CHL: urna ostica per il Bolzano

Non è stata benevola l’urna di Zurigo nei confronti del Bolzano nel sorteggio dei sedicesimi di finale: il prossimo ottobre i Foxes si scontreranno con gli svizzeri del Bienne, formazione che presenterà tra gli altri Damien Brunner e Marc Antoine Pouliot, giocatori con un passato in NHL, e il finlandese Toni Rajala, Top Scorer nella scorsa stagione sia in National League, sia in CHL.

Mike Künzle

Il Bienne ha debuttato in Champions Hockey League nella scorsa stagione rivelandosi matricola terribile capace di sorprendere il Tappara Tampere, Klagenfurt e Frisk Asker nella fase a gironi e chiudere al primo posto del gruppo A con un ruolino di marcia di 5 vittorie e 1 sconfitta. Nei playoff ha eliminato l’Augsburger Panther di Alex Lambacher negli ottavi di finale con un pareggio in Germania (2-2) e una vittoria all’overtime per 2-1 in casa. Nel turno successivo i seeländer si sono tolti lo sfizio di battere i campioni in carica, poi riconfermatisi tali, del Frölunda Indians a domicilio (3-2), e, pur vendendo cara la pelle nel retour match, tra le mura amiche hanno dovuto cedere il passo agli svedesi venendo sconfitti 3-5 all’overtime.
Il Bienne è una società fondata nel 1939; nei suoi 81 anni di storia ha conquistato tre titoli nazionali (1978, 1981 e 1983). Nell’ultimo torneo di National League si è classificato al quinto posto. La gara contro il Bolzano sarà disputata alla Tissot Arena, capace di contenere 6.521 spettatori.

“E’ la prima volta che affrontiamo una squadra Svizzera in questo torneo – spiega l’Amministratore Delegato del Bolzano, Dieter Knoll – si tratterà sicuramente di una sfida molto interessante, sia dal punto di vista del gioco sia per il pubblico. Per noi è un grande onore partecipare per la terza volta alla Champions Hockey League: abbiamo già dimostrato di poter fare grandi cose, due anni fa siamo riusciti ad arrivare fino agli ottavi di finale, sbarcando quindi tra le 16 migliori squadre d’Europa ed esaltando il pubblico, che ha dimostrato di apprezzare enormemente questa competizione”. 

“I lavori per programmare al meglio la prossima stagione proseguono giorno dopo giorno – spiega – stiamo lavorando intensamente, sia a livello di lega che a livello di società, per mettere in piedi tutti i presupposti per ripartire con il piede giusto: al momento ci sono ancora tante incognite dovute alle tempistiche e alle modalità di ripresa, ma ci stiamo impegnando proprio per essere pronti a ogni possibile scenario. Giugno sarà un mese importante, una volta definito come e quando partirà il campionato, allora potremo finalmente concentrarci sulla costruzione della squadra: i contatti sono già in corso e l’intenzione è quella di confermare in gran parte il roster dello scorso anno. Mi appello anche alla cittadinanza: in questa “fase due” è importante che ognuno rispetti le disposizioni per contrastare la diffusione del virus. Solo in questo modo potremo tornare presto alla normalità a cui siamo sempre stati abituati e a giocare di fronte al nostro fantastico pubblico, per noi da sempre vero e proprio “settimo uomo” sul ghiaccio. Guardiamo con fiducia al futuro e non vediamo l’ora di tornare a parlare soltanto di sport: l’hockey su ghiaccio e l’HCB torneranno presto a farvi emozionare”.

La CHL vedrà all’opera anche gli Azzurri Thomas Larkin e Peter Hochkofler: il terzino affronterà con l’Adler Mannheim il Grenoble, mentre l’attaccante sarà opposto con il Salisburgo al Tappara Tampere.
I tifosi italiani avranno un occhio di riguardo per Tom Pokel, coach con un passato in Italia e con il Blue Team: lo statunitense guiderà lo Straubing Tigers contro il Ginevra Servette.

Avvio in discesa per i campioni in carica del Frölunda che incroceranno le stecche contro i bielorussi del Neman Grodno.

16mi di finale (andata 6/7 ottobre, ritorno 13-14 ottobre)

Bílí Tygři Liberec (CZE) – GKS Tychy (POL)
Luleå (SWE) – Eisbären Berlino (GER)
ZSC Lions Zurigo (SUI) – SønderjyskE Vojens (DEN)
Lukko Rauma (FIN) – Sparta Praga (CZE)
Salisburgo (AUT) – Tappara Tampere (FIN)
Bolzano (ITA) – Bienne (SUI)
Färjestad Karlstad (SWE) – Cardiff Devils (GBR)
Straubing Tigers (GER) – Ginevra Servette (SUI)
Kärpät Oulu (FIN) – Aalborg Pirates (DEN)
Adler Mannheim (GER) – Grenoble (FRA)
Zugo (SUI) – Skellefteå AIK (SWE)
Monaco (GER) – Ilves Tampere (FIN)
Oceláři Třinec (CZE) – Yunost Minsk (BLR)
Frölunda Indians (SWE) – Neman Grodno (BLR)
Davos (SUI) – Vienna Capitals (AUT)
Rögle Ängelholm (SWE) – Stavanger Oilers (NOR)

Il quadro Playoff

Tags: