Dornbirn corsaro al Palaonda

Il Bolzano fa, per lunghi tratti, la partita ma ad uscire vincitore dal Palaonda è il Dornbirn che ha saputo colpire al momento giusto approfittando di un malinteso fra Daniel Frank e Paul Geiger nel tempo supplementare.

Il match di Santo Stefano comincia con il Dornbirn che prova a mettere pressione alla difesa biancorossa, ma il Bolzano tiene e contrattacca, pur senza affondare i colpi; i primi minuti sono di studio tra due squadre che si conoscono e si temono e le occasioni vere, almeno nei primi minuti, latitano.

Il primo squillo della partita lo effettua il Dornbirn con O’Donnell che chiama Irving ad una respinta d’istinto con una conclusione da due passi; sul versante opposto Markus Nordlund ci prova con un assolo, ma Rinne in serata di grazia respinge l’insidia. La prima frazione procede a fiammate, con il Bolzano che lascia sfogare gli avversari per poi cercare di colpire in contropiede.

A cavallo di metà periodo, i biancorossi vanno vicinissimi al gol prima con una staffilata di Nordlund alta di poco, poi con Riley Brace che non sfrutta l’assist di Miceli; ci prova anche Deluca, ma la difesa ospite si salva seppur a fatica. Il Dornbirn comincia a lasciare ghiaccio al Bolzano che rischia sulle conclusioni di O’Donnell e Neubeuer, prima di mancare clamorosamente il vantaggio con Miceli che vanifica un 2 contro 1 sparando addosso a Rasmus Rinne. Primo tempo che si chiude a reti inviolate.

L’inizio della frazione centrale è tutto di marca Bolzano: Catenacci non riesce a deviare a rete da buona posizione per il contrasto di un difensore, mentre solo traversa salva Rinne su un tiro dalla blu di Marchetti. I biancorossi premono alla ricerca del vantaggio, ma il portiere ospite si rivela un’autentica saracinesca e salva su Catenacci prima e Petan subito dopo.

Rasmus Rinne si rivela insuperabile su Catenacci e, quando il portiere deve lasciare il posto al backup per un problema all’attrezzatura, Brace avrebbe una ghiotta occasione per segnare, ma Stroj compie un mezzo miracolo e sventa; a due secondi dalla sirena ancora un’occasione per la squadra di casa con Frank, ma Rinne sventa e manda le due squadre al secondo riposo ancora sullo 0-0.

Nel terzo periodo il Bolzano si getta in avanti, ma non riesce a sfruttare due superiorità numeriche quasi consecutive per errori di mira e, soprattutto, per i prodigiosi interventi del portiere avversario.

Gli schemi saltano, fra i biancorossi comincia ad affiorare un po’ di stanchezza, ma il Dornbirn non attacca preferendo fare quadrato davanti al proprio portiere che, quando non compie un intervento prodigioso, deve ringraziare l’incrocio dei pali colpito da Luca Frigo con il Bolzano in inferiorità numerica.

La terza frazione termina ancora senza reti e la partita scivola all’overtime.

Il tempo supplementare comincia con il Bolzano che si trova a gestire quasi subito una superiorità numerica, ma i tentativi dei biancorossi si infrangono contro il portiere avversario che nega la gioia della rete agli attaccanti di casa. Quando anche Angelo Miceli si vede fermare da Rinne ad un passo dal gol vittoria, sul pubblico del Palaonda cominciano a scendere oscuri presagi che si realizzano nell’ultimo minuto di gioco: Frank e Bernard non s’intendono in attacco e O’Donnel parte in contropiede, Paul Geiger va a chiudere indicando a Frank l’uomo da seguire ma i due non si capiscono; O’Donnel può così servire un liberissimo Trotter che ne approfitta per realizzare il gol vittoria.

La squadra di coach Suikkanen avrà pochissimo tempo per metabolizzare questa immeritata sconfitta perchè venerdì sera è attesa dai temibili Red Bull di Salisburgo, in quello che oramai è diventato un “classico” della EBEL.

HCB – DEC 0-1 OT (0-0; 0-0; 0-0; 0-1):64:03 Brock Trottner (0-1)

Altri risultati:

HCI – RBS 5-3 (1-2; 3-1; 1-0)

ZNO – AVS 5-7 (0-1; 0-3; 5-3)

VSV – MZA 5-2 (1-0; 3-1; 1-1)

VIC – EHL 2-3 OT (1-0; 1-1; 0-1; 0-1)

G99 – KAC 5-2 (0-1; 2-1; 3-0)

Classifica (dopo 31 giornate)

VIC 62

G99 56

HCB 56

KAC 54*

RBS 53*

EHL 50

AVS 49

ZNO 44

DEC 43

HCI 40

VSV 24

MZA 21**

* una partita da recuperare

** due partite da recuperare

Tags: