CHL: sorprende il Belfast Giants. Falsa partenza delle nordiche

La sesta edizione della Champions Hockey League si apre all’insegna dell’equilibrio: delle otto gare in programma nel primo giorno della kermesse continentale due partite si sono concluse oltre i tempi regolamentari, mentre altre tre hanno registrato risultati di misura. Ad eccezione della larga vittoria degli svedesi del Färjestad Karlstad, unica squadra nordica ad aver vinto, le altre gare sono rimaste a lungo in bilico.

Il Pilsen scende sul ghiaccio con il chiaro intento di portare a casa un successo pieno: il primo tempo è totalmente di marca ceca, tuttavia, nonostante un parziale di 13-0 nel computo dei tiri, l’Hämeenlinna mantiene la gabbia inviolata; gli ospiti servono la beffa ad inizio della frazione centrale con l’uno-due di Jere Innala e Petteri Nikkilä. Gara in salita per i padroni di casa che, sebbene vadano a segno con Jaroslav Kracik, chiudono il periodo sotto di due lunghezze per effetto della rete di Miro Ruokonen, autore del momentaneo 3-1. Nel terzo tempo Markus Nenonen risponde al tentativo di ritorno di Peter Ceresnak, i finnici mantengono il doppio vantaggio, ma devono cedere al forechecking avversario che riesce a sfondare le linee degli nordici nella seconda parte della frazione di gioco con le reti di Tomas Mertl (in power play) e Jakub Pour. Il punteggio rimane inchiodato sul 4-4 fino al suono della sirena. L’overtime è risolto al 61’51” da Petr Straka che assegna alla formazione slava i due punti in palio.

L’Ausgsburger Panther di Alex Lambacher ricorre ai rigori per espugnare la Coop Norrbotten Arena di Luleå: la rete del vantaggio ospite firmata da Jaroslav Hafenrichter è impattata in 3’ da Petter Emanuelsson in situazione di uomo in più; gli scandinavi ribaltano il risultato a metà partita con Karl Fabricius; lo stesso giocatore è sanzionato al 52’54” per un fallo di ostruzione, i tedeschi ringraziano e in 18” realizzano il 2-2. Chiuso l’overtime a reti bianche, il rigore decisivo è messo a segno da Simon Sezemsky.
Lambacher è stato inserito in quarta linea ed è stato utilizzato solo nei primi due periodi per un minutaggio totale di 1’53”.

Vittoria di misura per Klagenfurt e Bienne, entrambe inserite nel Gruppo A; gli austriaci hanno avuto ragione del Tappara Tampere per 3-2: dopo l’1-0 di Thomas Hundertpfund nel primo tempo, i finlandesi devono rincorrere i carinziani; i pareggi di Charles Bertrand e Sami Moilanen sono resi vani da Daniel Obersteiner e Matthew Neal. Il Bienne, invece deve attendere il 52’ per poter gioire al vantaggio definitivo di Toni Rajala che vale i primi tre punti in classifica. In precedenza i seeländer si erano visti impattare da Nicolay Andresen la rete di Yannick Rathgeb maturata al 19’.

La sorpresa di giornata probabilmente è la vittoria del Belfast Giants per 5-4 sul Liberec costretto ad inseguire i nord irlandesi per tutta la partita: Brian Ward (doppietta), Bobby Farnham, Patryk Wronka e Curtis Hamilton rendono inefficaci per due volte i provvisori pareggi di Libor Hudacek e quelli di Ronald Knot e Jakub Valsky.

Esordio in CHL con sconfitta per l’Ambrì Piotta; il risultato di 3-0 incassato contro i vicecampioni del Monaco può sembrare severo, ma non deve trarre in inganno, perché i leventinesi sono rimasti in partita fino a fine al 60’. Pur tirando più dei tedeschi nel primo e terzo tempo si devono arrendere alle reti di Derek Roy e Trevor Parkes (a porta vuota) messe a referto negli ultimi secondi dei rispettivi periodi. Inoltre i ticinesi possono recriminare per i pali colpiti, nella frazione di mezzo, da Dominc Zwerger e Giacomo Dal Pian prima di subire lo 0-2 di Parkes. Per quanto concerne i giocatori italiani, Nick Plastino è risultato quello più utilizzato da coach Luca Cereda con 24’36”. Diego Kostner, impiegato in prima linea,  ha giocato per 13’28” (1 solo tiro a referto), mentre Tommaso Goi, inserito in quarta linea ha totalizzato 6’51” (3 i tiri verso lo specchio della porta dei bavaresi).

Pur controllando la gara sin dall’ingaggio iniziale, lo Zugo, raggiunto il doppio vantaggio con Johann Morant e Jan Kovar, subisce il ritorno del Rungsted con Mario Lucia e Marcus Olsson (in power play). La rete del 2-2 danese dà la scossa ai Tori, i quali trovano al 37’ il nuovo vantaggio ed imprimono l’accelerazione decisiva nel terzo tempo con Yannick-Lennart Albrecht e Sven Senteler (in superiorità).

Tutto facile per il Färjestad che piega il Banska Bystrica per 6-1: svedesi in vantaggio dopo appena 40” con Michael Lindqvist; dal 13’ sale in cattedra Johan Ryno, il quale allunga con una doppietta realizzata in power play. Gli slovacchi provano a rientrare in partite con la rete in doppia superiorità di Mitchell Wahl, ciò nonostante i padroni di casa calano il poker con Jonathon Blum in superiorità semplice. Nella frazione finale Martin Johansson  e Lucas Jonsson arrotondano il risultato.

Risultati

Gruppo A: Klagenfurt (AUT) – Tappara Tampere (FIN) 3-2 (1-0; 2-2; 0-0); Bienne (SUI) – Frisk Asker (NOR) 2-1 (1-0; 0-1; 1-0)
Classifica: Klagenfurt (AUT) p.ti 3 (1 partita); Bienne (SUI) p.ti 3 (1); Tappara Tampere (FIN) p.ti 0 (1); Frisk Asker (NOR) p.ti 0 (1) 

Gruppo B: Pilsen (CZE) – HPK Hämeenlinna (FIN) 5-4 ot (0-0; 1-3; 3-1; 1-0); Zugo (SUI) – Rungsted (DEN) 5-2 (2-0; 1-2; 2-0)
Classifica: Zugo (SUI) p.ti 3 (1); Pilsen (CZE) p.ti 2 (1); HPK Hämeenlinna (FIN) p.ti 1 (1); Rungsted (DEN) p.ti 0 (1)

Gruppo C: Luleå (SWE) – Augsburger Panther (GER) 2-3 so (1-1; 1-0; 0-1; 0-0; 0-1); Belfast Giants (GBR) – Bili Tigri Liberec (CZE) 5-4 (2-2; 2-1; 1-1)
Classifica: Belfast Giants (GBR) p.ti 3 (1); Augsburger Panther (GER) p.ti 2 (1); Luleå (SWE) p.ti 1 (1); Bili Tigri Liberec (CZE) p.ti 0 (1)

Gruppo G: Färjestad Karlstad (SWE) – Banska Bystrica (SVK) 6-1 (3-0; 1-1; 2-0); Monaco (GER) – Ambrì Piotta (SUI) 3-0 (1-0; 1-0; 1-0)
Classifica: Färjestad Karlstad (SWE) p.ti 3 (1); Monaco (GER) p.ti 3 (1); Ambrì Piotta (SUI) p.ti 0 (1); Banska Bystrica (SVK) p.ti 0 (1)

Prossime partite (30 agosto)
ore 18.00 Kärpät Oulu (FIN) – Grenoble (FRA)
ore 18.00 Frölunda Indians (SWE) – Graz 99ers (AUT)
ore 18.00 Skellefteå (SWE) – Berna (SUI)
ore 18.00 Yunost Minsk (BLR) – Losanna (SUI)
ore 18.00 Lahti Pelicans (FIN) – Ocelari Trinec (CZE)
ore 19.30 Vienna Capitals (AUT) – Adler Mannheim (GER)
ore 20.00 Tychy (POL) – Djurgården Stoccolma (SWE)
ore 20.30 Cardiff Devils (GBR) – Mountfield (CZE)

Tags: