Bolzano, 3 su 3!

Le partite fra Bolzano e Linz non sono mai banali e, anche se gli austriaci non sono più quello squadrone che erano fino a qualche anno fa, la sfida con i Foxes rimane molto sentita; il loro gioco sempre al limite del regolamento rimane il marchio di fabbrica dei giocatori allenati da Phil Lukas. Bravi sono stati i giocatori dei Foxes a non cadere nelle provocazioni avversarie e ad aver pazienza nel trovare i varchi giusti per colpire. Sontuosa e decisiva per il risultato la prestazione di Andy Bernard, mentre la palma del migliore in campo è andata a Brad McClure, autore della rete che ha sbloccato il risultato.

Foto: Valentina Gallina


Il Bolzano parte con Bernard fra i pali, linea di difesa composta da Culkin e Miglioranzi, mentre in attacco girano Miceli, Alberga e Frank. I Foxes provano subito a colpire con Miceli che, anziché passare ad un compagno, s’intestardisce nell’azione personale, perdendo il disco e permettendo così a Knott di rendersi pericoloso; poco dopo ci prova anche Dalhuisen, senza però riuscire a superare Tirronen. Le due squadre giocano aperte, senza timori di nessun tipo, poi sono ancora gli ospiti a rendersi pericolosi ancora con Knott, ma Bernard riesce a bloccare il diagonale dell’avversario. Bolzano pericolosissimo con Miceli prima (respinto), Thomas (alto) e Frattin (traversa) nel giro di pochi secondi, alla fine il boato di gioia della Sparkasse Arena si libera quando McClure, servito da Gazley, insacca rabbiosamente sopra la spalla di Tirronen. Provano la risposta i Black Wings con Lebler, ma Bernard è reattivo nel salvare la propria gabbia; poco dopo ci prova Bretschneider, ma ancora una volta il goalie biancorosso è pronto a chiudergli lo specchio della porta e poco dopo deve usare la maschera per respingere la conclusione di Stuart. Dopo le sfuriate iniziali, la partita ristagna un pochino, con le due squadre che cominciano a sbagliare diversi dischi; dopo un tap-in fallito da Gazley, Linz riparte e si rende pericoloso con Romig. Una combinazione Miceli-Frank-Alberga per poco non permette il raddoppio ai Foxes, con Tirronen che si deve letteralmente sdraiare sul ghiaccio. Ad un minuto dalla sirena Bolzano ancora vicino al raddoppio con Frattin che, servito da Mitch Hults, tenta il diagonale con Tirronen costretto all’uscita disperata per deviare il disco. Bolzano in vantaggio alla prima sirena.

Foto: Valentina Gallina

Linz subito in avanti all’inizio della frazione centrale e Roe testa i riflessi di Bernard; sul fronte opposto Gazley chiama Tirronen ad una difficile parata in due tempi. Ci prova anche Valentine dalla blu, costringendo il portiere avversario a respingere in spaccata; poco dopo Miceli serve per Alberga che chiama Tirronen alla parata. Linz torna a farsi vedere dalle parti di Bernard con due conclusioni alte. A quasi metà partita arriva la prima penalità del match fischiata a Felicetti ed il Linz ci prova con Lebler: Bernard blocca la conclusione centrale. Si torna in 5 contro 5 e per poco McClure non trova il raddoppio, colpendo solo l’esterno della rete; poco dopo Miceli si trova da solo contro Tirronen, ma viene sbilanciato un attimo prima di tentare la conclusione. Anche Linz deve giocare con l’uomo in meno, per il fallo fischiato a Wolf e poco dopo Roe raggiunge il compagno, dando così al Bolzano una ghiottissima occasione per incrementare il punteggio; il pp biancorosso fatica a trovare varchi, poi il disco entra in porta, ma gli arbitri chiamano la prova video perché la gabbia ospite si era spostata dal supporto e, dopo una breve consultazione dell’istant replay, giustamente annullano. Wolf rientra sul ghiaccio e poco dopo anche Roe ed il Bolzano lascia sfumare così una doppia superiorità numerica. Il match attraversa una fase abbastanza confusa, con le due squadre che cominciano a mostrare segni di stanchezza e le poche occasioni che arrivano, lo fanno da eventi casuali, più che da azioni costruite. Linz prova a mettere pressione alla difesa dei Foxes, manca il pareggio in maniera clamorosa con Knott che da posizione comoda spara ampiamente a lato. È l’ultima emozione di un secondo tempo che vede ancora i padroni di casa andare al riposo con il minimo vantaggio.

Foto: Valentina Gallina

La terza frazione inizia con una conclusione di St-Amant che Bernard neutralizza in bello stile; poco dopo gli arbitri fischiano un dubbio fallo a Gazley e costringono il Bolzano all’inferiorità numerica, ma nonostante l’uomo in più, solo alla fine Linz riesce a rendersi pericoloso. Si torna a giocare in 5 contro 5, ma St-Amant e Gazley si punzecchiano e finiscono entrambi in panca puniti; in 4 contro 4 succede poco o nulla nonostante gli spazi più ampi. Halmo intercetta un disco sulla blu di attacco, ma viene sgambettato da St-Amant che torna in panca puniti; con l’uomo in più il Bolzano fa girare tanto il disco e colleziona due conclusioni che vengono facilmente neutralizzate da Tirronen. Si torna in parità numerica e quindi ci prova Dalhuisen con un’azione di sfondamento a tentare la via della rete, trovando l’opposizione efficace del portiere avversario; poco dopo Mantenuto, appena entrato sul ghiaccio, intercetta un disco e si fionda verso la gabbia avversaria, fallendo però la conclusione. Poco dopo il Bolzano trova la meritatissima rete del raddoppio con Thomas che spedisce in rete un perfetto assist di Cole Hults. Prova a reagire Linz, Roe tira dalla blu trovando la parata di Bernard che, poco dopo, effettua un vero e proprio miracolo, togliendo la gioia del gol a Knott che già stava esultando. Il coach ospite chiama il time-out quando mancano ancora più di 3 minuti alla sirena finale e, alla ripresa del gioco, Tirronen lascia il posto all’extra attacker ma Knott viene penalizzato dagli arbitri; con l’uomo in più il Bolzano sfiora il tris con Thomas e poi anche con Gazley che viene mandato in 1 contro 0 da McClure, ma fallisce clamorosamente e, appena recuperata la parità numerica, Linz trova la rete con Roe che trova il varco giusto per battere un incolpevole Bernard, ma non c’è più tempo e, alla sirena

Foto: Valentina Gallina

finale, il Bolzano può festeggiare la terza vittoria consecutiva.

Adesso una settimana intera di riposo aspetta i guerrieri di coach Henlon che torneranno sul ghiaccio venerdì prossimo quando, ancora sul ghiaccio amico della Sparkasse Arena, incroceranno le stecche con gli “Haie” dell’Innsbruck per il primo “Derby del Brennero” stagionale.

Riccardo GIURIATO

per hockeytime.net e HCBfans.net

HC BOLZANOBLACK WINGS LINZ 21 (10; 00; 11) : 06:11 Brad McCLURE (1-0); 54:01 Christian THOMAS (2-0); 59:30 Logan Roe (2-1)

Tags: