NL QFG1: debutto amaro per le ticinesi, Berna sorpreso dal Ginevra

Non sono mancate le sorprese nel primo turno di playoff del campionato di NL. Il Berna, infatti, capolista indiscusso della Regular Season, è stato subito sorpreso alla Post Finance Arena (2-0) dal Ginevra che, di contro, aveva ottenuto la qualificazione proprio sul filo di lana, a spese dei campioni in carica dello Zurigo. La formazione di McSorley ha indirizzato il match a proprio favore già a partite dal primo periodo, grazie alle reti in power-play di Bozon e a quella di Völlmin. Pur disponendo di diversi minuti in superiorità numerica, la squadra della capitale non è riuscita nell’intento di rientrare in partita, consentendo a Robert Mayer di conquistare il suo prezioso shutout.

Ha stupito anche il Langnau, che si è imposto nettamente alla Patinoire de Malley contro il Losanna. Il risultato di (5-1) indica chiaramente  la superiorità espressa in pista dalla formazione di Heinz Ehlers. Dopo il vantaggio iniziale realizzato per i vodesi da Jeffrey, i bernesi hanno infatti assunto progressivamente il dominio del match, chiudendo già in vantaggio il primo periodo, grazie ai gol di Gagnon e Rüegsegger. Le segnature successive di Glauser, Gustafsson e Di Domenico hanno chiuso i conti a favore dei “tigrotti”.

Debutto amaro per le due ticinesi. Il Lugano ha ceduto di misura (3-2) contro lo Zugo, perdendo per infortunio Klasen (condizioni da valutare). L’inizio della partita si è dimostrato subito in salita per i bianconeri, infilati fin troppo facilmente dalle reti di Martschini e Simion. La squadra di Ireland ha abbozzato una rimonta, riuscendo ad accorciare le distanze, grazie a una deviazione vincente di Morini sul tiro di Wellinger. Nel secondo periodo, più per demerito proprio che per merito degli avversari, lo Zugo non è stato capace, nonostante il suo indiscusso predominio, di chiudere il match a proprio favore, sprecando parecchie occasioni da gol. Ecco che allora la rete di Flynn, ottimamente servito da Suri, è risultata decisiva ai fini del successo finale. La rete, realizzata a poco più di tre minuti dal termine da Loeffel, ha riacceso momentaneamente le speranze dei bianconeri, a cui però rimane l’amaro in bocca, per avere disputato una prestazione non proprio all’altezza della situazione.

Continua invece per l’Ambrì la maledizione chiamata Bienne. L’impatto con i playoff, dopo cinque anni di assenza, si è dimostrato tutt’altro che felice per i  leventinesi, usciti dalla Tissot Arena con una sconfitta. Il primo periodo è stato un autentico monologo dei seeländer, che sono tornati negli spogliatoi in doppio vantaggio, grazie alle reti di Dominik Diem e dell’ex Fuchs. I biancoblù che, peraltro, avevano sprecato nei primi venti minuti una buona occasione con Bianchi, hanno mostrato maggior determinazione nel terzo centrale, riuscendo a superare indenni una fase cruciale (quasi due minuti in 3 contro 5), pur tuttavia senza riuscire ad impensierire quasi mai Hiller in fase offensiva. Il gol della speranza, è arrivato infatti a soli 15” dal termine per opera di Fischer, ma i giochi erano già ampiamente fatti. Anzi, c’è stato ancora il tempo di assistere al gol a porta vuota di Künzle, che ha fissato il risultato finale sul (3-1).

Nel poco entusiasmante girone playout, successi di Zurigo e Rapperswil, rispettivamente contro Friborgo e Davos. Per i campioni in carica, vittoriosi (2-1) dopo i rigori, a decidere è stata la realizzazione di Pius Suter. Nel successo esterno dei sangallesi (3-1), protagonista assoluto è stato Kevon Clark, autore di una doppietta.

Se la stagione agonistica entra nel vivo, il mercato batte la fiacca: nelle ultime settimane i movimenti hanno riguardato Zugo e Friborgo: dalla prossima stagione i Tori non avranno più in attacco Fabian Haberstich, il quale si trasferirà al Visp. I burgundi registrano la partenza del terzino Sebastian Schilt, diretto a Langnau, e il ritiro a quarant’anni dell’attaccante Lauren Meunier che a fine stagione appenderà i pattini al chiodo dopo quasi 1.100 partite disputate in carriera.

 
Risultati

sabato 9 marzo
Play off – Quarti di finale Gara 1
Berna      – Ginevra    0-2
Serie: 1-0 Ginevra
Zugo       – Lugano     3-2
Serie: 1-0 Zugo
Losanna    – Langnau    1-5
Serie: 1-0 Langnau
Bienne     – Ambrì      3-1
Serie: 1-0 Bienne

Playout – Ranking Round
Zurigo     – Friborgo   2-1 so
Davos      – Rapperswil 1-3

Classifica Ranking Round(dopo 1 giornata)
1.Zurigo     76
2.Friborgo   75
3.Davos      51
4.Rapperswil 35

Top Scorer LNA (Playoff)
#                Club     Punti (reti+assist)
1.S.Giliati     (Langnau)   3      (0+3)
2.A.Glauser     (Langnau)   2      (1+1)
3.H.Pesonen     (Langnau)   2      (0+2)
4.S.Alatalo     (Zugo)      2      (0+2)
5.A.Bertaggia   (Lugano)    2      (0+2)

Top Scorer LNA (Ranking Round)
#                Club        Punti (reti+assist)
1.K.Clark       (Rapperswil)   2      (2+0)
2.D.Knelsen     (Rapperswil)   2      (1+1)

Top Goalies (Playoff)
#                     Club     Svs%     GAA
1.R.Mayer            (Ginevra) 100,00   0.00
2.J.Hiller           (Bienne)   95,83   1.00
3.D.Ciaccio          (Langnau)  95,65   1.00
4.B.Conz             (Ambrì)    93,75   2.06

Top Goalies (Ranking Round)
#                     Club        Svs%    GAA
1.L.Waeber           (Friborgo)   97,83   0.92
2.M.Nyffeler         (Rapperswil) 96,55   1.00
3.N.Schlegel         (Zurigo)     95,83   0.92
4.A.Lindbäck         (Davos)      88,00   3.07

Gli highlights di Lugano e Ambrì Piotta

Tags: