NL QFG3: Lugano e Ambrì appese a un filo. Sorpresa Ginevra

Dopo la prestazione sconfortante di Gara-2, il Lugano ha cambiato pelle, presentandosi alla Bossard Arena con tutt’altro tipo di atteggiamento. Ireland ha anche provato a rimescolare i terzetti offensivi, ma tutto ciò non è però bastato ai bianconeri per riaprire una serie, che, sullo 0-3, sembra essere fatalmente compromessa. Dopo il vantaggio siglato da Suri dopo nemmeno un minuto, i ticinesi raggiungevano il pareggio con Bürgler (decisiva la deviazione di Flynn che beffava Stephan). Dopo aver resistito per ben sei minuti in box-play, Morini portava meritatamente avanti gli ospiti all’inizio del periodo centrale. Nei secondi venti minuti di gioco, si registravano altre quattro segnature. Dopo il pareggio di McIntyre, infatti, il Lugano rimetteva la testa avanti con Sannitz, prima di essere raggiunto nuovamente da un gol dell’attaccante canadese. Bürgler, ancora lui, firmava il nuovo allungo dei bianconeri, che era vanificato nel periodo conclusivo dalle reti di Lammer (prossimo bianconero) e dallo slapshot dalla linea blu di capitan Diaz per il (5-4) finale, che consente così allo Zugo di potersi giocare, sabato alla Corner Arena, il primo match-point per raggiungere le Semifinali.

Anche l’Ambrì sembra essere ormai ad un passo dall’eliminazione. Non è basata una prestazione generosa alla formazione di Luca Cereda, per venire a capo del Bienne che, una volta ancora ha dimostrato di essere la vera bestia neri dei leventinesi, alla loro settima sconfitta contro i seeländer. La partita si era messa subito bene per i biancoblù, in gol con Müller. Qualche penalità di troppo, in special modo i dieci minuti trascorsi in panca puniti di Novotny, hanno agevolato lo scatto in avanti di bernesi, che hanno ribaltato il risultato con i gol di Riat e Fuchs. Dopo aver subito la rete del (3-1) firmata da Schmutz, gli ospiti hanno reagito prontamente riavvicinandosi con Zwerger, per poi raggiungere il  nuovo pareggio con Fischer, in apertura del periodo conclusivo. Nel momento in cui sembrava essersi invertita la tendenza, un’ingenuità di D’Agostini, punito dagli arbitri, ha consentito agli uomini di Törmänen di riportarsi avanti con Fuchs, per poi chiudere definitivamente la contesa con il gol a porta vuota di Künzle, per il (5-3) finale. Un epilogo che non è andato giù al sempre pacato Luca Cereda, che ha avuto qualcosa da dire sull’operato degli arbitri, colpevoli di aver usato due pesi e due misure.

Continua a sorprendere il Ginevra che, arrivato proprio sul filo di lana a disputare i playoff, è riuscito a sbancare per la seconda volta la Post Finance Arena di Berna. Nonostante il doppio vantaggio firmato da Moser (in shorthand) e Heim, la formazione di Jalonen, vincitrice della Regular Season, si è fatta colpevolmente raggiungere nel periodo conclusivo. Prima da un gol di Wingels, scaturito dalla deviazione determinante di Burren, quindi da una rete dalla distanza di Tömmernes, che ha beffato per la seconda volta Genoni. Nel secondo overtime, al minuto 95:49, la rete decisiva di Fransson, ha consentito agli uomini di McSorley di riconquistare il prezioso vantaggio del ghiaccio.

Nell’ultima sfida di Gara-3 dei Quarti di Finale, il Losanna ha sconfitto (5-2) il Langnau alla Patinoire de Malley, portandosi così sul (2-1) nella serie. Una vittoria conquistata solo alla distanza, dopo che i “tigrotti” si erano portati avanti per ben due volte. Dopo il gol di Lardi, i vodesi raggiungevano il pareggio con Jeffrey . Il nuovo vantaggio bernese firmato dal finlandese Elo, veniva invece riequilibrato dalla rete in power-play di Vermin, al termine del periodo iniziale. La formazione di Peltonen, produceva l’allungo definitivo negli ultimi due terzi, con i gol di Emmerton, Vermin (autore di una doppietta) e Bertschy.

Nel girone playout, dove tutto è già deciso, netta vittoria casalinga del Friborgo (7-3) contro il Davos, e, successo dei campioni in carica dello Zurigo, che si sono imposti di misura a Rapperswil (3-2), grazie al gol decisivo di Ryan Hayes nel periodo conclusivo.

 
Risultati

giovedì 14 marzo
Play off – Quarti di finale Gara 3
Berna      – Ginevra    2-3 ot
Serie: 2-1 Ginevra
Zugo       – Lugano     5-4
Serie: 3-0 Zugo
Losanna    – Langnau    5-2
Serie: 2-1 Losanna
Bienne     – Ambrì      5-3
Serie: 3-0 Bienne

Playout – Ranking Round
Rapperswil – Zurigo     2-3
Friborgo   – Davos      7-3

Classifica Ranking Round(dopo 2 giornata)
1.Zurigo     79
2.Friborgo   78
3.Davos      51
4.Rapperswil 35

Top Scorer LNA (Playoff)
#                Club     Punti (reti+assist)
1.D.Lammer      (Zugo)      5      (2+3)
2.J.Fuchs       (Bienne)    4      (4+0)
3.D.Jeffey      (Losanna)   4      (3+1)
4.J.Vermin      (Losanna)   4      (3+1)
5.D.Kubalik     (Ambrì)     4      (1+3)
6.C.Bertschy    (Losanna)   4      (1+3)

Top Scorer LNA (Ranking Round)
#                Club        Punti (reti+assist)
1.D.Knelsen     (Rapperswil)   3      (1+2)
2.A.Rödin       (Davos)        3      (1+2)

Top Goalies (Playoff)
#                Club      Svs%    GAA
1.R.Mayer        (Ginevra) 95,50   1.36
2.L.Genoni       (Berna)   93,86   1.92
3.J.Hiller       (Bienne)  93,55   2.00
4.T.Stephan      (Zugo)    91,86   2.33
5.S.Zurkirchen   (Losanna) 90,67   2.33

Top Goalies (Ranking Round)
#                     Club        Svs%    GAA
1.M.Nyffeler         (Rapperswil) 97,30   1.00
2.N.Schlegel         (Zurigo)     95,83   0.92
3.D.Guntern          (Zurigo)     93,75   2.00
4.L.Waeber           (Friborgo)   93,75   1.92
5.N.Bader            (Rapperswil) 89,66   3.06

Gli highlights di Ambrì Piotta e Lugano

Tags: ,