Un gol di Emmerton inguaia il Lugano

Successo di misura del Losanna 2-1. Una deviazione fortuita del pattino di Herren, regala il vantaggio ai bianconeri, che vengono raggiunti da un gol in power-play di Jeffrey e superati dal gol di Emmerton.

Il Lugano aveva l’occasione di vedere finalmente risplendere la luce in fondo al tunnel. Dopo una rincorsa durata diverse settimane, infatti, i bianconeri, grazie a un eventuale successo contro il Losanna avrebbero agganciato il Ginevra Servette all’ottavo posto, rimettendosi sempre più in corsa per un posto nei playoff. E, invece, inaspettatamente è arrivata una sconfitta di misura alla Corner Arena (2-1), che compromette non poco il cammino dei bianconeri.

Dopo un minuto abbondante di gioco, Merzlikins doveva intervenire con bravura,  per respingere con il gambale una pericolosa deviazione sottomisura di Emmerton. I vodesi esercitavano fin dalle prime battute  una grande pressione, costringendo i padroni di casa a stazionare nel proprio terzo difensivo. Dopo un tiro dalla distanza finito di poco a lato di Genazzi, un ingaggio scorretto costringeva però i bianconeri alla prima inferiorità numerica. Era proprio in questo frangente, che la formazione di Ireland aveva la grande opportunità di passare in vantaggio, al termine di un contropiede solitario, sprecato malamente da Lajunen. Il Lugano che ripresentava in pista Ronchetti, dopo l’operazione all’anca effettuata nel lontano mese di settembre, sbloccava il risultato al minuto 11:41, quando un tiro di Loeffel veniva deviato alle spalle di Zurkirchen, dal pattino di Herren (1-0). Dopo un altro pericolo creato da Bertaggia, al termine di un’azione confusa davanti alla gabbia del Losanna, i bianconeri dovevano ringraziare il loro portiere, che negava la rete del pareggio, per ben due volte, al solito intraprendente Genazzi.

Nel periodo centrale, Hofmann, Top Scorer bianconero, costringeva subito Zurkirchen ad un difficile intervento, mentre sull’altro fronte toccava allo svizzero-finlandese Leone (ex Kloten) con un’incursione centrale, impensierire Merzlikins. La formazione ospite, andava però davvero ad un passo dal pareggio, nell’azione successiva, quando Bertschy lanciato tutto solo in contropiede, arrivava davanti al portiere bianconero, senza riuscire colpevolmente a batterlo. L’insistenza della formazione di Peltonen, per poco, non era premiata al minuto 30:20, quando Emmerton serviva un buon assist a Herren, la cui conclusione a colpo sicuro, veniva respinta dal solito Merzlikins. Dopo aver corso qualche pericolo di troppo, i bianconeri si rifacevano sotto vedendosi negare solo dalla sfortuna il gol del raddoppio. Il backhand di Bürgler, infatti, complice una deviazione dello stesso Zurkirchen, centrava il palo alla sua destra. Il portiere ospite tornava nuovamente protagonista in altre due situazioni. Sul diagonale di Jörg prima, e su quello di Loeffel, qualche istante dopo, lasciando il risultato immutato.

Senza la sua stella canadese Torrey Mitchell, ala con importanti trascorsi nei Montreal Canadiens, e con Kenins squalificato, il Losanna doveva cercare in tutti i modi di riequilibrare il risultato, per evitare di essere fagocitato dalle inseguitrici, bianconeri in primis. Dopo il rientro sul ghiaccio, Vermin mancava una facile deviazione al volo, servito da Bertschy, mentre Moy sparava addosso a Merzlikins da posizione centrale. Anche i padroni di casa si mostravano a loro volta incisivi. Primi con Cunti che non inquadrava il bersaglio da posizione angolata, quindi con Hofmann, che trovava per ben due volte l’opposizione di Zurkirchen (molto bello l’uno-due con Sannitz). Al minuto 46:44, un aggancio falloso fischiato a Fazzini, dava una consistente mano ai vodesi che, grazie all’uomo in più, realizzavano il gol del pareggio. Merito di Jeffrey che ribadiva in rete il disco, sul rebound lasciato da Merzlikins, dopo un tiro di Herren (1-1).  Dopo un disimpegno errato a centro pista di Chorney,che poco non regalava il gol in contropiede di Bertschy, gli ospiti si portavano addirittura in vantaggio, con una deviazione sottomisura di Emmerton al minuto 51 :02. Dopo l’uno-due terrificante, i bianconeri provavano a reagire, impensierendo Zurkirchen con un tiro da posizione centrale di Klasen e una botta in diagonale di Chiesa. Ireland richiamava in panchina Merzlikins a 80”dal termine, rischiando però di subire il gol a porta vuota di Trutmann. I tentativi disperati di raggiungere il pareggio risultavano però vani e i bianconeri dovevano così incassare una cocente sconfitta. La trasferta di domani contro la capolista Zugo così diventa fondamentale in quanto, in caso di ulteriore sconfitta, potrebbe complicare ulteriormente il cammino dei bianconeri verso i playoff.

 

Lugano – Losanna  1 . 2 ( 1 . 0 – 0 . 0 – 0 . 2 )

11 : 41  1 . 0  58.Loeffel (86.Klasen)

48 : 24  1 . 1  15.Jeffrey (11.Herren)  PP1

51 : 02  1 . 2  25.Emmerton (95.Moy)

 

Penalità    :  Lugano  2 x 2           Losanna  0 x 2

Arbitri       :  Stefan Eichmann – Thomas Urban (AUT)

Linesman  : Franco Castelli – Marc Henry Progin

Spettatori : 6145

Lugano : Merzlikins, Chorney-Loeffel, Hofmann(TS)-Sannitz-Lapierre(A), Vauclair(A)-Ulmer, Klasen-Lajunen-Bürgler, Riva-Chiesa(C), Jörg-Morini-Bertaggia, Ronchetti-Cunti, Walker-Romanenghi-Fazzini. All.Ireland

Losanna : Zurkirchen, Grossmann-Trutmann, Bertschy-Jeffrey(A-TS)-Vermin, Frick-Lindbohm, Leone-Emmerton-Moy, Genazzi(A)-Nodari, Herren-Froidevaux(C)-Zangger, Borlat-Schelling, Roberts-In Albon-Antonietti. All.Peltonen.

Tags: ,