Il Bolzano espugna Villach

Vittoria doveva essere e vittoria è stata; anche se fartiucando più del dovuto, il Bolzano espugna la Stadthalle di Villach, imponendosi per 1-4 sui carinziani, grazie alle reti di Luca Frigo, Dan Catenacci e alla doppietta in shorthanded/empty net di Jamie Arniel.

Padroni di casa subito all’attacco nei minuti iniziali del match, ma Björkstrand e Pollastrone non riescono a bucare un attento Leland Irving; il Bolzano risponde con Anton Bernard, ma anche il capitano biancorosso si fa stoppare dal portiere avversario. Il Villach prova a sfruttare il fattore campo, ma la difesa biancorossa si arrocca attorno al proprio portiere e i “blaues blut” non trovano spiragli per realizzare. Anche la prima superiorità numerica della partita è a favore dei padroni di casa, ma il PK dei Foxes resiste alla grande alle folate avversarie e Dennis Robertson può rientrare senza pesi sulla coscienza. La partita vive qualche minuto di assoluta tranquillità, con le due contendenti che attaccano senza però creare veri pericoli; all’improvviso il Bolzano passa in vantaggio: Schmid perde il disco in zona di attacco, Luca Frigo lo recupera e si lancia da solo verso Maxwell, superandolo ed infilandolo con un tocco di rovescio. A 15 secondi dalla sirena, gli arbitri si inventano una penalità ai danni danni di Tim Daly ed il Bolzano va al primo riposo avanti di una rete, ma con 1:45 di inferiorità numerica da scontare nel secondo drittel.

Il penalty killing dei Foxes riesce ad uccidere anche questa penalità all’inizio della frazione centrale, ma i padroni di casa attaccano con foga alla ricerca del pareggio; così facendo però, i carinziani offrono il fianco ai contropiedi avversari. Ed è proprio su contropiede che il Bolzano trova la rete del raddoppio: Domenico Alberga e Stefano Giliati lavorano bene in ripartenza e permettono a Dan Catenacci, freddo davanti a Maxwell, di insaccare. I padroni di casa non ci stanno e provano a reagire rendendosi pericolosi con Spannring, ma il difensore austriaco manca la porta da breve distanza. I biancorossi avrebbero un’occasione d’oro per chiudere il match quando prima Schlacher e poi, a pochi secondi di distanza, Schmid vengono mandati nel penalty box; il powerplay biancorosso prova a colpire, ma Maxwell compie una parata spettacolare ed evita il tris dei Foxes. Tornati in parità numerica, complice un errore nel cambio delle linee da parte degli ospiti, il Villach accorcia le distanze: Karlsson serve per Ulmer e Leland Irving è battuto. Le aquile carinziane prendono coraggio e attaccano, ma alla seconda pausa il Bolzano è ancora in vantaggio.

L’inizio della terza frazione è lento ed il primo pericolo lo porta Dennis Robertson con un tiro dalla blu, finito nella salda presa del portiere del VSV; i padroni di casa provano a rispondere con Lahoda lanciato in 1 vs 1 contro Leland Irving, ma il goalie dei biancorossi ne esce vincitore. Il Villach prova a mettere sotto pressione la difesa del Bolzano, ma sbaglia troppo in fase di rifinitura ed il punteggio non si muove. I biancorossi giocano in difesa e concedono l’iniziativa agli avversari, Leland Irving è chiamato più volte alla parata salva-risultato; nemmeno la penalità fischiata a Schlacher permette ai Foxes di mettere in ghiaccio la partita, anzi! Il coach dei carinziani chiama un time out e gli arbitri fischiano una penalità ai danni del Bolzano per cambio irregolare quando mancano 2:18 all’ultima sirena. In casa Foxes si teme la beffa, ma ci pensa Jamie Arniel con due empty-net gol a chiudere ogni discorso e a riportare alla vittoria da 3 punti il Bolzano.

Il prossimo impegno per i giocatori di coach Beddoes sarà il 26 dicembre alla Volksgarten Eisarena di Salisburgo per il “clasico” contro i Red Bull.

Riccardo Giuriato

per hockeytime.net e HCBfans.net

VSV – HCB 1-4 (0-1; 1-1; 0-2): 18:40 Luca FRIGO (0-1); 25:49 Dan CATENACCI (0-2); 36:18 Martin Ulmer (1-2); 58:29 Jamie ARNIEL SH1 EN (1-3); 59:32 Jamie ARNIEL SH1 EN (1-4)

Tags: