La Coppa Italia è del Merano

(Merano) – Il Merano mette in bacheca la prima Coppa Italia della sua storia; le Aquile bianconere superano i Varese con il risultato di misura di 6-5; una vittoria costruita nella prima parte dell’incontro che ha consentito di circoscrivere il ritorno dei lombardi nella frazione finale.

Gli alti ritmi di gioco prendono il sopravvento sin dalle battute iniziali, Merano e Varese giocano a viso aperto annullandosi a vicenda; la prima conclusione degna di nota dell’incontro, sulla corta respinta di Tura, è di Luca Ansoldi e vale l’1-0, nonostante le proteste dei gialloneri che denunciano un fallo sul portiere. I Mastini provano a rialzarsi con il contropiede di Asinelli, nell’azione successiva Nardi raddoppia finalizzando il passaggio diagonale da fondo pista di Mitterer. Il buon momento delle Aquile è ribadito al 10’ dal 3-0 realizzato in power play da Ansoldi che mette fine ad un accenno di mischia davanti allo slot varesino. La partenza ad handicap costringe coach Da Rin a chiamare il timeout per riorganizzare la squadra, tuttavia il gioco dei lombardi risulta prevedibile, per di più anche la difesa ci mette del suo con il disco perso da Schina che favorisce lo scambio tra Nardi e Moren, neutralizzato con il biscotto dall’estremo difensore ospite. Dalla parte opposta i bianconeri reggono a 29” di doppia inferiorità e al restante 1’31” di quattro contro cinque. Scontate le penalità di Faggioni e Borgatello, i padroni di casa tornano a macinare gioco sfiorando il 4-0 con il tiro centrale di Moren che chiude la frazione iniziale.

Ripreso il gioco, il Merano riprende ad attaccare: il colpo di bastone di Faggioni costringe ad arretrare il baricentro e dare spazio ai Mastini, pericolosi solo con Schina. Seguono una serie di penalità, durante una di queste Borgatello, dalla blu, cala il poker. Trascorrono 37” e il Varese riesce a bucare, in situazione di quattro contro quattro, la gabbia di Tragust con la rasoiata dalla lunga distanza di Vanetti. Al 28.18 Faggioni casca in una nuova penalità, Schina ringrazia ed accorcia ulteriormente al termine di uno scambio con Tedesco e Marcello Borghi. La rete del 4-2 rivitalizza i gialloneri ora più presenti in attacco, grazie anche ai 2’ fischiati ad Ansoldi. La fase offensiva è interrotta dai falli di Terrugia e Schina che danno la possibilità al Merano di giocare in due distinti momenti in doppia superiorità rispettivamente per 1’23” e 23”. Uscito dalla panca puniti Schina potrebbe riaprire clamorosamente la gara, giunto davanti a Tragust conclude sul portiere e torna nel penalty box con 2’ a carico per colpo di bastone. Gli altoatesini si ritrovano ancora in situazione di cinque contro tre per 1’28”, ma è in power play semplice che Terzago mette a segno di prima intenzione il quinto goal meranese.

Conclusa senza esito una doppia superiorità, il Varese prende d’assalto il terzo d’attacco, il break di Nardi in contropiede riporta a quattro le lunghezze di distacco dai rivali. Tutto finito? Niente affatto, perché l’ennesima penalità fischiata a Faggioni dà nuove certezze a Marcello Borghi, autore del momentaneo 6-3, e ai suoi compagni che tornano in corsa  in meno di 2’ con Tedesco. Perso lo smalto iniziale, le Aquile lasciano il pieno controllo delle operazioni di gioco ai gialloneri, i quali riaprono la partita al 53’ con la saetta dalla blu di Francesco Borghi. A 1’10 dalla fine Lo Presti è spedito in panca puniti, il Varese, tolto il portiere, attacca con sei uomini di movimento senza riuscire a trovare la rete del pareggio.

Le impressioni di Luca Ansoldi a fine partita


Merano – Mastini Varese 6-5 (3-0; 2-2; 1-3)
Merano:
Thomas Tragust (Lorenzo Marinelli); Andreas Radin – Philipp Beber – Christian Borgatello – Stefan Kobler – Ingemar Gruber – Ivan Doliana – Mathias Hellweger; Manuel Lo presti – Pontus Moren – Mitch Nardi – Tommaso Terzago – Luca Ansoldi – John Carpino – Thomas Mitterer – Flavio Faggioni – Michal Juscak – Cristian Verza – Davide Gatti – Alex Gasser; Coach: Massimo Ansoldi
Mastini Varese: Alessandro Tura (Marco Menguzzato); Alessandro Re – Stefan Ilic – Andrea Schina – Francesco Borghi – Michael Cecere – Niccolò Lo Russo – Erik Mazzacane – Daniele Odoni; Marcello Borghi – Andrea Vanetti – Simone Asinelli – Domenico Perna – Daniel Tedesco – Edoardo Raimondi – Michael Mazzacane – Marco Franchini – Alessio Piroso – Marco Andreoni – Tommaso Teruggia – Riccardo Privitera. Coach: Massimo Da Rin
Arbitri: Luca Cassol e Fabio Lottaroli Linesmen: Fabrizio De Toni e Fabrizio Da Pian
Penalità: Merano 24 (4/16/4) – Mastini Varese 20 (2/18/0)
Tiri: Merano 32 (11/14/7) – Mastini Varese 45 (11/17/17)
Marcatori: (1-0) 04.41 Luca Ansoldi; (2-0) 06.59 Mitch Nardi (Thomas Mitterer); (3-0) 09.27 Luca Ansoldi (John Carpino – Tommaso Terzago) PP; (4-0) 27.03 Christian Borgatello (Pontus Moren – Luca Ansoldi) PP; (4-1) 27.41 Andrea Vanetti (Andrea Schina – Daniel Tedesco)(4 contro 4); (4-2) 28.52 Andrea Schina (Marcello Borghi – Daniel Tedesco) PP; (5-2) 38.52 Tommaso Terzago (Ingemar Gruber – Andreas Radin) PP; (6-2) 44.10 Mitch Nardi; (6-3) 47.57 Marcello Borghi (Andrea Schina) PP; (6-4) 49.41 Daniel Tedesco (Stefan Ilic – Marcello Borghi); (6-5) 52.23 Francesco Borghi (Andrea Schina – Marco Franchini)
Spettatori: 2.210

ALBO D’ORO – COPPA ITALIA
1973/74 SG Cortina Doria
1974/75 SG Cortina Doria
1991/92 Caoduro Asiago Hockey AS
1997/98 HC Courmaosta Lions
2000/01 Supermercati A&O Asiago Hockey AS
2001/02 Supermercati A&O Asiago Hockey AS
2002/03 HCJ Milano Vipers
2003/04 HC Forst Bolzano Foxes
2004/05 HCJ Milano Vipers
2005/06 HCJ Milano Vipers
2006/07 HC Villani Bolzano
2007/08 SG Generali Aquile FVG Pontebba
2008/09 HC Interspar Bolzano Foxes
2009/10 Ritten Sport Renault Trucks
2010/11 HC Val Pusteria
2011/12 Hafro SG Cortina
2012/13 HC Valpellice
2013/14 Ritten Sport Renault Trucks
2014/15 Rittner Buam
2015/16 HC Valpellice Bodino Engineering
2016/17 Hockey Milano Rossoblu
2017/18 Hockey Milano Rossoblu
2018/19: SV Kaltern/Caldaro rothoblaas
2019/20: HC Merano Pircher