Bolzano, 6 in vetta

Il Bolzano sembra aver fretta di recuperare punti e posizioni di classifica ed inanella la sesta vittoria in sei gare, raggiungendo anche la vetta provvisoria della classifica a pari punti con il Graz; vittima sacrificale questa volta è il Villach battuto dai Foxes per 4-1, il secondo dopo quello rifilato al Fehervar 24 ore prima, dopo una partita iniziata con il piglio giusto, ma poi indirizzata sui binari di Via Galvani da un Bolzano che pare essere diventato un giocattolo quasi perfetto nelle mani di coach Greg Ireland.

Dan Catenacci (foto Andrea Giovanazzi – HCBfans.net)

Il Bolzano parte come al solito cercando di imporre il proprio gioco e chiamando subito alla respinta Schmidt con un bel tiro di Trivellato assistito da Insam. Le due squadre si affrontano a viso aperto e con continui ribaltamenti di fronte; i primi veri pericoli per la gabbia ospite arrivano quando Kosmachuk viene punito dagli arbitri, ma il giovane portiere Schimdt riesce a salvare la sua porta sia sul tiro di Robertson, sia in mischia. A 10 secondi dallo scadere della penalità, Plastino serve un disco d’oro per Catenacci che, in diagonale, colpisce di prima intenzione ed infila il disco in rete. Gli ospiti provano a reagire e tentano di mettere sotto pressione la retroguardia del Bolzano, ma senza riuscire a trovare dei tiri puliti che possano impensierire Fazio, il quale si deve impegnare solo sulla conclusione di Gill. Il Villach continua a provarci con ostinazione, mentre il Bolzano agisce prevalentemente in contropiede; Kasmachuk ci prova dopo aver aggirato la gabbia biancorossa, ma sulla sua strada trova Justin Fazio ben posizionato e reattivo. I Foxes reagiscono e, con Catenacci, sfiorano il raddoppio; il tiro a botta sicura dell’attaccante del Bolzano però impatta contro Fraser che salva la sua porta a portiere battuto. Il match è molto equilibrato, Ulmer chiama Fazio alla parata, mentre sul fronte opposto Gazley serve per Frigo che non trova lo spiraglio giusto per battere Schmidt sul primo palo. Bolzano in vantaggio al termine della prima frazione di gioco.

In avvio di secondo periodo, sono subito i padroni di casa a sfiorare con Bernard che, dopo una bella azione personale tocca i diagonale ma colpisce la base del palo a Schmidt battuto. Il gol è nell’aria e

Dominic Alberga (foto Andrea Giovanazzi – HCBfans.net)

arriva pochi minuti dopo: Giliati recupera un disco e serve per Alberga che infila il puck sotto i gambali del portiere avversario. Mike Halmo commette un fallo inutile in attacco e, con l’uomo in più, il Villach torna a farsi vedere dalle parti di Fazio con Kosmachuk prima (bella respinta d’istinto del giovane portiere dei Foxes) e con una mischia davanti alla porta poi, ma senza esito. I carinziani attaccano a testa bassa ma pasticciano durante il cambio delle linee; ne approfitta Fournier che lancia Gazley, il quale arriva a tu per tu con Schmidt e poi infila il disco sotto l’incrocio dei pali. Gli ospiti traballano ma, complici gli errori di mira dei biancorossi, non affondano, si danno però ai falli di frustrazione come quello che Ulmer commette ai danni Bardaro: cross-check alle spalle dell’attaccante biancorosso che cade, sradica la porta dai sostegni e termina la scivolata in balaustra; per gli arbitri è penalità partita ai danni del giocatore carinziano. Nei 5 minuti di superiorità numerica, il Bolzano cinge d’assedio la zona difensiva avversaria, ma Villach si difende strenuamente e riesce a terminare l’inferiorità numerica senza ulteriori reti al passivo; tornati in parità numerica, gli ospiti non riescono però ad imbastire una manovra offensiva efficace e così, alla seconda sirena, le due squadre tornano negli spogliatoi con i Foxes avanti di tre reti.

Justin Fazio (foto Andrea Giovanazzi – HCBfans.net)

L’inizio della frazione conclusiva è alquanto sottotono, le due squadre non sembrano voler affondare i colpi fino a quando Plastino non va a sedersi in panca puniti; con l’uomo in più il Villach trova la rete della bandiera con Kreuzer, che sporca lo shout-out di Fazio con una bella azione personale. Il gol dona nuove energie ad un VSV che sembrava già in riserva, ma il tiro di Pollastrone trova l’efficace respinta di Fazio; sul fronte opposto il Bolzano prova ad approfittare degli spazi che gli ospiti lasciano e sfiora la quarta rete con Robertson, Plastino e Catenacci. Giocare troppe partite ravvicinate nuoce alla lucidità, prova ne è il fatto che con Kornelli nel penalty box, Halmo e Catenacci non sono abbastanza lucidi e reattivi per insaccare alle spalle di Schmidt. La squadra ospite prova ad aumentare i giri per cercare di trovare la seconda rete, ma il Bolzano si difende con ordine e, quando Fazio sbaglia un appoggio in uscita, la retroguardia dei Foxes reagisce subito e salva la situazione. L’allenatore delle “aquile” carinziane tenta allora la mossa della disperazione, facendo uscire il portiere per schierare il sesto uomo di movimento, ma a 1:35 dalla fine, Luca Frigo trova l’empty-net che chiude definitivamente il

Luca Frigo (foto Andrea Giovanazzi – HCBfans.net)

match e fissa il risultato sul 4-1, punteggio che resiste fino alla sirena conclusiva.

I ragazzi di coach Greg Ireland torneranno sul ghiaccio nella serata di martedì, quando affronteranno i Dornbirn Bulldogs nell’ultimo dei 4 incontri casalinghi previsti in questi giorni; i Foxes proveranno a mantenere il proprio ruolino di marcia immacolato, per continuare a mantenere la prima posizione in classifica.

Riccardo Giuriato

per hockeytime.net e HCBfans.net

HCB Alto Adige Alperia – EC GRAND Immo VSV 4-1 (1-0; 2-0; 1-1): 05:11 Dan CATENACCI PP1 (1-0); 22:12 Domenic ALBERGA (2-0); 27:37 Dustin GAZLEY (3-0); 42:41 Philipp Kreuzer PP1 (3-1); 58:35 Luca FRIGO EN (4-1)

Tags: