Sconfitta “indolore” per il Bolzano

©Valentina Gallina

Il Bolzano, già sicuro del primo posto matematico, subisce una sconfitta “indolore” al Palaonda, dove il Klagenfurt si impone per 2-3 al termine di un match molto tirato, deciso da un gol di Fraser in superiorità numerica, mentre il Bolzano può recriminare su alcune limpide occasioni da rete non sfruttate.

Prova subito a mettere pressione il Klagenfurt, ma il Bolzano è letale in ripartenza: Pietroniro porta fuori dalla zona difensiva il disco e serve per Halmo; questi serve un assist con il contagiri per Catenacci che, arrivato davanti a Dahm, lo mette a sedere e poi infila il disco in rete. Provano a rispondere subito gli ospiti con alcuni tiri dalla distanza che non inquadrano lo specchio della porta difesa da Fazio; i Foxes si fanno vedere in contropiede con un tiro di Gazley che chiama Dahm alla respinta, ma Frank non riesce a ribattere in rete. La prima penalità del match è a carico del KAC, con Ticar che si deve sedere nel penalty box, ma il Bolzano non riesce a creare dei veri pericoli alla gabbia avversaria. Poco dopo metà frazione, il KAC trova il pareggio: bell’azione manovrata, il disco arriva a Ganahl che tira; sulla traettoria del disco si trova Ticar che devia il disco alle spalle di un incolpevole Fazio. Un contrasto assolutamente regolare fra Catenacci e Schummnig vede quest’ultimo avere la peggio e venire accompagnato fuori dal ghiaccio. Passa meno di un minuto ed il Klagenfurt passa in vantaggio: azione insistita degli ospiti, la difesa del Bolzano balla ma viene salvata da un paio di interventi di Fazio che, però, non può nulla sulla conclusione di Vallant. Il gol del vantaggio non sembra accontentare gli ospiti che continuano a mantenere alta la pressione, mentre il Bolzano prova a colpire con l’uomo in più quando gli arbitri fischiano una penalità contro Strong, ma Findlay, anziché concludere da buona posizione, prova aservire Insam, vanificando così l’opportunità del pareggio. Recuperato il quinto uomo di movimento sul ghiaccio, gli ospiti si rendono ancora pericolosi con Petersen che prova a servire Ticar, ma Fazio questa volta è bravo a mantenere la posizione e a bloccare il disco sul ghiaccio. Di Perna viene mandato dagli arbitri nel penalty box e, dopo aver sfiorato il tris con Gregorc che fallkisce da due passi, il KAC rischia di subire il pareggio quando Halmo intercetta un disco in neutrra e si lancia verso Dahm, ma il numero 91 dei Foxes non riesce ad essere abbastanza lucido per insaccare. Squadre al primo riposo con il Klagenfurt in vantaggio di una rete.

Al rientro sul ghiaccio, il Bolzano prova subito a rendersi pericoloso con Halmo che prova a stringere su Dahm, ma non trova il tempo per battere il portiere avversario; sul fronte opposto, Fazio è bravo a bloccare un tiro di Ticar. Gli ospiti sembrano avere più fame e spesso mettono in crisi la difesa

©Valentina Gallina

biancorossa, sfiorando anche il gol con Hundertpfund che, da ottima posizione, spara addosso a Fazio un rebound concesso dal goalie dei Foxes. Nonostante la pressione avversaria, il Bolzano sfiora però il pareggio con Robertson che colpisce la parte alta della traversa con Dahm immobile. Findlay si accomoda nel pancone dei puniti e Fazio deve impegnarsi per salvare la propria porta sulla conclusione di Haudum. Passano i minuti ed il Bolzano fatica non poco a trovare gli spazi nella munita retroguardia avversaria; anche con l’uomo in più i Foxes faticano parecchio a trovare gli spazi per scoccare tiri verso Dahm, che prima para d’istinto il tiro di Robertson e poi si salva sulla deviazione ravvicinata di Giliati. Quando a sedersi nel penalty box è Miceli, il KAC pianta le tende nel terzo di difesa del Bolzano e si divora un gol con Hundertpfund che, da due passi, si vede sbarrare la via della rete da due ottimi interventi consecutivi di Fazio. Dopo aver sprecato la quarta superiorità numerica di serata (Kerneberger che carica in maniera scorretta Alberga), il powerplay del Bolzano colpisce alla quinta occasione: si accende un parapiglia dietro la gabbia ospite, Halmo viene a contatto con Petersen che gli rifila un pugno sotto gli occhi di un linesman; inevitabili i 2 minuti di penalità al numero 8 ospite che continua a protestare, facendo scattare anche 10 minuti di penalità supplementare. Questa volta al Bolzano bastano 30 secondi con l’uomo in più per trovare la rete che arriva grazie al diagonale preciso e potente di Robertson. Negli ultimi secondi gli ospiti provano a reagire in maniera veemente sfiorando il nuovo vantaggio, ma alla seconda sirena il risultato è di parità.

Inizia la terza frazione ed il Bolzano corre subito un grossissimo rischio: Fazio pasticcia in uscita dietro la propria gabbia, il disco finisce agli attaccanti del KAC che, fortunatamente, non riescono a

©Valentina Gallina

concludere a rete. Il Klagenfurt ha bisogno della vittoria per continuare a sperare nel secondo posto che vorrebbe dire qualificazione automatica alla CHL, ma Fazio riesce a sventare alcuni pericoli; da parte loro, i Foxes provavo ad agire in contropiede, ma non creano problemi a Dahm. La quaterna arbitrale s’inventa una penalità ai danni di Giliati e, 31 secondi dopo, mandano anche Robertson in panca puniti; in 3 contro 5 il Bolzano resiste stoicamente recuperando man mano la parità numerica. La stanchezza comincia a farsi sentire per entrambe le squadre, Giliati viene mandato ancora nel penalty box ed il KAC ne approfitta per tornare in vantaggio con Fraser che, da due passi, insacca dopo un’azione insistita. Il Bolzano prova a reagire e sfiora il pareggio con Gazley che, arrivato a due passi da Dahm, non trova lo spazio necessario per battere a rete; sul versante opposto, un tiro di Unterweger viene bloccato da Fazio. Stefan Geier viene mandato in panca puniti, ma il powerplay dei Foxes sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori e non riesce a colpire. Il Bolzano continua a spingere e va ancora vicinissimo al pareggio con Giliati e Alberga, ma Dahm non si lascia superare. Coach Greg Ireland tenta il tutto per tutto richiamando in panchina Fazio per schierare il sesto uomo di movimento, ma ci vuole una “parata” sulla linea di Fournier per evitare il poker degli ospiti. l’ultima, flebile speranza del Bolzano di arrivare quantomeno all’overtime si spegne sul tiro di Catenacci che viene respinto con i gambali da Dahm.

Finisce con il KAC che conquista 3 punti fondamentali per la rincorsa al secondo posto; per il Bolzano invece una sconfitta indolore e la possibilità di godere di un turno di riposo prima di tornare sul ghiaccio domenica contro i Vienna Capitals

Riccardo Giuriato

per hockeytime.net e HCBfans.net

HCB Alto Adige Alperia – EC Klagenfurter AC 2-3 (1-2; 1-0; 0-1): 01:31 Dan CATENACCI (1-0); 10:14 Rok Ticar (1-1); 11:58 Thomas Vallant (1-2); 39:34 Dennis ROBERTSON PP1 (2-2); 51:40 Matthew Fraser PP1 (2-3)

Tags: