Val Pusteria: tutto in trenta secondi!!

Il Val Pusteria vince a Vipiteno in scioltezza e conquista i tre punti che gli permettono di raggiungere novantanove punti in classifica generale. I Lupi si presentano alla Weihenstephan Arena di Vipiteno in formazione largamente rimaneggiata. Alle assenze dei lungodegenti: Marco Virtala, Thomas Erlacher e Gregor Grossgasteiger, si è infatti, recentemente, aggiunta quella di David Laner che si è fatto male nella gara di sabato contro il Cortina e che, in settimana, ha dovuto subire un intervento chirurgico alla spalla. I Lupi, in avanti, stasera, non avevano neppure il numero di giocatori necessari a schierare 4 linee. Coach Mattila ha schierato così tre linee complete: Andergassen-Traversa-Gander, Alex De lorenzo meo-Teemu Virtala-Oberrauch; Brunner-Berger- Lukas De lorenzo meo; con Leitner e Piroso che di volta in volta con un terzo “improvvisato” (spesso il volonteroso e sempre disponibile Andergassen) costituivano la quarta linea.

Il primo tempo non è stato giocato a ritmo forsennato. I giocatori delle due formazioni parevano più attenti a non farsi del male che a cercare, con impeto, il goal. Ne è venuta fuori una gara un po’ accademica nella quale più che la veemenza si è fatta apprezzare la tecnica, la tattica ed il gioco di squadra. Gli ospiti non potevano che trarre vantaggio da questa situazione ed infatti le conclusioni più pericolose hanno portato la firma di Berger (11:12) e Gander (13:12).

La prima penalità della gara viene fischiata a Felix Brunner che si era eretto con troppa foga al ruolo di protettore di Colin Furlong. Nei due minuti di Power Play i Broncos non riescono, però, a creare particolare apprensione al portiere pusterese. Comunque la formazione di casa (stasera in maglia azzurra) mostra di crescere col passare dei minuti ed al 16:57, costruisce la più nitida occasione da goal del primo drittel. L’azione parte da Tobias Kofler che serve, dal suo terzo offensivo, un disco centrale e veloce a Matthias Mantinger. Il ventitreenne attaccante si trova a tu per tu con Furlong ma il suo tiro, lesto e forte, è troppo centrale per impensierire il ventiseienne portiere canadese.

Nel secondo tempo la gara continua sulla falsariga di quanto visto nel primo e dopo una bella azione personale (4:56), coast to coast, di Paolo Bustreo conclusa con un tiro un po’ troppo centrale, il Val Pusteria, in meno di mezzo minuto mette le mani sul risultato. Il primo goal arriva con una invenzione di Alex De lorenzo meo che da posizione centrale infila Vallini. Non c’è neppure il tempo di appuntare il goal sul taccuino che, dalla sinistra dello schieramento offensivo, tra la linea rossa e la linea blu, Armin Helfer lascia partire un missile che si infila nell’angolino alto, sulla destra del portiere Vallini, comprensibilmente sorpreso, dalla conclusione.

Il terzo drittel si apre con due penalità, per gioco rude, quasi consecutive, fischiate ai danni di Capitan Helfer. Nei quattro minuti conseguenziali il Vipiteno cerca, con coraggio, il goal ma Furlong è ovunque. Al 9:27, il Val Pusteria potrebbe triplicare il vantaggio. L’azione in situazione di power play (Kofler in gabbia puniti) nasce una discesa di Gander con servizio nello slot per Berger la cui conclusione viene neutralizzata da Vallini. I Brunicensi, comunque, tengono, saldamente nelle mani il risultato, ed infilano la quarta vittoria stagionale (su altrettanti incontri) contro i Broncos. Il Vipiteno ci parso un po’ stanco e non è mai riuscito ad impensierire seriamente Furlong che, senza troppi tormenti, ha potuto festeggiare l’ennesimo shutout. Per i ragazzi dell’Alta Val d’Isarco, d’altronde, la vittoria casalinga contro il Val Pusteria resta una chimera che non si ripete dal lontano ottobre 2015.

Wipptal Broncos Weihenstephan vs. HC Val Pusteria Lupi 0 – 2 (0-0, 0-2, 0-0)
Giovedì, 21.02.2019: (ore 20:00); Weihenstephan Arena di Vipiteno. Spettatori: 751
Arbitri: LESNIAK Borut e MOSCHEN Andrea, Giudici di Linea: Piras Antonio e Snoj Tadej.

MARCATORI: 31:14 0:1 PUS Alex De lorenzo Meo (Hofer – Oberrauch); 31:37 0:2 PUS Armin Helfer (Traversa);