Nella calza della Befana, il Bolzano trova una vittoria insperata

Un gol fortunoso di Lowe, arrivato quasi all’ultimo minuto dell’overtime, consente al Bolzano di portare a casa una vittoria che, a ¾ di gara, sembrava saldamente nelle mani di un Dornbirn avanti per 0-3, con i biancorossi che, viceversa, sembravano essersi arresi, almeno fino al gol di Gazley che ha dato il via all’insperata rimonta biancorossa.

Prova subito a mettere pressione alla difesa avversaria il Bolzano, ma senza arrivare ad impensierire Madlener, per tutta risposta il Dornbirn si chiude a riccio nella propria zona difensiva. La partita appare bloccata, con le due squadre che faticano ad imporre il proprio gioco in zona neutra; nonostante la superiorità territoriale, i Foxes faticano non poco a trovare la chiave giusta per tentare di scardinare il dispositivo difensivo dei Bulldogs. Il primo squillo del match arriva grazie ad un diagonale di DeHaas che impegna Madlener; sul capovolgimento di fronte, ci prova Ross, ma Fazio riesce a respingere la conclusione. Il match del PalaOnda si accende di colpo, grazie anche ad una combinazione fra Halmo e Catenacci; poco dopo gli arbitri mandano in panca puniti Antonitsch ed il Bolzano va subito vicino al vantaggio con un tiro di Ciampini che esce di pochissimo sul primo palo. I Foxes assediano la gabbia avversaria, ma colpiscono solamente l’esterno della rete con Findlay, proprio allo scadere della superiorità numerica. Le due squadre cominciano ad aprirsi, ma le occasioni da rete ancora latitano; Jevpalovs conclude a rete, ma Fazio riesce a deviare e poi gli arbitri mandano in panca puniti Tauferer per trattenuta. Il PK biancorosso è semplicemente perfetto nell’impedire qualsivoglia conclusione diretta verso Fazio e il Bolzano torna così a giocare in 5 contro 5, ma rischia sulla transizione avversaria che porta al tiro Ruzicka, ma Fazio blocca; poco dopo ci prova anche Beck, con il medesimo risultato. Il Dornbirn prova a chiudere in avanti il primo periodo, ma Fazio riesce a bloccare la conclusione di Vandane. La prima frazione, abbastanza deludente dal punto di vista dello spettacolo, che va in archivio a reti bianche.

Inizia la seconda frazione e, dopo un minuto gli ospiti passano in vantaggio con Schwinger che, lasciato colpevolmente solo dalla difesa biancorossa, viene servito da Ross ed insacca. Il Bolzano sembra accusare il colpo e lascia l’iniziativa agli avversari che provano ad approfittarne. I mastini del Vorarlberg vanno vicinissimi al raddoppio grazie ad una mezza papera di Fazio che, però, riesce a rimediare in tempo. I Foxes abbozzano una reazione, ma quasi subito sono gli ospiti a farsi vedere; Gazley ci prova a dare la carica ai suoi con un’azione caparbia conclusa con un tiro di DeHaas che viene facilmente neutralizzato da Madlener, ma Dornbirn rischia di fare male ogni volta che oltrepassa la propria linea blu di attacco. Insam procura ai suoi la seconda superiorità numerica di serata, subendo il fallo di Ross che viene mandato in panca puniti dagli arbitri; Gazley non trova la porta su assist di Plastino, ma è l’unico brivido di un powerplay che non porta marcature. Le azioni dei biancorossi sono molto lente ed elaborate, mentre agli ospiti bastano pochi, veloci passaggi per arrivare al tiro. I Foxes provano, anche con veemenza, a risalire la china, ma non sembrano avere le idee chiare sul come fare e i pericoli per Madlener arrivano più che altro grazie ad iniziative dei singoli, come Mizzi. La scarsa precisione dei biancorossi va a tutto vantaggio del Dornbirn che non fatica più di tanto a contrastare le folate offensive del Bolzano che comunque sfiora il pareggio con DeHaas, ma il disco pare non volerne sapere di entrare in rete. Alla seconda sirena, ospiti al riposo con il minimo vantaggio.

Il Bolzano comincia la terza frazione all’attacco e Findlay fa subito venire i sudori freddi a Madlener che riesce ad abbassare i gambali in tempo sulla conclusione del numero 92 biancorosso; poco dopo il Dornbirn riparte in transizione e trova il gol del raddoppio con una conclusione ravvicinata di Beck che incrocia un perfetto assist di Ross, al termine di un’azione confusa davanti alla gabbia del Bolzano. I Foxes reagiscono e cercano di accorciare le distanze, ma faticano ad arrivare fino a Madlener e quando ci riescono, non trovano lo spunto giusto. Lowe finisce in panca puniti e gli ospiti calano subito il tris al termine di una veloce combinazione che porta alla conclusione di Beck che insacca a rete sguarnita. I Foxes provano ad attaccare e finalmente riescono a bucare Madlener grazie al tiro, forse deviato da un difensore, di Gazley. Alla sirena finale manca ancora un’eternità, ma il Bolzano si lascia rendere dalla frenesia, sbagliando diversi passaggi ed offrendo il fianco alle transizioni avversarie; Gazley si trova ancora una volta da solo davanti al portiere avversario, ma non riesce ad avere abbastanza sangue freddo per trafiggerlo ancora. Ci prova Findlay con un bel passaggio er Halmo che viene anticiato da un difensore, ma il gol dei Foxes arriva pochi secondi dopo quando Plastino trova il varco giusto con una fucilata dalla blu. Il Bolzano ci crede e due minuti dopo completa la rimonta grazie al secondo gol di Gazley che insacca in diagonale, ma il Dornbirn richiede la prova video; gli arbitri consultano l’istant review e poi confermano la marcatura. Il Bolzano vola sulle ali dell’entusiasmo e prova a ribaltare il risultato, ma il Dornbirn torna a mettere pressione. Occasione d’oro per i Foxes a 30” dalla sirena: Alberga innesca Catenacci che si presenta a tu er tu con Madlener, ma non riesce a batterlo. 3-3 al suono della terza sirena e partita che va all’overtime.

Il Bolzano si rende subito pericoloso con Findlay che salta secco l’avversario diretto ma non trova la porta con il tiro successivo; poco dopo Bernard non arriva in tempo sul passaggio e poi Miceli si fa parare la conclusione da Madlener. I Foxes attaccano, concedono qualcosa agli avversari poi Findlay ruba un disco in difesa e si fionda in attacco, avviando un 2 contro 1 con Lowe: Findlay tenta la conclusione, Madlener resinge ma Lowe riesce ad insaccare. Coach Suikkanen chiede il video check, gli arbitri non riescono a valutare e chiedono il supporto dei linesman che, dopo un tempo che pare interminabile, concedono la rete.

Il Bolzano si aggiudica così una vittoria sofferta e che potrebbe essere un buon viatico per l’impegnativa trasferta di domenica che vedrà la truppa di coach Ireland scendere sul ghiaccio della Stadthalle di Klagenfurt contro i padroni di casa detentori del Karl Nedwed Trophy.

Riccardo GIURIATO

per hockeytime.net e HCBfans.net

HC BOLZANODORNBIRN 43 hot (00; 01; 32; 1-0): 20:59 Simeon Schwinger (01);41:09 Colton Beck (0-2); 46:01 Colton Beck PP1 (0-3); 47:27 Dustin GAZLEY (1-3); 52:41 Nick PLASTINO (2-3); 54:35 Dustin GAZLEY (3-3); 63:57 Keegan LOWE (4-3)

Tags: