Mondiali TD Gr, A: bene la Francia. Si conferma la Rep. Ceca

La Francia supera largamente l’Austria e la stacca decisamente nella classifica generale portandosi a quota sei e lasciando il team bianco-rosso, con l’unico punticino raccolto nella gara contro la Svizzera, a vedersela con la Bielorussia per evitare la retrocessione.
Oggi pomeriggio, nella formazione di Coach Dave HENDERSON, ha brillato la stella del trentaduenne attaccante Damien Fleury che, come noto, dopo l’ultima esperienza in DEL, nelle file dello Schwenninger Wild Wings, rientrerà il prossimo campionato, nella Lega d’Oltralpe avendo già firmato un contratto annuale per il Grenoble.
Eppure, in apertura, un goal dell’attaccante Thomas Hundertpfund, in forza alla formazione del Klagenfurt, aveva illuso, e non poco, la formazione di Roger BADER, sospinta da una tifoseria colorita e festante. Poi, in tre minuti i Francesi hanno ribaltato il risultato grazie alle segnature di Damien Fleury e Sacha Treille, un attaccante che, pur nativo di Grenoble, gioca, da anni, nel campionato Ceco, la Tipsport Extraliga, nelle file della Dynamo Pardubice.

Nel secondo drittel gli austriaci hanno premuto sull’acceleratore nel tentativo di riequilibrare il risultato e, in situazione di power play, sono riusciti a trovare il goal del pareggio con Michael Raffl. Poi una sequela di penalità si sono abbattute sul team mitteleuropeo che, in situazione di doppio power play, (Patrick Obrist e Patrick Peter in panca puniti) ha subito il 3-2 di Damien Fleury, in rete con un tiro dallo slot. L’Austria ha cercato di recuperare ma (37:02) Lukas Handum (ex Malmoe già tesserato il prossimo anno in Ebel per il Linz), a tu per tu col portiere, non ha trovato il bersaglio grosso mentre, nella ripartenza, Teddy Da Costa, con un tiro dalla distanza, ha sorpreso il portiere del Salisburgo e della Nazionale austriaca, Bernhard Starkbaum, per il goal del 4 – 2. La seconda frazione di gioco si è chiusa con questo risultato; proprio in apertura di terzo tempo, Michael Raffl (nato a Villach ma da molti anni in forza ai Philadelphia Flyers) si è fatto pizzicare in fallo, per l’ennesima penalità, ed il power play transalpino, è stato mortale per la formazione austriaca. Lo Special Team francese, infatti è andato in goal con Sacha Treille, una segnatura che, pure a quasi 19 minuti dalla sirena, ha fatto calare il sipario sull’esito finale del match.

Ore 16:15 Francia – Austria 5 – 2 (2-1, 2-1, 1-0)
ARBITRI: JERABEK Antonin e RENEAU Stephen; Giudici di Linea: OLIVER Brian e OTMAKHOV Alexander; Spettatori: 5780.
MARCATORI: 3:32 (0-1) Thomas Hundertpfund; 10:00 (1-1) Damien Fleury; 13:10 (2-1) Sacha Treille; 31:22 PP (2-2) Michael Raffl; 34:11 2PP (3-2) Damien Fleury; 37:49 (4-2) Teddy Da Costa; 41:06 (5-2) Sacha Treille.

La Repubblica Ceca, dopo la eccezionale prestazione di ieri contro la Russia, ha ottenuto una larga vittoria nel match che la opponeva alla formazione guidata da Sergei PUSHKOV. E’ accaduto tutto nei primi diciotto minuti nei quali la formazione guidata da Josef Jandac ha segnato tre goal mettendo in pratica, “in ghiaccio” il risultato e la conseguente vittoria. La Bielorussia all’inizio è parsa assai nervosa, ne fanno prova le tre penalità subite dai giocatori in maglia rossa nei primi sette minuti di gioco. Le sanzioni subite da Pavel RAZVADOVSKI (al 3°), Stepan FALKOVSKI (al 5°) e Vladimir DENISOV (al 7°) hanno costretto i Bielorussi ad una serie di affannose fasi difensive che sono sfociate (08:12) nella segnatura di Libor Sulak. Al tredicesimo un’altra penalità per i bielorussi,comminata a Geoff Platt, ha anticipato il raddoppio (giunto al quindicesimo) di Roman Horak e tre minuti più tardi è arrivato anche il goal del 3 – 0 a firma di Michal Repik.
Nei due drittel successivi non è successo nulla in grado di cambiare il risultato. Al 54:27 Dmitrij JASKIN, in controfuga impegna severamente TRUS Vitali che col gambale devia la conclusione ravvicinata, sopra la traversa. La sirena regala i tre punti alla formazione Ceca che già domenica (ore 16:15) contro la Francia avrà l’occasione per migliorare la sua già buona classifica. Per la Bielorussia, domani (ore 16:15) arriva la partita della verità contro la nazionale Austriaca e solo vincendola i ragazzi di PUSHKOV possono sperare di evitare la retrocessione.

Ore 20:15 Bielorussia – Repubblica Ceca 0 -3 (0-3, 0-0, 0-0)
MARCATORI: 08:12 (1-0) Libor Sulak; 15:22 (2-0) Roman Horak; 18:35 (3-0) Michal Repik.

Classifica: Svezia p.ti 12 (4 partite); Russia p.ti 10 (4); Svizzera p.ti 9 (4); Repubblica Ceca p.ti 9 (5); Slovacchia p.ti 7 (4); Francia p.ti 6 (5); Austria p.ti 1 (5); Bielorussia p.ti 0 (5)

Prossimo turno (12/5)
Ore 12:15 Slovacchia – Svezia
Ore 16:15 Austria – Bielorussia
Ore 20:15 Russia – Svizzera