Dichiarazione della AHL in merito alla regola del goal a porta vuota durante l’overtime

Lo scorso fine settimana nella Alps Hockey League si sono verificate due situazioni in cui una squadra ha tolto il portiere dal ghiaccio durante i tempi supplementari e lo ha sostituito con un quarto giocatore di movimento. Poiché entrambe le squadre hanno poi perso, è stato loro sottratto il punto per il pareggio dopo 60 minuti. Questa regola è stata introdotta nel Manuale di gioco fin da quando si giocano gli overtime in 3 contro 3.

Anche togliere il portiere dal ghiaccio durante i tempi supplementari e sostituirlo con un quarto giocatore in pista è stato praticato da alcuni allenatori/club in passato. Sia l’EHC Lustenau che l’EC Bregenzerwald hanno optato per questo approccio lo scorso fine settimana, ma sono stati poi sconfitti da un gol a porta vuota.

Da quando è stata introdotta la regola dei tempi supplementari 3vs3, il regolamento della Alps Hockey League contiene già un paragrafo che regola esattamente questo scenario. In particolare, se si verifica una sconfitta, durante una situazione di empty net, verrà detratto anche il punto per il pareggio dopo 60 minuti.

Questa regola è stata stabilita nel Manuale di gioco da diversi anni ed è stata originariamente adottata dal regolamento della NHL. Tale adattamento è quello di preservare il gioco in 3vs3 all’overtime, veloce e pieno di occasioni da entrambe le parti. Lo scopo è anche quello di prevenire la manipolazione della partita e la perdita dell’integrità del gioco.

Estratto originale dal regolamento:

D | Gamebook

§ 10 Overtime Period

(2) Overtime – Regular-season – Extra Attacker – A team shall be allowed to pull its goalkeeper in favor of an additional skater in the overtime period. However, should that team lose the game during the time in which the goalkeeper has been removed, it would forfeit the automatic point gained in the tie at the end of regulation play, except if the goalkeeper has been removed at the call of a delayed penalty against the other team. Should the goalkeeper proceed to his bench for an extra attacker due to a delayed penalty call against the opposing team, and should the non-offending team shoot the puck directly into their own goal, the game shall be over and the team that was to be penalized declared the winner. Once the goalkeeper has been removed for an extra attacker in overtime during the regular season, he must wait for the next stoppage of play before returning to his position. He cannot change “on the fly.” If he does, a bench minor penalty shall be assessed for having an ineligible player.