L’overtime sorride ancora al KAC

Ancora una partita tiratissima fra Klagenfurt e Bolzano, con i biancorossi carinziani che “vendicano” la sconfitta patita martedì sera sempre ad opera dei Foxes e, come già successo al Palaonda, si impongono grazie ad un gol all’overtime; se a Bolzano era stato Haudum a trovare il gol vittoria per le Rotjacken, alla Stadthalle di Klagenfurt è Koch a trovare lu spunto giusto dopo una partita tiratissima.

I padroni di casa partono subito fortissimo, mettendo fin dalle prime battute alle corde la difesa del Bolzano che, seppur a fatica, riesce a liberare; il Bolzano prova a rispondere con un tiro di Plastino, ma Dahm blocca il disco in due tempi, prevenendo anche il tentativo di ribattuta di Frigo. Il Klagenfurt gioca meglio, attacca in maniera organica ed Irving deve impegnarsi per respingere un tiro dalla media distanza prima che la difesa riesce a liberare. La prima penalità del match è ai danni di Vallant, ma il powerplay dei Foxes è deficitario e gli ospiti rischiano su una transizione dei padroni di casa. Vallant rientra sul ghiaccio e Findlay colpisce in pieno l’incrocio dei pali, con Dahm che comunque era ben posizionato. Poco prima di metà frazione il Bolzano si ritrova a giocare in doppia inferiorità numerica, per le penalità prese prima da Frank e dopo da Youds, ma il penalty killing bolzanino è stoico e regge alle ondate offensive avversarie, permettendo al Bolzano di recuperare entrambi i giocatori penalizzati senza subire marcature. I Foxes restano chiusi in difesa e tentano di colpire in ripartenza, ma devono appellarsi ancora a Irving che salva i suoi quando Ganahl, “dimenticato” dai difensori si trova a tu per tu con l’estremo difensore biancorosso.Bischofberger va a sedersi in panca puniti ed il Bolzano sfiora il vantaggio con Findlay che, da buona posizione, non riesce a superare il portiere avversario; poco dopo Deluca prova a deviare in rete una conclusione dalla blu di Plastino, senza però riuscire ad inquadrare la gabbia avversaria. Tornati in 5 contro 5, i padroni di casa tornano a farsi pericolosi: prima con una mischia furibonda davanti a Irving e poi impegnando a fondo Irving con un tiro di Bischofberger. Squadre al primo riposo a reti inviolate.

Inizia la frazione centrale ed il KAC riprende subito a macinare gioco, colpendo prima l’esterno della rete con un tiro di Postma e poi impegnando Irving con un tiro di Schummnig; il Bolzano invece tenta di colpire in contropiede e quasi ci riesce quando Fournier pesca Catenacci sulla blu di attacco, ma il numero 7 dei Foxes, giunto solo davanti a Dahm, non riesce a superare l’estremo difensore avversario. I Foxes appaiono stanchi e Alberga si fa mandare in panca puniti per un fallo veniale. Con l’uomo in più i padroni di casa piantano le tende in zona offensiva ed impegnano Irving con Koch prima e Ticar poi, senza però trovare il tiro giusto per sbloccare il punteggio. Alla successiva penalità presa da Alberga, la porta del Bolzano si ritrova sotto assedio, ma a parte una mischia davanti alla gabbia di Irving, i biancorossi non rischiano molto. La parità numerica dura circa un minuto, poi è Fraser ad andare nel penalty box; il Bolzano riesce a rendersi pericoloso con Gazley prima e Findlay poi, ma il risultato rimane inchiodato sullo 0-0. Quando a Vallant vengono comminati 4 minuti di penalità per una carica da tergo ai danni di Frigo, gli ospiti non riescono ad impostare un powerplay efficace e solo poco prima della sirena riescono a rendersi pericolosi con Gazley prima e Catenacci quasi sulla sirena. Risultato inchiodato sullo 0-0 anche dopo la seconda frazione.

Inizia il terzo periodo di gioco ed il Bolzano prova a sfruttare i 37 secondi di superiorità numerica residua e la coda della penalità per provare a mettere pressione alla difesa avversaria, ma a parte un tiro di Robertson ben bloccato da Dahm, non riesce a rendersi pericoloso. Rischia invece grosso quando Youds perde un brutto disco in difesa, permettendo a Ganahl di andare verso Irving; l’attaccante del KAC viene però fermato da un recupero in extremis del terzino dei Foxes. Il portiere del Bolzano deve poi salvare ancora i suoi con un grande intervento sulla conclusione a botta sicura di Steffler. Dopo questo tentativo, la partita attraversa una fase di stanca, con le due squadre più impegnate a difendere che ad attaccare, con le occasioni da rete che latitano; la fase di calma termina quando Findlay prende una penalità inutile in attacco, ma il KAC riesce a combinare molto, grazie all’abnegazione e allo spirito di sacrificio di Frigo che si immola per bloccare un tiro a colpo sicuro di Petersen. Nel finale di periodo, il KAC torna a mettere pressione alla retroguardia del Bolzano che resiste stoicamente alle ondate offensive delle Rotjacken che si rendono pericolosi con Fraser e Staffler. 0-0 allo scadere del 60mo minuto e partita che scivola all’overtime.

Nel tempo supplementare la prima occasione è per il Bolzano con un’ìazione personale di Findlay che, però, non riesce a superare Dahm; gol sbagliato, gol subito: Catenacci perde un disco in attacco a vantaggio di Fraser; questi passa a Postma che, a propria volta, serve per Koch che, dopo aver saltato abbastanza agevolmente Plastino, batte Irving infilando il disco sul primo palo, dando così la vittoria ai suoi.

I ragazzi di coach Greg Ireland ora dovranno recuperare in fretta le energie fisiche e mentali spese in questa “settimana carinziana” perchè martedì sera saranno ospiti alla Volksgarten Eisarena di Salisburgo contro i padroni di casa dei Red Bull.

Riccardo Giuriato

per hockeytime.net e HCBfans.net

EC Klagenfurter AC – HCB Alto Adige Alperia 1-0 OT (0-0; 0-0; 0-0; 1-0): 61:21 Thomas Koch (1-0)

Tags: