Bolzano, immediato riscatto!

Il Bolzano riscatta parzialmente la sconfitta nel derby del giorno prima, sconfiggendo al PalaOnda per 4-1 un Linz incerottato e ormai ombra della bella squadra ammirata fino a pochissimi anni fa. Un incontro di certo non per palati fini, visto che entrambe le squadre erano entrambe reduci da altre partite giocate 24 ore prima (il Bolzano contro il Pusteria ed il Linz a Dornbirn).

Foto: Valentina Gallina

Parte subito bene il Bolzano con Findlay che, innescato da Halmo, arriva davanti ad Honeckl tentando di aggirarlo, ma non riesce a depositare il disco in rete; i Foxes provano a tenere alta la pressione e impegnano il portiere avversario con Catenacci senza però trovare la rete. Biancorossi ancora pericolosi con un disco che balla davanti alla porta senza che nessuno dei padroni di casa riesca a spingerlo in rete; rispondono gli ospiti con una conclusione di Kantola che Boyle alza sopra la traversa. Linz ci prova ad alzare il baricentro, si rende pericoloso in mischia, ma rischia sulla transizione successiva che porta Catenacci ad un passo dalla rete. La pressione dei Foxes non accenna a diminuire ed arriva un’altra occasione con Frigo che, però, conclude troppo centralmente per impensierire Honeckl; poco dopo un tiro dalla blu di De Haas per poco non viene deviato in rete da Ciampini ed infine un tiro di Plastino rimbalza davanti ad Honeckl creandogli qualche apprensione. Arriva anche la prima penalità del match ed è ai danni degli ospiti, con Schnetzer mandato in panca puniti dagli arbitri; i primo pericolo per la gabbia ospite arriva a quasi metà della superiorità numerica, grazie ad un tiro di Gazley che Honeckl non controlla, ma Findlay non riesce ad indirizzare il disco in porta ed è l’unica occasione che il Bolzano riesce a creare con l’uomo in più. Tocca ora al Linz giostrare er 2 minuti con l’uomo in più, a causa della penalità fischiata ad Halmo: Lebler spaventa i Foxes con una conclusione ravvicinata che viene fermata dal petto di Boyle, bravo a chiudere lo specchio della porta al capitano avversario, poi è ancora il portiere dei biancorossi ad anticipare Kristler, poco prima che Halmo torni sul ghiaccio. Ancora Linz pericoloso con un tiro di Lahoda che esce non di molto; poco dopo Plastino riceve il disco sulla blu di attacco da Gazley e scarica un tiro potente e preciso che s’infila poco sotto l’incrocio dei pali con Honeckl immobile. Passano pochi secondi ed il Bolzano avrebbe la possibilità di raddoppiare: tiro di Maione, Honeckl respinge incerto e sul disco arriva Bernard che non riesce a girare in rete da due passi. Un non di certo entusiasmante primo periodo, va in archivio con il Bolzano in vantaggio di una sola rete.

Foto: Valentina Gallina


Inizia la seconda frazione ed il Linz prova subito a riversarsi in avanti e spaventano la difesa biancorossa con un tiro di Rumble che crea apprensioni a Boyle, il quale poco dopo abbassa i gambali e respinge la conclusione, non troppo convinta per la verità, di Wolf. I Foxes provano a riprendere in mano il pallino del gioco e con Ciampini sfiorano il raddoppio, ma il diagonale del numero 71 termina troppo largo e, pochi secondi dopo, è il blocker di Honeckl a negargli la gioia della rete. Gli ospiti provano a farsi vedere con una conclusione centrale di Lebler che Boyle blocca senza troppi problemi; risponde il Bolzano che, pur rendendosi pericolosissimo, non riesce a segnare il gol del raddoppio, vuoi per sfortuna, vuoi per eccesso di protagonismo. Mizzi, forse desideroso di riscatto dopo la deludente prova contro il Pusteria, sfiora il raddoppio con una fucilata che Honeckl riesce a smorzare: è l’anticamera del raddoppio che arriva pochi secondi dopo: Miceli si porta il disco in giro per la zona difensiva avversaria prima di offrirlo a De Haas che lo spedisce in rete. Linz ha un leggero calo ed il Bolzano rischia di trovare subito la terza rete con una staffilata dalla blu di Trivellato che chiama Honeckl al miracolo. La partita non gira su ritmi alti, le due squadre sbagliano parecchio sia in fase di impostazione che in fase di finalizzazione; Ciampini viene mandato in panca puniti e Linz si trova in superiorità numerica per la seconda volta, ma solo nel finale riesce a rendersi pericoloso con Pelletier prima e Kragl poco dopo. Gli ospiti continuano a mantenere alta la pressione nella zona difensiva del Bolzano, ma non riescono a rendersi pericolosi, e ci prova Gaffal con un’azione solitaria a provare a sorprendere Boyle che, però, ci mette il gambale. Il Bolzano sonnecchia, ma appena accelera un attimo, trova la rete con Halmo che raccoglie un corto rebound concesso da Honeckl sul tiro di Gazley ed insacca. Per Ciampini il gol sta diventando una maledizione: ci prova in diagonale, ma trova la respinta di Honeckl prima di venire ostacolato da Rumble che viene spedito in panca puniti. Con l’uomo in più i Foxes sfiorano il poker con un tiro di Miceli che, deviato nel traffico, crea qualche problema al portiere avversario, il quale riesce comunque a fermare il disco in qualche modo. Seconda sirena e squadre al riposo con i Foxes avanti per 3-0.

Foto: Valentina Gallina

Bolzano, forte anche dei 30 secondi residui di superiorità numerica, subito pericoloso in avvio di terzo periodo con Trivellato, ma Honeckl riesce a respingere la conclusione del difensore biancorosso poco prima che Rumble torni sul ghiaccio. La parità numerica dura solo pochi secondi, perché De Haas si fa mandare in panca puniti per trattenuta, ma il Bolzano trova comunque il modo di sfiorare il gol pur con l’uomo in meno: Catenacci intercetta un disco in difesa e, caparbiamente, lo porta in avanti, giunto in zona di attacco si accentra e serve per il rimorchio di Alberga, la cui conclusione viene fermata quasi miracolosamente da Honeckl. Si torna a giocare in 5 contro 5 ed il Bolzano torna a piantare le tende nel terzo difensivo avversario senza però riuscire ad affondare il colpo per mettere in ghiaccio il match; ci prova Miceli che, solo davanti ad Honeckl, si perde in troppi tocchi e fallisce l’occasione. Poco dopo il Linz trova la rete della bandiera, ma gli arbitri non convalidano la marcatura per un fallo di Lebler che travolge Boyle e quindi viene mandato in panca puniti. Pur trovandosi con l’uomo in più, il Bolzano sembra più intenzionato a far trascorrere il tempo che a trovare la quarta rete, ci provano prima Plastino e poi Miceli, ma la gabbia ospite rimane inviolata anche in questa occasione. Lebler torna sul ghiaccio, ma sembra avere il solo fine di far innervosire i Foxes con un gioco al limite del regolamento e con Ciampini riesce nel suo scopo. Il numero 71 va in panca puniti ed il Linz trova una rete fortunosa con Kantola che trafigge Boyle con un diagonale raso ghiaccio. Gli ospiti trovano nuove energie e speranze dal gol, ma il Bolzano risponde al gioco duro degli avversari con altrettanta durezza e trova il quarto gol con Alberga che, dopo aver ricevuto il disco in neutra, vince un contrasto e si lancia verso Honeckl, infilandolo in diagonale. Il gol biancorosso fa saltare i nervi agli ospiti e Kristler si prende 10 minuti, lasciando così il ghiaccio; gli arbitri poi chiamano anche 2 minuti di penalità di panca ai danni degli ospiti che vengono scontati da Lebler. Con

Foto: Valentina Gallina

l’uomo in più il Bolzano non riesce ad arrotondare il risultato e si entra negli ultimi due minuti di gioco con i Foxes che provano a gestire il disco e gli ospiti che tentano di trovare un altro gol per mantenere vive le speranze senza però riuscirci.

Il Bolzano torna così a festeggiare la vittoria 24 ore dopo l’amara e beffarda sconfitta nel derby contro il Val Pusteria e può cominciare a pensare alla doppia trasferta nell’est contro il Fehervar (28.01) e Znojmo (30.01).

Riccardo GIURIATO

per hockeytime.net e HCBfans.net

HC BOLZANOBLACK WINGS LINZ 4-1 (10; 20; 1-1): 16:49 Nick PLASTINO (1-0); 26:35 James DE HAAS (2-0); 36:46 Mike HALMO (3-0); 52:30 Kai Kantola PP1 (3-1); 54:31 Domenic ALBERGA (4-1)

Tags: