzgerber, escono comunque sconfitti di misura (3-2) anche dalla sfida domenicale della Vaudoise Arena, facendosi superare in classifica dal Losanna. Protagonisti della rimonta vodese Gernat, autore di una doppietta ed Emmerton, la cui rete in shorthand decide la sfida. Solo buone notizie per il Lugano che dopo essere passato a Losanna (3-2) grazie alla spettacolare rete nel supplementare di Alatalo, bissa il successo (terzo consecutivo) nella sfida interna con il Berna vinta (5-1),  riproponendo dopo otto mesi di assenza Daniel Carr. Dopo il momentaneo vantaggio dei bernesi, realizzato in power-play da Bärtschi, i bianconeri si scatenano letteralmente andando a segno con Fazzini, Connolly, Granlund, Morini e Marco Müller, in shorthand. Da segnalare il ritorno all’attività agonistica di Daniel Carr.

Nelle ultime tre settimane i movimenti di mercato sono stati limitati a quattro: l’attaccante canadese Cory Conacher ha lasciato il Berna per trasferirsi al Belleville Senators con cui ha firmato un contratto di tryout. Il Kloten cede al Thurgau il difensore Fabian Ganz, parcheggiato in prestito al Bülach, club di MyHockey League. Il trentatreenne Etienne Froidevaux, attaccante del Bienne, ha annunciato il ritiro dall’attività agonistica a fine stagione. Lo Zugo riaccoglie nelle proprie fila lo statunitense Justin Abdelkader, l’ex NHLer, che andrà a sostituire lo svedese Carl Klingberg, ha firmato un contratto valido fino a fine anno, estendibile fino a fine stagione.

 
Risultati NL:
martedì 15 novembre
Ginevra    – Bienne     6-2

mercoledì 16 novembre
Losanna    – Lugano     2-3 ot

venerdì 18 novembre
Ajoie      – Rapperswil 3-4 so
Ambrì      – Kloten     6-2
Bienne     – Zugo       1-2 so
Friborgo   – Davos      4-1

sabato 19 novembre
Zurigo     – Davos      4-3 so
Berna      – Friborgo   1-3
Kloten     – Bienne     5-2
Langnau    – Ambrì      3-4 ot
Zugo       – Losanna    2-3 ot

domenica 20 novembre
Losanna    – Langnau    3-2
Ginevra    – Ajoie      5-2
Lugano     – Berna      5-1

Classifica NL (dopo 23 giornate)
1.Ginevra     52 p.ti (22 gare)
2.Bienne      41 (21)
3.Rapperswil  38 (21)
4.Zurigo      34 (18)
5.Zugo        34 (21)
6.Friborgo    33 (19)
————————————————————–
7.Davos       32 (22)
8.Berna       31 (22)
9.Ambrì       29 (23)
10.Kloten     28
(21)
————————————————————-
11.Lugano     26 (21)
12.Losanna    26 (22)
————————————————————-
13.Langnau    25 (22)
14.Ajoie      18 (23)

Top Scorer LNA
#                Club        Punti (reti+assist)
1.V.Filppula    (Ginevra)     28     (12+16)
2.M.Spacek      (Ambrì)       26      (8+18)
3.R.Cervenka    (Rapperswil)  26      (4+22)
4.F.Hofer       (Bienne)      23      (9+14)
6.D.Winnik      (Ginevra)     23      (6+17)

Top Goalies
#               Club         Svs%    GAA
1.
S.Hrubec      (Zurigo)     92,88   2.10
2.C.Hughes      (Friborgo)   92,77   1.92
3.G.Descloux    (Ginevra)    92,68   2.18
4.J.Juvonen     (Ambrì)      92,50   2.50
5.L.Boltshauser (Langnau)    92,37   2.61

Tags: