Lustenau sugli scudi, il Val Pusteria stecca la “prima” casalinga

Il Lustenau sbanca, meritatamente, il Lungo Rienza portando a casa l’intera posta, grazie ad una gara tatticamente molto accorta. La formazione di Christian Weber, pur avendo un roster decisamente più corto rispetto a quello dei padroni di casa, sfrutta infatti, le individualità tecniche a sua disposizione e proprio con Christofer D’Alvise, probabilmente il suo giocatore più talentuoso, mette spesso in difficoltà il Brunico. Il Team di Coach Mattila, di contro, denuncia un ritardo di condizione, che provoca una certa lentezza nell’espletare le manovre offensive.

Il Val Pusteria, alla quarta giornata e dopo tre trasferte consecutive, trovava finalmente, il ghiaccio di casa, ma lamentava, le assenze di Ivan Althuber, e Alex Zecchetto, oltre a quelle di Yuri Cristellon e Markus Steinkasserer. Il Lustenau si presenta al face-off con il patentino di formazione assai ostica per i pusteresi in quanto, prima della sfida di questa sera, il bilancio tra le due formazioni viaggiava in perfetta parità: 8 gare disputate, con quattro vittorie per parte 23 goal segnati e 19 subiti, dai Lupi. A dimostrazione di tutto ciò, il primo tempo, del match di stasera, è di netta marca ospite ed il numero delle conclusioni 5 – 9 la dice lunga sull’andamento del drittel. Il Lustenau, si rende pericoloso già al 3:58, allorquando un errato disimpegno difensivo dei lupi, regala il puck al tandem Wilfan – Demuth. Quest’ultimo scarica, però, da breve distanza, sul portiere. La pressione nel terzo offensivo degli ospiti porta ad un errato disimpegno difensivo di Leitner (5:33) che Matthew Carter, per poco, non trasforma nel goal del vantaggio. Il Val Pusteria cerca di mettere pressione agli austriaci ma gli avanti gialloneri sono troppo imprecisi e non riescono ad incidere. Al 7:27 ed al 8:58 D’Alvise e Carter scaldano l’attenzione di Furlong, mentre i lupi rispondono solo al 9:51 con una conclusione di Massimo Carrozza. E’il preludio del goal che arriva per merito di Christofer D’Alvise, che, con tiro a mezza strada dalla blue alla linea del terzo difensivo, trova l’angolo della porta di Colin Furlong, probabilmente coperto da un nugolo di giocatori. Dopo una nuova conclusione di Carter (17:51) il Val Pusteria ha la migliore occasione del tempo con Gander che, proprio sulla sirena, non trova il bersaglio grosso.

Il Val Pusteria rientra sul ghiaccio con uno spirito diverso e sin dai primissimi secondi del secondo tempo, Andergassen e Conci, cercano di impattare il risultato. Un fighting tra Elliscassis e Pfennich accende la gara al 29:29 i due giocatori vengono puniti, entrambi per 5 minuti. Dopo una forte pressione offensiva, i Lupi riescono a riacciuffare il pareggio in situazione di Power Play. Con Stefan Hrdina in panca puniti, John Lewis serve un puck irresistibile a Roland Hofer che infila, con un tiro dall’alto al basso, la gabbia difesa da Renè Swette. Per i padroni di casa non c’è neppure il tempo di esultare poiché, proprio mentre lo speaker dello stadio annuncia la segnatura, i Leoni Giallo-Verdi trovano nuovamente il vantaggio con un tiro dalla breve distanza di Lucas Haberl che sorprende la difesa dei padroni di casa, non ancora perfettamente schierata.

Nel terzo tempo il Val Pusteria gioca con grande cuore cingendo d’assedio il terzo difensivo degli austriaci schierati tutti indietro a protezione della loro gabbia, ben difesa dall’ex portiere della nazionale austriaca e dell’Innsbruck (Ebel) Renè Swette. La pressione dura oltre ¾ del drittel ma il gioco offensivo dei Giallo-Neri non trova gli opportuni sbocchi. L’unico lampo si ha al 7:54 quando su un tiro dalla blu di Alex De Lorenzo meo, il goalie ospite offre un pericoloso rebound che gli attaccanti di casa non sanno sfruttare. Dopo 16 minuti e mezzo di difesa ad oltranza, il Lustenau esce fuori dal guscio e si rende pericoloso con una giocata della terza linea. Oberschneider serve Wallenta che, con una deviazione con la punta del bastone, fa tremare il Lungo Rienza. A 2:09 dalla sirena una penalità a David König per aver gettato fuori dal ghiaccio il disco, riaccende le speranze dei Pusteresi che, le provano tutte perfino l’uscita del portiere per un uomo in più di movimento. Ma non c’è nulla da fare: il Lustenau si difende con le unghie e con i denti, e aiutato dalla mira non proprio impeccabile dei cecchini di casa, porta a casa una preziosissima vittoria.

Sabato 28.09.2019, ore 20:00: Stadio Lungo Rienza di Brunico / Rienzstadion Bruneck. Spettatori: 1020.
HC Val Pusteria Lupi – EHC Lustenau 1 – 2 (0-1, 1-1,0-0)
Arbitri: Matthias Ruetz e Turo Virta, Giudici di Linea: Julia Kainberger e Daniel Rinker
Marcatori: 11:28 0:1 Christofer D’Alvise (König – Slivnik) ; 33:34 1:1 PP1 Roland Hofer (John Lewis – Armin Hofer); 33:47 1:2 Lucas Haberl (Long – Carter);

Tags: