Per Asiago, Renon e Val Pusteria arrivano punti pesanti per la final four scudetto.

Questo sabato con, in pista, solo squadre italiane, richiama alla memoria anni passati, anni in cui le sfide tra Bolzano, Asiago, Renon e Milano, decidevano il campionato, gli anni in cui c’erano “la Valpe”, il Pontebba, l’Alleghe, gli anni in cui lo spaghetti hockey era, forse, più inserito nel sistema sportivo, con le dirette Rai, con le trasmissioni radiofoniche che ci facevano vivere l’illusione di essere, contemporaneamente, in più di un luogo ad assistere a più di un match, contemporaneamente.
Invece l’oggi è assai diverso, e forse, se le sette società rimaste nella massima serie (parafrasando le famose compagnie petrolifere mi verrebbe quasi di appellarle, vezzeggiativamente come “Le Sette Sorelline”) non si fossero aggregate a società di altre federazioni per dar vita ad un (interessante) campionato transnazionale, non so quale fine avrebbe potuto fare lo sport hockeystico nazionale. Ma, bando ai rimpianti ed ai cattivi pensieri, parliamo di ciò che è avvenuto in una serata, decisamente, un po’ particolare, nella quale il puck ha circolato solo, sotto il confine di stato del Brennero. Le tre sfide in programma si disputavano, infatti, ad Alba di Canazei, a Renon ed a Brunico e, naturalmente i punti in palio, oltre che per il Campionato di Alps Hockey League, erano valevoli anche per il girone di qualificazione del Campionato IHL – Serie A.
—————————————————————————————————————————————
Il derby del Gianmario Scola si decide al supplementare ed è l’Asiago, grazie ad una prodezza del cannoniere Alex Frei a festeggiare. Per il Fassa è assente solo Zanet mentre Coach Petri Mattila si trova a dover fare a meno di Michele e Stefano Marchetti, Olivero, Alessandro Tessari e Vankus, ai quali, nel corso della gara, si aggiungeranno anche McParland (fuori dal secondo tempo in poi) e Stevan che al trentaseiesimo si becca una penalità partita per una durissima carica su Felicetti. Dopo un primo tempo equilibrato che finisce a reti bianche, gli ospiti passano a condurre al 29:44 con una conclusione di Matteo Tessari che sfrutta un rebound del portiere su conclusione di Casetti. L’Asiago riesce anche a passare indenne i cinque minuti di penalità in chiusura di drittel per la sanzione a Stevan. Poi, a due minuti dalla sirena, Ginnetti viene penalizzato per un colpo di bastone ed in power play, i padroni di casa riescono a riequilibrare le sorti del match. Il pareggio dei Falcons giunge con una botta rasoghiaccio, dalla blu dello svedese Hermansson che sorprende Vallini, coperto. All’Overtime è l’Asiago a tenere il bandolo della matassa tiene il pallino del gioco per tutto il tempo supplementare, fino a ventotto secondi dal termine, quando Gellert imbecca Frei. L’attaccante ex Renon si esalta, supera anche il portiere avversario ed infila la porta ormai incustodita.
Scontri diretti assoluti AHL: FAS – ASH 2:11
Sabato, 12.12.2020, ore 19:30: Gianmario Scola di Alba di Canazei
SHC Fassa Falcons – Migross Supermercati Asiago Hockey 1 – 2 O.T. (0-0, 0-1, 1-0, 0-1),
Arbitri: BENVEGNU, STEFENELLI; Giudici di Linea: Cristeli, Piras
MARCATORI: 29:44 0:1 EQ ASH Matteo Tessari (Casetti – Ginnetti); 57:41 1:1 PP1 FAS Mans Hermansson (Tedesco – Caletti); 64:32 1:2 GWG EQ ASH Alex Frei (Mantenuto – Gellert).

—————————————————————————————————————————————
La formazione di Santeri Heiskanen festeggia la seconda vittoria consecutiva imponendosi al Wipptal Broncos per 6-3. Il primo goal dei Buam arriva in power play (Dominik Bernard in panca puniti) grazie a Stefan Quinz. Il raddoppio avviene con Hackofer in panca puniti e lo special team dell’altopiano sigla il 2-0 con Simon Kostner. Poi Gabri pasticcia nella costruzione di gioco, Gander gli porta via il puck e lo serve a Matthias Mantinger che accorcia le distanze. Gabri poco dopo riesce a riabilitarsi servendo Spinell che imbecca Julian Kostner per il 3-1. La risposta degli ospiti arriva in seguito alla penalità di 2+2 minuti comminata a Stefan Quinz. I Broncos sfruttano appieno l’opportunità e vanno in gol due volte prima con Eisendle, poi arriva anche il goal di Dante Hannoun, bravo a scagliare il puck nell’angolino. Nel tempo centrale i Broncos sprecano due ghiotte occasioni. Prima Gooch centra un palo e poco dopo Mantinger fallisce un tiro di rigore. Chi sbaglia paga e così i Buam, scampato il pericolo trovano il vantaggio con Lang che infila il disco tra i gambali del portiere di Vipiteno. Anche nel terzo tempo sono i Broncos a fare la partita ma sono i Buam a segnare ancora con Sharp e Simon Kostner per una vittoria tanto importante quanto sofferta.
Scontri diretti assoluti AHL: RIT – WSV 8:3
Sabato, 12.12.2020, ore 20:00: Rittner Arena di Collalbo
Rittner Buam – Wipptal Broncos Weihenstephan 6 – 3 (3-3, 1-0, 2-0)
Arbitri: EGGER, GIACOMOZZI; Giudici di Linea: De Zordo, Fleischmann
MARCATORI: 10:59 1:0 PP1 RIT Stefan Quinz (Julian Kostner – Macgregor Sharp); 11:57 2:0 PP1 RIT Simon Kostner (Dan Tudin – Andreas Lutz); 12:18 2:1 EQ WSV Matthias Mantinger (Markus Gander – Tommy Gschnitzer); 14:37 3:1 EQ RIT Julian Kostner (Markus Spinell – Gabri); 15:02 3:2 PP1 WSV Paul Eisendle (Gooch); 16:13 3:3 PP1 WSV Dante Hannoun (Oberdorfer – Deluca); 34:01 4:3 GWG EQ RIT Michael Lang (Gabri – Julian Kostner); 43:42 5:3 EQ RIT Macgregor Sharp; 50:34 6:3 EQ RIT Simon Kostner (Gabri – Sharp).

—————————————————————————————————————————————
Un bel Val Pusteria, stende un Gherdëina un po’ troppo dimesso. I Lupi ai quali la vittoria esterna di Lubiana ha, probabilmente, dato una maggiore consapevolezza della propria forza, infilano la quarta vittoria consecutiva ed si avvicinano alla capolista Salisburgo. per la cronaca dettagliata vedi il servizio a parte…

Tags: